Contenuto sponsorizzato

Una cima per ogni anno di vita. Il Cai Val Comelico festeggia il mezzo secolo dalla fondazione. "Oltre 300 persone a condividere la fatica"

Per i suoi 50 anni di vita, la sezione Cai Val Comelico ha deciso di lanciare un'iniziativa tenutasi interamente nella giornata di domenica 9 agosto: scalare 50 cime, una per ogni anno da quando esiste il gruppo, nato nel 1970. Il presidente Gianluigi Topran: "Grande entusiasmo e soddisfazione. Eravamo oltre 300 persone"

Di Davide Leveghi - 10 agosto 2020 - 12:18

COMELICO. 50 cime per 50 anni di vita, una per anno vissuto dalla sezione Cai Val Comelico, in provincia di Belluno. È questa l'iniziativa lanciata dal gruppo alpinistico cadorino per celebrare al meglio il mezzo secolo di esistenza. Un evento molto partecipato e che, a giudizio degli organizzatori, ha riscosso un grande entusiasmo, portando sulle montagne della zona oltre 300 partecipanti.

 

 

Divisi tra cime da scalare e escursioni più o meno impegnative, i percorsi erano stati precedentemente scelti, offrendo una rosa di oltre 60 traguardi da raggiungere in piccoli gruppi; un capocordata davanti e soci o appassionati dietro. Tutti in compagnia, per condividere la gioia di andare in montagna e la fatica.

 

Tutte le cime sono state raggiunte nella giornata di domenica 9 agosto – racconta il presidente della sezione Cai Val Comelico Gianluigi Topran – abbiamo ricevuto ampia condivisione per festeggiare un compleanno per noi molto importante, il 50esimo, che rispetto ad altre sezioni anche ultracentenarie è poco. Il nostro territorio fino agli '60 faceva parte di una sezione con sede ad Auronzo e comprendente tutto il Cadore. Nel 1970 alcuni soci di quella sezione crearono la nostra, rappresentante un territorio vasto, con 5 Comuni, con lo scopo di valorizzare il territorio”.

 

Da quel momento, dunque, è passato mezzo secolo. Un periodo importante, come detto, non lunghissimo ma comunque da celebrare al meglio. Il tutto nonostante la particolarità di quest'anno, con la pandemia ancora in corso e le norme di sicurezza da rispettare per evitare che il virus si diffonda nuovamente. “Siamo stati graziati dal tempo – racconta Topran – e così la partecipazione è stata molto buona, nonostante la presenza anche di salite non facili. Organizzata molto bene, l'iniziativa ha visto la partecipazione oltre di chi sapevamo anche di molta altra gente, soci, appassionati o appartenenti ad altre sezioni”.

 

“Dai capi cordata sono arrivate molte foto, a breve uscirà un video in cui raccoglieremo tutte le testimonianze. C'è grande entusiasmo nel sapere di salire una cima, di condividere una passione per la montagna e di riscoprire questo aspetto specie in questo periodo. Si è ripreso a salire, a percorrere i sentieri e a scalare le vette, a condividere la fatica e la solidarietà. È un bel segnale”.

 

Formato da quasi 600 soci, il Cai Val Comelico, però, non è stato l'unico protagonista del suo compleanno. A dare il proprio omaggio, attraverso i propri soci, c'erano infatti diverse rappresentanze amiche. “Era un'iniziativa aperta a tutti gli appassionati di montagna. E così molte sezioni amiche si sono 'prenotate' una cima dalla lista che avevamo messo a disposizione. La sezione di Auronzo di Cadore ha scalato la Cima d'Ambata, quella di Vigo di Cadore Cima Brentoni, quella di Gemona la Cima Manzon, quella di Venezia il Monte Righile”.

 

 

E ancora: “Lorenzago di Cadore, Domegge di Cadore e Alpago, San Vito di Cadore, Calalzo di Cadore, Padova, dei rappresentanti del Cai centrale, le nostre organizzazioni giovanili, con i più grandi e più piccoli impegnati in salite più o meno difficoltose. Grande entusiasmo e grande soddisfazione, con cime anche notevoli scalate, come Cima 11 o una via di 7o grado”, conclude Topran.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.08 del 18 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 settembre - 13:12

Il 19 settembre 2019 il Parlamento europeo votava una mozione sull'importanza della memoria, suscitando diverse proteste tra gli ex comunisti (e gli storici) italiani, che gridarono alla banalizzazione della storia e a un'inaccettabile equiparazione tra nazismo e comunismo. Lo storico Marcello Flores D'Arcais: "Il documento, coi suoi limiti, esprime il desiderio dell'Europa di costruire un racconto comune del passato. Il clamore suscitato in Italia fu dovuto al rifiuto della storia in nome dell'identità"

19 settembre - 12:36

L'allerta è scattata intorno alle 7.30 di oggi, sabato 19 settembre, sull'Agner. Il 23enne stava procedendo in conserva insieme al compagno di cordata sulla parte sommitale dello zoccolo dello Spigolo nord. In azione il Pelikan di Bolzano, il Soccorso alpino di Agordo e l'equipe medica

19 settembre - 11:02

Salgono a quasi 1800 le persone in quarantena e di queste una cinquantina sono di ritorno da Croazia, Grecia, Spagna o Malta. Il rapporto tamponi – contagi rimane sopra l'1% 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato