Contenuto sponsorizzato

Studenti universitari e richiedenti asilo coinquilini per un anno di vita in comune. Bortolotti: ''Non è uno studentato è un'esperienza di dialogo e incontro"

Studenti, studentesse e richiedenti asilo condivideranno un anno di vita a casa S.Francesco dai padri cappuccini a Spini di Gardolo in un ambiente di crescita e confronto. Ecco come funziona e come partecipare a questo importante progetto

Di Rebecca Franzin - 29 agosto 2020 - 05:01

TRENTO.  "Non vogliamo che gli studenti vedano questa soluzione abitativa come uno studentato: si tratta di un'esperienza di vita ed è necessario che la condivisione diventi conoscenza e comprensione" dice Andrea Bortolotti, referente per il progetto CappUniversitaria. L'iniziativa prevede la condivisione degli spazi abitativi da parte di studenti universitari e quattordici richiedenti asilo, nella casa S.Francesco dei padri cappuccini a Spini di Gardolo. Gli studenti avranno a disposizione una camera singola ciascuno, con bagno personale e cucina in comune con gli altri inquilini, a 250 euro con internet escluso.

 

Gli altri spazi comuni della struttura verranno vissuti a fianco dei rifugiati ospitati dal Centro ed inseriti in un progetto di seconda accoglienza finalizzato al conseguimento dell'autonomia personale ed economica. "Negli ultimi due anni abbiamo svolto un'esperienza simile con i missionari Comboniani - continua Bortolotti- ma in quella struttura c'era una parte abitativa riservata agli studenti, una ai richiedenti asilo ed una per i sacerdoti. Questo progetto è diverso: nella struttura di Gardolo gli spazi abitativi sono più permeabili, le aree comuni sono più numerose e gli studenti saranno incoraggiati a creare dei momenti di condivisione con i rifugiati. Il progetto si concentra su dialogo e incontro". 

 

L'accoglienza di rifugiati e richiedenti asilo arriva in seguito all'esortazione di Papa Francesco durante la sua visita al Centro Astalli di Roma nel 2013 : “i conventi vuoti non sono nostri, ma sono per la carne di Cristo che sono i rifugiati”. Agli studenti non è richiesto di essere di fede cattolica, non è nemmeno obbligatorio essere credenti: l'importante è essere "pensanti" e aperti al confronto

 

"Nelle strutture sono presenti principalmente persone di fede cristiana o islamica, ma noi operatori siamo laici. Ai ragazzi che parteciperanno al progetto non è richiesto obbligatoriamente di partecipare a degli incontri spirituali: è certamente incoraggiato, ma questi incontri saranno liberi e strutturati sul tema generale della spiritualità". "Il prossimo anno - completa Bortolotti - speriamo di riuscire a collaborare con l'Opera Universitaria. Avevamo cominciato a dialogare con loro per questo progetto, prima del coronavirus, ma la collaborazione è slittata perché al momento è complicato per loro occuparsi di questo progetto. Abbiamo incluso però Udu e Unitn, che avevano partecipato agli incontri con l'Opera".

 

Nel caso in cui la collaborazione dovesse prendere avvio il prossimo anno, le modalità di selezione per il progetto verrebbero effettuate tramite Opera, non più presentando domanda al Centro. Attualmente le adesioni possono essere fatte, compilate ed inoltrate alla mail andrea.bortolotti@centroastallitrento.it entro il 7 settembre 2020; entro il 13 settembre avverranno gli incontri di conoscenza e valutazione ed il progetto partirà fra settembre e ottobre, a seconda delle esigenze di chi arriva e chi se ne va

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 17 aprile 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
19 aprile - 16:55
L'A22 è stata riaperta da poco, le operazioni si sono rivelate lunghe per la necessità di pulire la sede dai numerosi detriti e rimuovere il [...]
Cronaca
19 aprile - 16:22
Sono stati analizzati 636 tamponi tra molecolari e antigenici. Oggi 5 casi tra over 60 e 3 contagi tra giovani e ragazzi in età scolare, ci sono [...]
Cronaca
19 aprile - 16:08
L'incidente è avvenuto tra l'uscita 6 per Trento Centro e la 7 per Campotrentino proprio sopra il ponte sull'Adige
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato