Contenuto sponsorizzato

Si mangiano poca frutta e verdura e si spreca troppo cibo: i bambini di Cimone fanno un ''manifesto'' per sensibilizzare anche i grandi

Nata per iniziativa dell'insegnante per la Gentilezza Raffaella de Maio dopo che si è constato che anche in mensa lo spreco di cibo era esagerato ci sono stati dei confronti con gli alunni e ne è nato questo progetto (GUARDA IL VIDEO)

Pubblicato il - 05 febbraio 2020 - 12:00

CIMONE. Troppi bambini che non vogliono mangiare certi alimenti (frutta e verdura su tutti) e troppo cibo che rimane nei piatti, avanzato dai bambini a mensa. E allora ecco l'iniziativa per sensibilizzare i più piccoli e per aiutare anche gli adulti a crescere in una comunità più consapevole e matura: sono stati colorati dei piatti (rigorosamente non di plastica) ed incollati su un cartellone da esporre sia in mensa che nel supermercato. Siamo a Cimone in Trentino e tutto è stato coordinato dall'insegnante per la Gentilezza Raffaella de Maio che insegna nella locale scuola primaria: il progetto rientra nell'ambito di un lavoro svolto con gli alunni sull’educazione alimentare che è partito, prima di tutto, dalla riflessione tra i bimbi e l'insegnante sull’importanza di assumere frutta e verdura nella dieta giornaliera.

 

Questo si è reso necessario perché è stato constatato che durante la mensa ci sono alcuni bambini che non vogliono consumare certi alimenti e che a volte resta nei piatti una quantità anche considerevole di cibo. Dopo averne parlato a lungo è emerso che ci sono persone povere, anche nel nostro Paese, che non riescono a mettere a tavola neppure un pasto mentre alcuni bambini, a scuola, in mensa finivano per sprecare diversi alimenti. Così, tutti insieme, si sono chiesti cosa potevano fare nel loro piccolo. E visto che oggi, il 5 di febbraio, è proprio la ''Giornata contro lo spreco alimentare'' ne è scaturita una buona pratica gentile.

 

Per attuarla è stato deciso di usare i piatti della gentilezza alimentare di colore viola, ma non quelli di plastica che inquinano, bensì quelli di carta che sono stati colorati con tempere ad acqua. Poi gli alunni hanno scelto delle foto che ritraevano degli alimenti ed ognuno ha pensato ad una frase in rima che avesse per tema il cibo. La frase è stata scritta intorno ad un disegno ed incollata sul piatto. A quel punto i bambini hanno scelto di incollare tutti i piatti su un cartellone da esporre in mensa e con l’aiuto dell’assessora alla Gentilezza Rosanna Frizzi, anche nella locale Cooperativa di consumo, per sensibilizzare la comunità locale sull’argomento. Ė stato realizzato, con l’aiuto dell’insegnante per la gentilezza, anche un video per sensibilizzare altri alunni in tutta Italia tramite i social a non sprecare il cibo.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 ottobre - 11:45

I due consiglieri provinciali hanno sfoderato uno l'immagine del Grinch l'altro quella trita e ritrita del ''sindacalista di sinistra'' ma il capolavoro è dell'assessore al turismo che parla di ''danno enorme per l'economia della città di Trento e per l'immagine dell'intero Trentino''. Proprio lui autore della legge sulle chiusure domenicali nel momento dove serviva spingere al massimo l'economia e che ha direttamente bollato Trento e molte altre località come ''non turistiche''

20 ottobre - 11:25

Le due deputate pentastellate Doriana Sarli e Carmen Di Lauro sono riuscite "dopo quasi dieci ore di attesa" a entrare nel centro del Casteller. Giunte per "constatare la situazione dei 3 orsi", si erano viste negare l'accesso dalla Provincia e dai gestori, rivolgendosi allora ai carabinieri di Trento. "Abbiamo verbalizzato una denuncia. Gli orsi stanno bene ma gli spazi sono inadeguati. Devono essere liberati"

20 ottobre - 11:57

Il bollettino Coronavirus dell'Azienda sanitaria altoatesina conta oggi ben 209 casi in più. Un numero altissimo, mai registrato in 24 ore. Il tasso contagi/tamponi schizza così all'11,5%, con un bilancio provvisorio che cresce e supera i 5000 contagiati da inizio epidemia

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato