Contenuto sponsorizzato

"Caneva en festa". Nell'epoca del Coronavirus la degustazione si fa a casa

La tradizionale cena itinerante per i produttori vitivinicoli della Val di Cembra quest’anno assumerà una veste digital. Verrà inviato a casa il kit con i vini da degustare e il link per far entrare a casa le caneve, luogo in cui veniva vanificata l'uva, insieme a musica, sommelier e approfondimenti

Di Laura Gaggioli - 03 January 2021 - 14:16

CEMBRA-LISIGNAGO. I vini della Val di Cembra si sa, non sono dei vini normali. Maturano a oltre 800 metri di altezza, sopra terrazzamenti di pietra a secco realizzati dalla mano dell’uomo, che si susseguono in un vortice di filari, uno sopra l’altro, fino al fondovalle. Qui la produzione del vino è ancora scandita dal lavoro manuale a garantire quell’artigianalità che fa dei vigneti cembrani prodotti di alta qualità“Caneve en festa” è così l’appuntamento che ogni anno vuole omaggiare la millenaria maestria di questo territorio e dei suoi viticoltori con una cena itinerante per le vie del paese di Cembra, organizzata dal Consorzio Cembrani D.O.C. e che quest’anno assumerà una veste digital

 

Un tour tra i tradizionali volti e caneve attraverso i vini dei produttori della zona, che diventa virtuale per resistere alla pandemia e continuare a promuovere le tradizioni e la cultura dei borghi, nonostante le difficoltà del momento. A fronte dell’acquisto del biglietto, arriverà infatti a casa un kit pensato per la degustazione composto dai vini simbolo della zona e un link per entrare in un canale online dedicato, dove trovare i video guida per la degustazione nelle diverse caneve, i video del territorio Val di Cembra proposti da Apt Pinè Cembra, i video musicali dei gruppi presenti da sempre alle caneve e quattro extra contenuti di approfondimento proposti dalla giornalista Stefania Leo, dalla sommelier Franca Bertani, dal blogger Francesco Saverio Russo e dall'influencer Simone Roveda.

 

 

Le caneve entrano così nelle case dei tanti curiosi della storia e della cultura della Valle di Cembra. Lo scopo della manifestazione è infatti, quello di valorizzare il vino come prodotto di eccellenza, ma anche di far conoscere la caneva, un locale della casa dei contadini in cui veniva vinificata l’uva e che appartiene alla storia del territorio, e di renderlo accessibile ad un numero sempre più grande di potenziali visitatori grazie anche al corretto uso della tecnologia

 

“La cultura del vino è espressione di tradizione e innovazione e perciò non sorprende che per il 2020, uno degli eventi più noti dello slow wine acquisisca una nuova forma con il solo aiuto di un link e una password”, si legge sui canali social dell’iniziativa. 

 

La manifestazione, organizzata con il supporto di A.p.T. Piné Cembra, Strada del Vino e dei Sapori del Trentino, BIM dell'Adige e Comunità della Val di Cembra, sarà online fino al 31 gennaio 2021 e si potrà partecipare tramite l’acquisto di un biglietto al costo di 40 euro.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 settembre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
16 settembre - 20:13
Trovati 26 positivi, nessun decesso nelle ultime 24 ore. Registrate 19 guarigioni. Sono 20 i pazienti in ospedale, di cui 1 ricoverato in [...]
Cronaca
16 settembre - 20:26
I dati pubblicati da Fondazione Gimbe confermano l'efficacia dei vaccini nel ridurre decessi (96,3%), ricoveri ordinari (93,4%) e in terapia [...]
Cultura
16 settembre - 20:50
Durante il periodo estivo il presidente del Centro di cultura fotografica di Trento, Adriano Frisanco, insieme alla sua équipe, ha raccolto il [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato