Contenuto sponsorizzato

A Pinzolo le cabinovie si sanificano con una macchina made in Trentino. "Il disinfettante usato resiste fino a meno 10 gradi"

Dopo i primi test a Livigno e sul Cermis, in Val di Fiemme, la macchina è oggi utilizzata a Pinzolo, a servizio delle piste aperte per gli atleti degli sci club. Ma già si ipotizzano ulteriori campi di utilizzo, per la sanificazione di autobus, celle frigo e mercati ortofrutticoli

Di L.B. - 28 gennaio 2021 - 15:26

ROVERETO. Si chiama “Pure as snow” la prima macchina compatta made in Trentino per la sanificazione delle cabinovie: in meno di due secondi disinfetta aria e superfici sfruttando il “giro morto” tra l’arrivo della cabina in stazione e la ripartenza della stessa.

 

Progettata dall’impresa Elettromeccanica Adige, con sede a Rovereto, è tra le idee innovative sostenute con un contributo di 50 mila euro dal bando “Pmi Covid” finanziato dalla Provincia autonoma di Trento e gestito da Trentino Sviluppo.

 

I comprensori sciistici sono chiusi ai turisti, ma nonostante questo i cancelletti degli impianti di risalita sono aperti e varcati dagli sportivi e quindi dagli sci club. Anche per loro, quindi, è necessario che le cabinovie siano sanificate.

 

Il disinfettante usato, individuato con il supporto dei ricercatori dell’Università di Trento, è in grado di resistere fino ad una temperatura di dieci gradi sottozero. Dopo i primi test a Livigno e sul Cermis, in Val di Fiemme, la macchina è oggi utilizzata da Funivie Pinzolo, a servizio delle piste aperte per gli atleti degli sci club. 

 

"L’idea – spiega Sergio Andreolli, titolare di Elettromeccanica Adige – ci è venuta durante le manutenzioni estive agli impianti di risalita che facciamo ogni anno. Parlando con i capiservizio abbiamo infatti scoperto che la pulizia delle cabine, magari anche 100 o 150 su un unico impianto di risalita, di solito viene effettuata in maniera manuale, da un addetto munito di spruzzino".

 

Un’operazione laboriosa, da ripetere mattino e sera. Di qui il contatto con Dario Trentini di Electronic Service, altra azienda trentina, di Riva del Garda, già partner di Elettromeccanica Adige, per costruire insieme un macchinario che, grazie a particolari sensori, “leggesse” l’arrivo della cabina in stazione e, approfittando del “giro morto” tra l’arrivo della cabina in stazione e la ripartenza della stessa, disinfettasse in maniera automatica e quindi più veloce e sicura l’aria e le superfici.

Il progetto è stato poi sottoposto ai docenti dell’Università di Trento Giandomenico Nollo e Francesco Tessarolo, esperti rispettivamente di ingegneria industriale e nuovi materiali.

 

Ciò per individuare un prodotto sanificante, nebulizzato, capace di resistere alle basse temperature. Trovato il disinfettante giusto, con un’efficacia garantita fino a meno dieci gradi centigradi, “Pure as snow” è stata testata su diversi caroselli – come il Carosello 3000 Livigno e le funivie del Cermis – e messa al lavoro sulla funivia di Pinzolo che, pur essendo chiusa al pubblico sulla base della normativa anti-Covid, ospita in questi giorni gli allenamenti degli atleti degli sci-club.

 

E in attesa di sapere quando e come gli impianti verranno riaperti, Andreolli sta già pensando ai possibili impieghi futuri di “Pure as snow”, in diversi luoghi che richiedano sanificazioni periodiche puntuali e accurate: ad esempio autobus, celle frigo, veicoli per il trasporto degli alimenti e mercati ortofrutticoli.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 6 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

07 marzo - 16:45

A 12 anni ha lasciato la sua casa in Afghanistan, passando per Iran e Turchia è arrivato in Grecia dopo un viaggio durato anni, lì è rimasto coinvolto nell’incendio che lo scorso settembre ha devastato il campo profughi di Moria: ora grazie alla Comunità Papa Giovanni XXIII l'incredibile storia di N.A. (che chiameremo Nico) ha trovato a Rovereto il suo lieto fine

07 marzo - 19:24

Sono 236 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 48 pazienti sono in terapia intensiva e 43 in alta intensità. Oggi 2 decessi. Sono 72 i Comuni con almeno un caso di positività

07 marzo - 18:26

L'amministrazione comunale continua a respingere la semplicissima proposta volta a sensibilizzare la comunità sul rispetto delle donne e contro la violenza. Vardon Inant: ''La Giunta provinciale in questi giorni ha deciso di aderire al progetto nazionale 'Panchina rossa' coinvolgendo anche, come parte attiva, i Comuni. Torniamo a chiederla per Mazzin e a tal proposito abbiamo deciso di interpellare direttamente la Provincia''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato