Contenuto sponsorizzato

Le previsioni di “Mario barba” con il “meteo della cipolla”: si attende un anno umido e con scarse precipitazioni

Come ogni anno, Mario Paoli di Pergine, anche detto “Mario barba”, ha proposto le sue previsioni del tempo con il “meteo della cipolla”, una tradizione che affonda le sue radici in epoca medievale. Ecco come nasce questa leggenda

Di Marianna Malpaga - 31 January 2021 - 10:56

PERGINE-VALSUGANA. Come tutti gli anni, il 25 gennaio Mario Paoli di Pergine, anche detto “Mario barba”, ha declamato le sue previsioni del tempo con il “meteo delle cipolle”. Il video è stato caricato anche su Facebook, sul gruppo “Te sei ‘de Perzen’ se”. “Le zigole del Mario de l’an 2021”, come le ha chiamate Paoli, hanno previsto un anno umido e con scarse precipitazioni.

 

Come nasce questa tradizione? Secondo alcune leggende, la previsione del meteo per l’anno in corso attraverso la lettura delle cipolle ha origini medievali e si sviluppa in particolar modo nel mondo contadino. Si narra che quest’usanza abbia attecchito soprattutto nelle Marche. In epoca medievale, il segretario del duca di Montefeltro, ne “I commentari della vita di Federico da Montefeltro”, riporta anche l’episodio di una battaglia vinta dal duca proprio perché gli avversari non avevano consultato il “meteo delle cipolle”.

 

La lettura della cipolla avviene il 25 gennaio di ogni anno. Il giorno precedente, però, tradizione vuole che si posizionino gli spicchi di cipolla colmi di sale – dodici come i mesi dell’anno – all’esterno su un tagliere di legno. Le cipolle devono rimanere all’aperto tutta la notte tra il 24 e il 25 gennaio, che viene chiamata dai contadini “la notte di San Paolo dei segni”, perché è la notte in cui San Paolo si è convertito. All’alba del 25 gennaio, gli spicchi vengono ritirati, e nel giro di poco tempo il “meteorologo” deve procedere con la lettura.

 

Come si capisce se il meteo sarà clemente o meno nel corso dell’anno? Semplicemente guardando come il velo della cipolla ha interagito con il sale e con l’ambiente esterno. Sulla base di quest’interazione si possono prevedere le precipitazioni e l’umidità per l’anno in corso. La previsione, però, non riguarda un’area geografica ampia, ma solamente la zona nella quale il “meteo delle cipolle” è stato fatto.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 30 novembre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
30 novembre - 20:00
Trovati 199 positivi, 1 decesso nelle ultime 24 ore. Registrate 104 guarigioni. Sono 52 i pazienti in ospedale. Sono 840.024 le dosi [...]
Cronaca
30 novembre - 19:39
Il successo dell'opera realizzata dallo scultore veneto a Lavarone è enorme ma dal 2018, quando la tempesta si è abbattuta su Veneto e Trentino [...]
Politica
30 novembre - 21:00
I contratti del pubblico impiego sono bloccati e se i consiglieri regionali sono reduci dall'adeguamento dell'indennità, adesso sembra arrivato il [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato