Contenuto sponsorizzato

''Per gli ammalati, i medici, gli infermieri accendiamo tutti ma proprio tutti una candela o un lumino davanti alla finestra''

L'iniziativa sta diventando virale in tutta Italia e rappresenta un piccolo segno di solidarietà con chi, fuori dalle nostre case, lotta contro il coronavirus

Pubblicato il - 12 marzo 2020 - 20:01

TRENTO. Sta diventando virale e sempre più gente si sta organizzando per lanciare un messaggio, piccolo e semplice, non c'è dubbio, ma comunque importante per i tanti italiani che in queste ore stanno lottando in prima linea per salvare la vita ad altri concittadini in difficoltà. Il coronavirus continua a diffondersi in tutto il Paese e i contagi salgono a un totale di 12.839 con 1.016 morti e 1.258 guariti mentre i casi complessivi di contagiati (inclusi i morti e i guariti) sono 15.113.

 

Ancora il picco di crescita sembra molto lontano e mentre anche in Trentino Alto Adige si sono registrati i primi due decessi (uno a Bolzano e uno a Borgo Vaslugana, in entrambi i casi si trattava di due signore anziane con altre patologie) e i pazienti positivi superano le 200 unità, chi sta a casa sta comprendendo sempre di più l'impegno di chi in queste ore si trova negli ospedali, notte e giorno, con sale strapiene ed emergenze che si assommano.

 

E allora ecco l'iniziativa che circola in rete: ''Questa sera accendiamo tutti ma proprio tutti, da nord a sud, una candela o un lumino davanti alla finestra per "illuminare" questo momento buio di Speranza e per dire a tutte le persone ammalate, ai medici , agli infermieri che combattono in prima linea che siamo tutti uniti e con il nostro impegno e responsabilità ce la faremo''. 

 

Una piccola luce che brilla dalla finestra può sembrare anche un gesto minuscolo ma per chi torna a casa la notte, magari esausto, dopo svariate ore di lavoro, può rappresentare anche un piccolo conforto. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 ottobre - 05:01

Il racconto dell’altra faccia della prima linea contro il coronavirus, la storia di Veronica Righi che si occupa di ricostruire i contatti stretti dei positivi: “Come assistenti sanitari siamo pochi in Italia, prima nessuno ci conosceva ma con la pandemia la gente inizia a capire cosa facciamo”

19 ottobre - 20:05

Ci sono 44 pazienti nelle strutture ospedaliere di Trento e Rovereto, nessuno si trova nel reparto di terapia intensiva ma 7 persone sono in alta intensità. Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 79 positivi a fronte dell'analisi di 1.521 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi a 5,2%

19 ottobre - 19:53

Mentre ci sono oltre 170 lavoratori che scioperano e lottano per i loro diritti, in consiglio provinciale l'assessore competente ha fatto il punto sulla loro situazione spiegando: ''E’ chiaro che non è intenzione della Pat assecondare decisioni che impattano negativamente sulle condizioni di benessere dei lavoratori, che sono i nostri lavoratori trentini, ma non possiamo però ignorare le istanze che vengono dal tessuto produttivo''. Per il segretario della Cgil ''Fugatti abbandona i lavoratori al proprio destino''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato