Contenuto sponsorizzato

Effetto Squid Game, l'esperta: ''La società è arrabbiata e aumentano i contenuti che riflettono la situazione attuale, amplificata dalla crisi Covid''

C'è il timore di emulazione da parte dei giovani a scuola, anche se in Trentino non ci sono particolari segnalazioni. Alcuni genitori hanno lanciato una petizione per far sospendere la messa in onda della serie. Serena Valorzi: "Il parental control è utile ma ormai spezzoni e riferimenti espliciti si trovano ovunque. I genitori non devono nascondersi ma confrontarsi con i figli per aiutarli a formarsi: divieti e arrabbiatura non sempre sono la soluzione ideale"

Di Luca Andreazza - 27 ottobre 2021 - 06:01

TRENTO. "Certo il parental control è utile ma non si può demandare alle strumentazioni di blocco quello che è il nostro compito di adulti". Queste le parole di Serena Valorzi, psicologa e psicoterapeuta cognitivo-comportamentale a Trento. "I sistemi possono essere aggirati, si possono vedere i contenuti inadatti a casa da un amico oppure recuperare video e spezzoni in rete. L'approccio più efficace resta quello di confrontarci con i nostri ragazzi, capirli e dare insieme a loro un nome alle emozioni che comporta la visione prolungata di scene di violenza e aggressività".

 

Con l’esperta e autrice di diverse pubblicazione sull’impatto cognitivo emotivo e relazionale delle nuove tecnologie e sulle dipendenze comportamentali (gioco d’azzardo, videogiochi, social network e smartphone) parliamo di Squid Game, la serie targata Netflix che racconta di un gioco di sopravvivenza ambientato in una realtà distopica in cui si perde la vita.

 

C'è il timore di emulazione da parte dei giovani, soprattutto tra i più piccoli, anche se "In Trentino - rassicura Paolo Pendenza, rappresentante dei dirigenti scolastici trentini - non ci sono particolari segnalazioni. Ma l'attenzione sui giovani deve restare alta in generale, non solo in questo caso". Alcuni genitori hanno lanciato una petizione per far sospendere la messa in onda della serie coreana perché potrebbe spingere i ragazzini alla violenza. 

 

Ma quali sono i rischi? Quella della violenza e del pericolo emulazione è una crisi quasi ciclica. Prima i film, poi i videogiochi. E ancora i social e le varie mode a turno fanno suonare i campanelli d'allarme.

 

“Il primo modo con il quale impariamo a muoverci nel mondo è guardando e riproducendo ciò che vediamo fare agli altri così, se da più piccoli vediamo gli adulti comportarsi in modo gentile e rispettoso così faremo anche noi e ci sentiremo di vivere in un mondo più sicuro ma se il modello è violento tenderemo a esserlo anche noi o ad avere paura degli altri, soprattutto se non c’è quello spazio di riflessione condivisa che solo i più grandi possono regalarci", evidenzia Valorzi, "Le ricerche ci confermano che non possiamo sottovalutare gli effetti che i contenuti violenti possono avere sui minori; sono ancora piccoli e il loro senso critico e la loro capacità di gestione emotiva non è completamente sviluppata fino a tarda adolescenza e se non siamo noi adulti ad aiutarli a capire ciò che vedono e ciò che sentono potrebbero tendere a riprodurre acriticamente e automaticamente i comportamenti violenti cui sono esposti".

 
La serie Squid Game allarma "ma attenzione - prosegue l'esperta - perché lo stesso vale anche per i videogiochi sparatutto che 'rapiscono' molti dei nostri ragazzi per molte ore al giorno: chiusi e soli nelle loro camere".

 

E' quindi importante il contesto, ma censurare a priori un determinato film, piuttosto che un videogioco, potrebbe nascondere una criticità o solo rimandare un confronto tra genitori e figli. Spezzoni di una serie, riferimenti espliciti sono comunque presenti altrove.

 

"Ormai - dice Valorzi - sono tantissimi i modi per riuscire a eludere eventuali controlli. Fa anche parte della crescita individuale violare qualche divieto imposto da mamma o da papà certo, e lì, ancora più importante è il nostro ruolo di colonne stabili a cui possano fare riferimento in caso di difficoltà. Arrabbiarci e punirli non è la soluzione ideale; possiamo farlo in un secondo tempo, ma prima è bene che ci preoccupiamo di come stiano e se ci sia bisogno di rassicurarli. Solo così potremmo tenere un buon canale comunicativo e evitare che si chiudano in un silenzio impenetrabile la prossima volta. In effetti, se, nonostante le nostre raccomandazioni, cadono a terra prima verifichiamo che non si siano fratturati qualcosa”.

 

"Quale è stata l'impressione?", "Cosa ne pensi?", "Ti sei divertito o ti sei spaventato?". Domande banali, ma che spesso consentono al ragazzo di riflettere sul film e di creare una propria personalità. "Evitare certi argomenti - continua la psicologa e psicoterapeuta - non è mai la soluzione: sono persone giovani e curiose che vanno accompagnate perché siano più consapevoli e capaci anche di distinguere la cornice, il contesto e ciò che vero da ciò che è finto e mira a trattenerli davanti a uno schermo. Ciò vale in particolare per le serie tv (un episodio tira l’altro e spesso si fanno le maratone perché non c’è palinsesto) e, in particolare, vale per Squid Game che rischia di esporli per molto tempo a contenuti estremamente violenti. Credo sia saggio e rispettoso dei nostri ragazzi che noi adulti ci prendiamo il tempo di informarci bene e di fare la fatica di stare al loro fianco facendo da filtro interpretativa della realtà”.

 

Il caso di Squid Game può forse rappresentare uno step ulteriore rispetto ai canoni: giochi e ambientazioni per bambini che diventano sfide mortali per i concorrenti. "E' una contrapposizione tipica dei film horror. In questo caso - aggiunge Valorzi - si parte dai nostri ricordi di '1, 2, 3 stella', si riaccende la tenerezza per i giochi da bimbi per creare poi una contrapposizione forte con scenari angoscianti. Le sensazioni variano velocemente e creano comunque un disagio di cui ci si può anche non rendere completamente conto, se non se ne parla. Le parole sono uno strumento potentissimo con cui incorniciamo e ci rendiamo consapevoli  delle nostre esperienze e se ciò vale per gli eventi traumatici, dalle molestie ai lutti, vale di certo per la visione di qualcosa che un adulto saggio troverebbe quanto meno poco sano per se stesso, ancora più per i suoi piccoli".

 

Una complessità oggi ancora più intricata da governare per i genitori. E che diventa difficile da paragonare rispetto anche solo a 10 anni fa per esempio. Un bambino parcheggiato davanti alla televisione o al tablet comunque viene influenzato in qualche modo da quello che guarda.

 

“Un tempo gli spazi erano più strutturati - continua Valorzi - a una certa ora sapevamo che c’erano i cartoni animati ritagliati su misura per noi bambini e mai dopo le 21. Ora, con internet e la tv on demand è tutto a portata di mano, in ogni momento del giorno e della notte: basta che mamma ceda davanti alle mie martellanti richieste e mi dia in mano il suo cellulare e il gioco è fatto".

 

Tutto, subito e in qualunque momento, senza apparenti difficoltà di accesso. "Un esempio eclatante è la pornografia (iper rappresentata sul web) che è diventata nel tempo sempre più spinta, bizzarra, irrispettosa e scollegata dai sentimenti dando non pochi problemi ai giovani (spesso anche agli adulti). Per motivi anche commerciali, i contenuti diventano sempre più estremi per poterci tenere incollati ai video, perché noi esseri umani tendiamo purtroppo ad abituarci a tutto e ne vogliamo ancora di più. Mi piacerebbe tanto che di fronte alla violenza e ai disvalori proposti riuscissimo a non abituarci mai ma anche a mantenere un certo grado di senso critico e di indignazione. Forse una serie come Squid Game ci 'risveglia' e ci ricorda di tenere le antenne ben dritte sugli stati emotivi nostri e dei nostri più piccoli". 

 

Insomma, censurare certi contenuti non può essere una scusa per non trovare il tempo di affrontare determinati argomenti. "Il dilagare di programmi e di serie che fanno leva sull'aggressività è comunque specchio di questo periodo caratterizzato dall'emergenza Covid. All'inizio dell'epidemia ci siamo scoperto tutti solidali verso il 'nemico virus' poi mano a mano che sono cresciute le incertezze per il futuro, le preoccupazioni e le difficoltà, ci siamo scoperti arrabbiati e il nemico è diventato l’altro (la paura e il dolore si tramutano in rabbia e aggressività se non sono adeguatamente contenute). In questo momento siamo avvolti da questa atmosfera belligerante, ma se ancora ci rendiamo conto che una serie tv violenta può crearci danno, forse non abbiamo perso completamente l’orientamento”, conclude Valorzi.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 2 dicembre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Economia
03 dicembre - 09:43
Lo sciopero del black friday da parte dei driver è stato scongiurato grazia a un accordo raggiunto fra sindacati e ditte che effettuano le [...]
Cronaca
03 dicembre - 09:13
Due giovani morti sulla strada, Alessia Andreatta è rimasta vittima di un tragico incidente in A22 mentre la vita di Tommaso Delpero si è [...]
Cronaca
03 dicembre - 05:01
Sono moltissimi in queste settimane i bambini rimasti a casa dall'asilo con diverse patologie. Non solo virus sinciziale ma anche casi di otite, [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato