Contenuto sponsorizzato

La terapia ormonale per persone transgender verrà coperta dal servizio sanitario nazionale. Esulta Arcigay del Trentino: ''Un cambiamento positivo''

L'Aifa ha dichiarato che i soggetti con disforia di genere potranno ricevere gratuitamente tutti i farmaci necessari alla terapia ormonale che fa parte del processo di transizione; esultano le associazioni Lgbt+

Di Rebecca Franzin - 01 ottobre 2020 - 19:51

TRENTO. Un passo avanti per i diritti transgender: l'Aifa annuncia che il Servizio Sanitario Nazionale coprirà tutte le spese farmacologiche necessarie a chi sta attraversando un processo di transizione. "Alcune fasi e alcuni farmaci necessari al processo di transizione erano già coperti, ma una gran parte restava a carico della persona e questo costituiva un peso economico" dice Lorenzo De Preto, Presidente dell'Arcigay Trentino.

 

"Prima di questa sentenza la situazione in Trentino e soprattutto nei territori di provincia era complessa: c'è difficoltà da parte dei cittadini che abitano lontani dai centri a reperire informazioni o a mettersi in contatto con associazioni, collettivi e gruppi'', spiega De Preto.

 

"Fortunatamente - continua il presidente - in Trentino Alto Adige abbiamo la rete Elgbtqi*, che raccoglie tutte le associazioni della Regione come Agedo, Arcigay di Trento e Bolzano e Generation +, e si occupa di fare sensibilizzazione e informazione, ma non è facile raggiungere tutti". 

 

"Noi come Arcigay cerchiamo il più possibile di essere presenti sul territorio per le persone transgender - afferma De Preto - ma non è semplice, perché necessitano di un tipo di consulenza particolare e di un sostegno che dovrebbe essere dato anche dalle istituzioni. Quello di oggi è cambiamento positivo".   

 

Negli ultimi anni in Trentino si è visto un altro importante cambiamento in favore dei diritti delle persone transgender, la possibilità per gli studenti e le studentesse dell'Università di Trento di richiedere, tramite una Consigliera di fiducia, un libretto che rispetti l'identità di genere dello studente anche prima della conclusione del processo di transizione.

 

"Questa è stata una grande vittoria per il Trentino e un risultato importante delle associazioni, che sono riusciti a far implementare una direttiva che era già stata in vigore da anni ma che nella pratica non veniva applicata".

 

C'è però ancora strada da fare: "Ci sono diverse azioni a basso costo che le istituzioni potrebbero intraprendere per includere le persone transgender; avevamo presentato una lista di sei punti ai candidati sindaco e speriamo che ora si agisca per creare una città più inclusiva". 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 ottobre - 05:01

Le incertezze sono enormi e probabilmente tutto resta sul tavolo, un vertice di presidente e assessore per riconoscere l'autonomia decisionale dei territori. L'unico contributo della Provincia è quello di impostare un protocollo sanitario che stabilisca le modalità di organizzazione degli eventi da firmare

22 ottobre - 19:56

Sono stati, purtroppo, comunicati 3 decessi tra Trento, Baselga di Pinè e Ville d'Anaunia: 17 morti in 13 giorni e 18 vittime in questa seconda ondata di Covid-19. Il bilancio complessivo è di 7.649 casi e 488 decessi in Trentino da inizio emergenza

22 ottobre - 18:32

Il presidente della Provincia di Trento è parso ancora ottimista anche se rispetto a qualche giorno fa ha ammesso che qualche preoccupazione c'è. Ma sui ''pochi'' contagi nelle scuole (che pure in pochi giorni hanno raddoppiato le classi in quarantena) la responsabilità ha spiegato che è delle attività extrascolastiche: ''Questo è un tema. Stiamo riflettendo con l'Apss''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato