Contenuto sponsorizzato

Per il Covid aveva perso il lavoro ma da Ibris trovava la ''pizza sospesa''. Ora che è stata assunta è lei a pagarla per chi ha bisogno

La storia condivisa da Ibrahim Songne, titolare del locale Ibris in via Cavour a Trento. "Ci ha commosso. Il piccolo gesto di donare una pizza può davvero dare una possibilità in più a chi è in difficoltà in questo momento"

Di Luca Andreazza - 08 dicembre 2020 - 19:24

TRENTO. "Grazie di cuore a tutti quelli che ci hanno supportato nella nostra iniziativa. Il piccolo gesto di donare una pizza può davvero dare una possibilità in più a chi è in difficoltà in questo momento". Così Ibrahim Songne, titolare del locale Ibris in via Cavour a Trento, che condivide sui social la storia di Mara, una sua affezionata cliente, e rilancia così la "pizza sospesa". 

 

"La signora Mara si è trovata, purtroppo, senza occupazione a causa del Covid. Da settembre - dice il titolare di Ibris - veniva a mangiare grazie alla 'pizza sospesa', facendo girare anche la voce tra i suoi amici. Da poco, però, ha trovato una occupazione, e dopo la prima settimana le hanno dato un piccolo stipendio. E' venuta a comprare il pasto e in più ha voluto lasciare una pizza pagata per aiutare qualcuno che possa trovarsi nella sua stessa situazione".

 

Una situazione che accomuna purtroppo diverse persone in questi mesi difficili a causa della crisi innescata dall'emergenza coronavirus. "E' la seconda volta che accade un fatto simile - aggiunge Ibrahim - ma la storia di Mara ci ha veramente commosso e abbiamo voluto raccontarla". 

 

Un'iniziativa, quella della "pizza sospesa" già avviata nel corso del lockdown, un esempio di solidarietà. E' un'iniziativa alla quale chiunque può contribuire per garantire a persone fragili un pasto caldo. "Mia mamma mi ha sempre insegnato a condividere quello che ho – aveva raccontato Ibrahim a Il Dolomiti – così in questo periodo particolare ho pensato di fare la mia parte senza aspettare che intervenga lo Stato”.

 

Un gesto semplice che però può fare la differenza e tutto nella massima condivisione. “La gente a Trento è buona e vuole donare, però è necessario essere trasparenti così sullo scontrino segno sia il nome di chi lascia qualcosa per gli altri sia di chi ne beneficia, poi pubblichiamo anche le foto sui social. È un modo per far vedere dove vanno i soldi e serve a creare un’interazione, in questo modo si può percepire che si sta aiutando concretamente una persona, con un nome” (Qui articolo).

 

Il ragazzo di 28 anni è arrivato dal Burkina Faso a Trento appena 12enne. Dopo la gavetta tra un'officina e il panificio-pasticceria Sosi, con i soldi risparmiati è riuscito ad aprire il suo locale "Ibris" in pieno centro del capoluogo (Qui la sua storia).

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

15 gennaio - 19:18

Nella conferenza stampa straordinaria organizzata dalla giunta provinciale di Bolzano, Arno Kompatscher si è detto sconcertato dalla scelta del Cts di trasformare l'Alto Adige in zona rossa. "Abbiamo inviato una lettera a Roma. Sulla base dei dati confermiamo con l'ordinanza di stasera la zona gialla"

15 gennaio - 19:30

Sono tantissime le prese di posizione (di partiti e istituzioni) in favore della testata ma colpiscono, in particolare, le dichiarazioni di Fugatti (che si dice ''sorpreso''), dei sindacati (che ancora parlano di ''investimento'' riferendosi all'operazione predatoria compiuta sull'editoria locale da parte di Athesia) e dell'Ordine dei Giornalisti (che esprime la sua ''solidarietà''). Ora si pensi ai giornalisti ma non si dimentichino i collaboratori esterni e i fotografi che da una vita lavorano per poche decine di euro al giorno mettendoci tutto quel che hanno

15 gennaio - 18:35

Il direttore sanitario dell'Apss, Antonio Ferro spiega: "Preoccupa il livello di occupazione dei posti letto negli ospedali". Il presidente della Provincia chiede ancora "senso di responsabilità" ai trentini 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato