Contenuto sponsorizzato

Una nuova collezione firmata 'Cembra' con 5 vini per valorizzare il territorio: “Con pendenze estreme necessarie fino a 1000 ore di lavoro per ettaro all'anno”

Cembra Cantina di Montagna, ha portato sul mercato quest'anno cinque nuovi vini: una linea che interpreta la volontà della cantina di valorizzare il proprio territorio nel suo complesso, raccontando altitudini, pendenze estreme e suoli porfirici in una serie di eleganti vini monovitigno

Pubblicato il - 23 maggio 2022 - 19:36

TRENTO. La cantina di montagna “rinasce”: da 'Cembra' arriva una nuova gamma, per raccontare la storia di un territorio antico tra altitudini, pendenze estreme e suoli porfirici in una serie di eleganti vini monovitigno. Dalla storica cantina cooperativa (che si identifica da 70 anni nella Valle di Cembra) per il 2022 arriva una collezione di 5 nuovi vini.

 

L'intento, dice Cembra Cantina di Montagna, è interpretare in maniera ancor più fedele questo territorio dal profilo eccezionale per suoli, clima e altitudine, un territorio che vuol far sentire sempre più la sua voce nel panorama del vino italiano. Con questo obiettivo, la cantina si presenta sul mercato con un’immagine e una collezione di vini completamente rinnovata. Gli ambasciatori di questo nuovo corso sono cinque vini: Müller Thurgau 2020Chardonnay 2020Riesling 2020 e il Pinot Nero 2019 insieme al Trentodoc Oro Rosso di Chardonnay in purezza, nella versione Pas Dosé Riserva 2017.

 

Nella Valle di Cembra i vigneti sono curati da generazioni di viticoltori e 'ricamati' da oltre 700 chilometri di muretti a secco. Le piante crescono tra i 500 e i 900 metri di altitudine e affondano le loro radici nel porfido rosso, che dona ai vini una grande personalità. Con il 2022, Cembra Cantina di Montagna ha deciso di cambiare marcia e intraprendere un'ulteriore evoluzione nella direzione della qualità.

 

“Alla base c’è una profonda consapevolezza del valore del territorio nel suo complesso – spiega l'enologo Stefano Rossi –: vogliamo valorizzare in maniera ancora più netta le peculiarità delle nostre uve, da ricondurre alle altitudini, ai forti sbalzi termici tipici della valle e alla salinità data dal porfido, pietra rossa che da sempre rappresenta la ricchezza della valle, ai nostri vini”. Ma, oltre alla vocazione del territorio, c'è un grande lavoro umano a supporto: “Nelle vigne con pendenze spesso estreme (anche al 40%) - continua - sono necessarie fino a 900/1000 ore di lavoro per ettaro all’anno. Un impegno che nasce da una passione autentica che è anche uno stile di vita”.

 

Le uve destinate alla collezione Cembra Cantina di Montagna vengono severamente selezionate e poi trattate in cantina con la massima cura. Parole d’ordine sono: precisione, freschezza e delicatezza. “Per salvaguardare la freschezza e il bouquet aromatico delle uve, prediligiamo i serbatoi d'acciaio e, per il Pinot Nero, abbiamo introdotto anche anfore Tava in terracotta – conclude Rossi -. Abbiamo inoltre previsto almeno un anno in più di affinamento per poter sviluppare in questo modo un ventaglio aromatico più ricco e bilanciato. Abbiamo deciso di seguire queste linee guida per portare in bottiglia l’essenza del nostro terroir e anche la dedizione e l'orgoglio delle famiglie socie di Cembra Cantina di Montagna, che si tramandano piccole vigne da generazioni”.

 

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 25 giugno 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Società
26 giugno - 22:45
Dopo una mattinata dedicata alle celebrazioni di San Vigilio, l'evento clou della Disfida in piazza Fiera con la vittoria dei Gobj. [...]
Politica
26 giugno - 20:34
L'ex presidente della Pat: “Sulle Comunità di valle retromarcia definitiva, tutto resta come prima, in questi giorni altra retromarcia [...]
Società
26 giugno - 20:04
"Francesco e l'autismo" è una pagina nata a marzo scorso con l'intento di mostrare le attività quotidiane del bambino, dalle recite scolastiche [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato