Contenuto sponsorizzato

Post-Covid, "Le donne e le adolescenti, psicologicamente, hanno sofferto di più rispetto agli uomini". L'indagine: "Necessario indirizzare e potenziare gli aiuti"

In occasione del Festival della famiglia sono stati presentati i risultati di "Riemergere II", indagine che ha esplorato le conseguenze dell'emergenza sanitaria Covid-19 sulla popolazione trentina a 2 anni di distanza dal suo inizio

Di S.D.P. - 30 novembre 2022 - 16:21

TRENTO. In occasione del Festival della famiglia sono stati presentati gli esiti di "Riemergere II", indagine messa in campo a distanza di due anni dalla prima ondata pandemica per esplorare le conseguenze dell’emergenza sanitaria Covid-19 in termini di impatto su benessere, socialità e quotidianità della popolazione trentina.

 

Promosso dall’Agenzia per la coesione sociale della Provincia con la direzione scientifica della Fondazione Demarchi, lo studio mette in luce dati importanti, come sottolineato da Federico Samaden, presidente della fondazione. L’indagine si è rivolta a bambini e bambine fra i 5 gli 8 anni, ragazze e ragazzi dai 9 ai 19 anni e adulti dai 20 anni in su residenti in Provincia. Attraverso le testimonianze è stato possibile raccogliere percezioni, comportamenti e bisogni della popolazione nel periodo critico della "seconda ondata" di emergenza sanitaria.

 

Grazie alle risposte di 415 bambini e bambine, è stato confermato l’importante il ruolo di supporto di nonni e parenti nella gestione del tempo libero dei piccoli, nonché l’importanza delle figure di riferimento anche al di fuori del contesto domestico o scolastico. Rispetto al 2020 è stata registrata una certa normalizzazione delle abitudini alimentari, del sonno o di movimento, anche se persistono percentuali non trascurabili, che potrebbero evidenziare un malessere più o meno dichiarato.

 

Per i 1229 giovani che hanno risposto al questionario socialità e apertura all’altro si sono rivelati bisogni primari. Sia nella fascia 9-14 anni che in quella 15-19 anni i maschi hanno riportato livelli più alti di benessere psicologico mentre le ragazze tra i 15 e i 19 anni si sono mostrate più preoccupate rispetto ai ragazzi in merito agli effetti della pandemia. Il 24% dei giovani rispondenti usufruisce di servizi del territorio e, tra quelli maggiormente frequentati, ci sono non a caso i centri di aggregazione giovanile.

 

Rispetto alla prima ondata i ragazzi si paiono sentirsi meno soli ma lontani dalla comunità. I principali bisogni che non trovano risposta nei servizi erogati riguardano quello di ascolto e supporto, di socialità e confronto con i pari, ma anche le opportunità legate al mondo del lavoro, allo sport, alla cultura

 

Per quanto concerne gli adulti, la maggior parte (soprattutto donne ndr), ha riferito di sentirsi sovraccaricato dal lavoro e dalle attività di cura verso figli e familiari anziani. A due anni dalla "prima ondata", quasi un terzo del campione ha confessato un'attuale condizione di malessere: percezione più diffusa tra le donne e gli adulti nella classe di età 50-59 anni.

 

Poco più di un quarto del campione della popolazione adulta trentina utilizza i servizi territoriali offerti, dichiarandosi mediamente soddisfatto. La maggior parte degli adulti riferisce di non appoggiarsi ai servizi territoriali per soddisfare i propri bisogni, cercando in altre risorse il supporto necessario. Il motivo è riconducibile al mancato interesse verso i servizi offerti, incompatibili con i propri bisogni.

 

"Rispetto alle differenze di genere, dove le donne e le giovani sembrano più in sofferenza rispetto al genere maschile, sarebbe auspicabile indirizzare gli aiuti verso le fasce più giovani e alle mamme che accudiscono - sostiene Gianluigi Carta, psicologo e vicepresidente dell’Ordine degli psicologi di Trento -. Orientare gli aiuti in questo senso risulta più efficace, come risulta importante potenziare i servizi che si occupano di queste fasce d’età", conclude. 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
26 gennaio - 22:07
A intervenire nelle ricerche i vigili del fuoco e i carabinieri. Presente anche l'ambulanza e il personale sanitario. Purtroppo un 70enne è [...]
Politica
26 gennaio - 20:50
Polemiche per l'allestimento della pista da sci di fondo tra piazza Duomo e via Belenzani per l'edizione numero 50 della Marcialonga. L'intervento [...]
Montagna
26 gennaio - 18:40
La cerimonia si è svolta ieri sera nella capitale: i soci della sezione Cai di Roma espulsi dopo l'emanazione delle Leggi razziali nel '38 sono [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato