Contenuto sponsorizzato

Mistero TikTok e come rapportarsi con i propri figli che lo vogliono usare. Maino: ''Per me fondamentale condividerlo con i miei genitori''

A Educa Immagine si è parlato di questo complesso e diffuso problema troppo spesso non affrontato nelle scuole. Cosa può fare un adulto di fronte alla richiesta di utilizzare questo social da parte di un bambino o ragazzo? L'analista informatica Sonia Montegiove: ''Con mia figlia abbiamo intrapreso una trattativa che ci ha portato a condividere alcune regole sull’utilizzo di questo social: ad esempio aprire un profilo di coppia, non riprenderci mai in viso, provare a trovare un modo diverso di utilizzarlo che non fosse soltanto il balletto''

Pubblicato il - 22 novembre 2020 - 19:44

ROVERETO. ''Un consiglio che mi sento di dare ai genitori è quello di non aver paura di quello che il figlio fa, ma di condividerlo il più possibile: quando noi ragazzi vediamo che un adulto c’è e si interessa, ci fa piacere ed è un modo importante per rafforzare il legame''. Questa Elisa Maino, la 17enne di Arco oggi tra le più importanti influencer italiane, sul fenomeno TikTok uno dei social più utilizzati dai giovani e che, per molti adulti, resta un vero e proprio mistero essendo, almeno apparentemente, un contenitore di mini video di bassissima qualità sia dal punto di vista del contenuto che della forma.

 

Di questo si è parlato all'interno Educa Immagine, la seconda edizione della rassegna dedicata al linguaggio degli audiovisivi che si sta svolgendo in questi giorni, ovviamente tutta online. ''Sicuramente per un adulto è molto difficile capire questo linguaggio e, se tenta di entrare e di utilizzare TikTok rischia di essere “cringe”, imbarazzante, senza averne la consapevolezza”, ha spiegato Alice Valeria Olivieri giornalista, pubblicista e autrice che ha condotto le oltre 200 persone in ascolto alla scoperta del mondo di questo social network, spiegandone meccanismi e peculiarità. “TikTok non è un social per tutti; tutti i social del resto hanno dei caratteri precisi. TikTok ha un codice molto preciso e può risultare respingente per chi non capisce questo linguaggio”, ha proseguito Olivieri. 

 

Precursori di TikTok possono essere individuati in Snapchat, Vine e poi Musically e TikTok ne è un’evoluzione: un social dove lo spazio è al 100% dedicato alle immagini, non c’è testo, ma brevi video dove vengono utilizzati il canto, la coreografia e la recitazione. Una fascia di età molto giovane lo utilizza perché ha l’opportunità di trovare una comunità legata a musica, interessi condivisi: un luogo in cui ci si può confrontare su passioni musicali o serie tv. E allora cosa può fare un adulto di fronte alla richiesta di utilizzare questo social da parte di un bambino o ragazzo? Ha risposto a questa domanda Sonia Montegiove analista informatica, programmatrice e formatrice, che raccontando la sua esperienza di mamma ha suggerito le vie che un genitore può percorre per trasformare questa richiesta in un’opportunità di crescita reciproca.

 

“Oltre a dire 'no non se ne parla' o 'sì, fai quello che vuoi' c’è una terza via che è quella di provare ad aprire un dialogo con i propri figli su questi temi, spesso non affrontati a scuola. Con mia figlia abbiamo intrapreso una trattativa che ci ha portato a condividere alcune regole sull’utilizzo di questo social: ad esempio aprire un profilo di coppia, non riprenderci mai in viso, provare a trovare un modo diverso di utilizzarlo che non fosse soltanto il balletto”. Per Sonia Montegiove è fondamentale trasmettere ai ragazzi l’importanza della conoscenza dello strumento e dei termini e condizioni che l’utilizzo del social impone. Acquisire la consapevolezza che si può perdere il controllo su quello che viene pubblicato tenendo così molto alta l’attenzione sui contenuti. Gli adulti hanno la responsabilità di mettere in guardia i ragazzi rispetto ad alcuni pericoli e rischi che si corrono su TikTok (e su altri social).

 

Il rischio dell’omologazione e del fare riferimento ad un unico canone di bellezza dimenticando le proprie specificità; il pericolo del bullismo e ancora l’importanza del peso delle parole utilizzate nei commenti, senza dimenticare l’attenzione alla privacy e alla rete di contatti. Terza ospite del webinar è stata, poi, Elisa Maino, una delle TikToker più famose al mondo oggi volto di alcune delle pubblicità più importanti e conosciute come quella della L'Oréal Paris, che ha sottolineato che TikTok è un social dove non si condividono soltanto video, ma si possono portare passioni e talenti. 

 

“Anche per me non è stato facile all’inizio entrarvi, prima devi capire i meccanismi dei social e non sono facili, ma mi sono avvicinata a questa applicazione perché amo la danza che è la mia più grande passione”. Elisa Maino ha iniziato ad usare questo social da ragazzina e ha raccontato di averlo fatto con il controllo dei genitori. Esperienza che si è rivelata per lei fondamentale. Nel suo primo romanzo “#Ops” Elisa Maino racconta la storia di una ragazza che fugge dalla tecnologia, un racconto che può spiazzare se messo in relazione alla sua popolarità e alla sua vita sul web. “Il tempo che dedico ai social è poco nell’intera giornata - ha detto - sono molto legata a quello che faccio sui social, ma rimane un hobby. Una giornata ha 24 ore e il resto del tempo faccio cose “vere”, come andare a scuola, stare con la mia famiglia e gli amici. Le cose vere e vissute rimangono molto di più e sono più stimolanti. I personaggi dei social non vivono solo sul web”.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 novembre - 16:53

Tragico incidente domestico in una casa di Salorno. Un bambino di appena 2 anni è stato travolto da un mobile. I genitori hanno chiamato i soccorsi ma per il piccolo non c'è stato nulla da fare

23 novembre - 16:45

L'episodio, segnalato da un utente, è avvenuto in uno dei comuni ''zona rossa'' del Trentino. Le Poste Italiane: ''Negli uffici protocolli stringenti e rispettiamo sempre le regole''

23 novembre - 15:04

Alla conferenza stampa della giunta comunale il primo cittadino si esprime riguardo alle dimissioni di Zanella da assessore della giunta comunale: "Ci eravamo detti di essere una squadra, di abbandonare le casacche delle forze politiche di provenienza e imparare a condividere i passaggi. Evidentemente non è stato così per tutti. Il prossimo passo? Rilanciare l'attività amministrativa e difendere l'istituzione"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato