Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, Riva del Garda Fierecongressi ai box: ''Lavoriamo dietro le quinte per ripartire ancora una volta e garantire la massima sicurezza a espositori e pubblico''

Dopo un periodo di blocco per il lockdown, il settore dei convegni era ripartito nel segno del congresso nazionale Sin-Società italiana di nefrologia. In questa occasione è stato studiato un format ibrido tra persone in presenza e collegati in remoto. Adesso il nuovo stop per le disposizioni del governo per cercare di frenare la curva del contagio di Covid-19

Di Luca Andreazza - 03 novembre 2020 - 16:49

RIVA DEL GARDA. Si è passati in pochi giorni dal via libera alle manifestazioni fieristiche ma se di carattere nazionale e internazionale con la sospensione di tutte le attività convegnistiche e congressuali (eventualmente previste solo con modalità a distanza) al semaforo rosso a tutte le attività. Le decisioni inserite nell'ultimo Dpcm del premier Giuseppe Conte per fronteggiare la recrudescenza dell'epidemia Covid-19 segna un'altra battuta d'arresto per Riva del Garda Fierecongressi in questo 2020 così difficile. E ora si profilano nuovi provvedimenti per frenare la curva del contagio.

 

"Un momento davvero complicato e incerto - dice Roberto Pellegrini, presidente di Riva del Garda Fierecongressi - la nostra società è operativa e reggiamo bene questo periodo, però sono evidenti le difficoltà organizzative: riusciamo a sopperire con una grande flessibilità e spirito di sacrificio. Una squadra molto unita e concentrata nel raggiungere gli obiettivi e mantenere alti i livelli delle relazioni sviluppate in questi anni di impegno costante e serio".

 

Dopo un periodo di blocco per il lockdown, il settore dei convegni era ripartito nel segno del congresso nazionale Sin-Società italiana di nefrologia. In questa occasione è stato studiato un format ibrido tra persone in presenza e collegati in remoto (Qui articolo).

 

"Un'esperienza importante - prosegue il numero uno della società - che è riuscita a garantire l'evento in piena sicurezza e portare soddisfazione a tutte le parti chiamate in causa. Ora però compiamo un passo di lato e queste attività sono attualmente sospese. La forza di queste iniziative è comunque la possibilità di creare contatti e reti, una componente che viene a mancare totalmente. Restiamo in attesa di capire se c'è un'opportunità e spazi di manovra per recuperare qualche appuntamento più avanti".

 

Il polo più importante del Trentino per quanto riguarda le fiere resta comunque concentrata sul fiore all'occhiello degli eventi: Expo Riva Schuh e Gardabags che sono state recentemente ricollocate da sabato 16 a martedì 19 gennaio 2021. "Le valutazioni preliminari ci avevano portato a prevedere queste attività sul prossimo anno. Attualmente è tutto confermato - evidenzia Pellegrini - ma è chiaro che la situazione epidemica è molto incerta e si rischia di vedere svanire oltre 7 mesi di lavoro intenso. Gli sforzi sono massimi per organizzare un evento in piena sicurezza per espositori e clienti".

 

Una difficoltà aggiuntiva è quella che le aziende multinazionali hanno praticamente decretato uno stop ai viaggi di lavoro fino al 31 dicembre e ci sono limitazione per l'ottenimento dei visti. "Queste alcune ragioni che ci hanno portato a ricollocare questi appuntamenti a gennaio. Naturalmente - spiega il presidente di Fierecongressi - la volontà è quella di continuare a garantire agli espositori l’incontro con i propri interlocutori storici e intercettare nuovi clienti".

 

E in questo contesto Fierecongressi spinge ancora di più verso l'innovazione e la tecnologia. "I nostri partner cinesi - continua Pellegrini - sono pronti a inviare i prodotti, quindi formeremo il personale in loco per presentazioni preparate e professionali. Non solo, progettiamo dei collegamenti in videoconferenza per permettere agli espositori di essere sempre presenti, seppur a distanza. Una serie di proposte ibride per trovare soluzioni percorribili e alternative per mantenere attivo il principio delle fiere del settore: relazioni, reti, scambi, dialogo e contatti".

 

Una scelta che consente ai visitatori di avere una preview completa sulle nuove tendenze moda, pianificare gli ordini con largo anticipo e individuare tempestivamente i cambiamenti del mercato calzaturiero. Intanto la situazione viene costantemente monitorata. "Le fiere - aggiunge Pellegrini - sono spazi chiusi e ben definiti: la sicurezza è garantita in quanto conosciamo l'esatta affluenza e l'igienizzazione costante non è un problema. La tecnologia ci permette di gestire tutto in tempo reale: certo, siamo alla costante ricerca di nuove soluzioni perché la salute deve avere la precedenza su tutto, fermo restando che nei momenti di crisi il comparto fieristico e congressuale hanno sempre rappresentato un volano importantissimo per la ripesa del tessuto economico e sociale".

 

La società è riuscita anche a "collaudare" la Spiaggia degli olivi. "Una location unica - afferma il presidente - i trentini stessi hanno voglia di riscoprire questi spazi. Abbiamo approfittato di questo periodo per la completa ristrutturazione degli immobili. I pochi eventi che siamo riusciti a organizzare nel rispetto delle disposizioni sono andati bene. Appena possibile si cercherà di ripartire con una programmazione strutturata per valorizzare questa cornice speciale".

 

Attesa anche per la partenza della riqualificazione del quartiere fieristico. "E' fondamentale per guardare con ottimismo al futuro. La speranza è quella di partire nel gennaio 2021 e rilanciare le nostre azioni per recuperare questo periodo", conclude Pellegrini.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 gennaio - 19:47

Sono 279 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 43 pazienti sono in terapia intensiva e 40 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 7 decessi, mentre sono 27 i Comuni con almeno 1 nuovo caso di positività

21 gennaio - 20:22

L'albergo su corso Rosmini nel centro storico della città della Quercia resta operativo e cerca di reggere un mercato profondamente stretto e diverso. Marco Zani: "Cerchiamo anche di mettere in rete le peculiarità della zona, la vicinanza del Monte Baldo, la Campana dei caduti e i musei, così come le tante possibilità offerte dalla Vallagarina. Ideato offerte speciali per fa lavorare anche il ristorante la sera"

21 gennaio - 17:58

Sono state registrare 26 dimissioni e 238 guarigioni. Cala il numero dei pazienti in ospedali. Analizzati oltre 4 mila tamponi. Sono state confermate 191 positività riscontrate nei giorni scorsi tramite test antigenico

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato