Contenuto sponsorizzato

Attentato di Barcellona, Lola Greco a Ledro conclude lo spettacolo: "Parte degli incassi della tourneé trentina andrà alle vittime"

Prima ballerina al Balletto Nazionale di Spagna a soli 19 anni la grande star spagnola del flamenco ieri è stata raggiunta dalla notizia dell'attentato di Barcellona poco prima di salire sul palco. Ma la tourneé proseguirà anche per non arrendersi al terrore. Messaggio di cordoglio di Dorgatti per il presidente del parlamento catalano 

Di Luca Pianesi - 18 agosto 2017 - 11:50

DIMARO. Devolverà parte degli incassi alle vittime dell'attentato di Barcellona la star spagnola Lola Greco, in questi giorni in tournée in Trentino. La grande ballerina del Bolero flamenco ieri sera era a Ledro per una delle tappe della sua esibizione in ensemble con i giovani talenti dell'Academia Nacional de Danza e la regia di Francesco Stochino Weiss quando è stata raggiunta dalla terribile notizia della strage avvenuta sulla Rambla della città catalana.

 

La star spagnola stava per esibirsi sul palco di Ledro e stava ultimando gli ultimi preparativi dello spettacolo quando si è verificato l'attacco terroristico che ha causato la morte di 13 persone e il ferimento di un centinaio. Lo spettacolo è andato regolarmente in scena alla sera ma Lola è apparsa visibilmente sconvolta e ha voluto parlare al pubblico lanciando un segnale di coraggio. Ha quindi deciso di continuare esibizione e tournée anche per non darla vinta a chi semina panico e terrore cercando di colpire la quotidianità più semplice e comune, che può andare da una passeggiata in una via centrale di una grande capitale europea a un concerto o uno spettacolo in un teatro.

 

E oggi Lola Greco sarà ancora in Trentino, al Teatro Comunale di Dimaro e spiegherà al pubblico come devolverà parte degli incassi della tournée alle famiglie delle vittime del vile attentato. Stessa cosa farà - tra Trentino e Veneto - la sera del 19 agosto a Levico Terme, poi il 20 a Riva del Garda, il 21 al Castello di Asolo, il 22 a Cavalese, il 24 a Fondo e il 25 al Parco Buzzaccarini di Monselice. L'artista, per ogni data in agenda, raccoglierà donazioni volontarie per le famiglie delle vittime, fondi che saranno tutti pubblicati sul sito di Opera Italiana e sui social network.

 

Lola Greco, già prima ballerina al Balletto Nazionale di Spagna a soli 19 anni, non è nuova a questo tipo di iniziative. Infatti, insieme al ballerino, coreografo e attore statunitense Daniel Ezralow, è l'unica ballerina che abbia partecipato a Sarajevo ad un evento umanitario durate la guerra in Bosnia. Fu realizzato dalla Ong Opera Italiana - riconosciuta dall'Unesco per meriti umanitari - la stessa con la quale sta attualmente collaborando.

 

E sulla questione si è espresso anche il presidente del consiglio della provinciale Bruno Dorigatti che ha scritto un messaggio di cordoglio che verrà inviato alla presidenza del parlamento di Catalogna. Lo riportiamo integralmente:

 

L’ennesimo urlo del terrore è riecheggiato nelle strade affollate di Barcellona, macchiandole di sangue innocente e riportando alla mente dell’Europa e dei suoi cittadini la similitudine con drammi altrettanto cruenti e crudeli.

Nel diffondere l’angoscia ed il panico, il terrorismo, figlio dell’estremismo islamico più acuto, prova ad insinuare nella vita di noi tutti il germe corrosivo della paura, con lo scopo di bloccare lo sviluppo delle società moderne e dei processi di integrazione, ma si tratta di un progetto destinato al fallimento perché la paura non ci piegherà.

 

Questo Paese ha resistito ad anni difficili e carichi di morte ed è riuscito a sconfiggere forze più o meno occulte e ad affermare il valore centrale della democrazia ed è con la medesima forza di allora che, anche oggi, affrontiamo con coraggio, compattezza e senza nessuno spirito di rivalsa il complicato tempo del presente, alzando alte le bandiere del dialogo, della cultura e della tolleranza.

 

A nome dell’intero Consiglio della Provincia autonoma di Trento e mio personale, esprimo la più totale condanna ed esecrazione, mentre porgo ai familiari delle vittime dell’odioso attentato di Barcellona i sentimenti di una sincera ed intensa vicinanza ed auguro ai feriti un pieno ristabilimento, confidando che tali drammi riescano a smuovere l’Europa politica verso orizzonti di maggiore unità e consapevolezza.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 28 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 settembre - 18:05

Oggi la Giunta provinciale ha approvato il documento attraverso il quale si avvierà la riduzione delle presenze all'interno della residenza fino alla chiusura. Sul tema dell'accoglienza il neo sindaco di Trento, Franco Ianeselli, ha spiegato che tra Pat e Comune ci sono due linee opposte: "Sbagliato scaricare sulla città tutti gli oneri come è stato fatto negli ultimi anni. La strada giusta è l'accoglienza diffusa"

29 settembre - 18:14

La Provincia rinnova infine l'appello di seguire le regole: "Si devono tutelare il più possibile gli anziani, obiettivo che i giovani devono concorrere a raggiungere attuando le regole igieniche e il corretto distanziamento"

29 settembre - 17:19

Se Riva pare la piazza più in bilico dove la destra potrebbe tentare il colpo forte anche dell'alleanza con i civici di Malfer e il Patt locale, quello provinciale ricorda ai suoi elettori da che parte sta l'Autonomia. Intanto anche le Sardine tornano a farsi sentire (giovedì a Riva alle 17 ci sarà un flash mob) ben consce del fatto che anche nelle piazze dove qualcuno poteva sperare nel cambiamento il rischio di ritrovarsi con la Lega del Trentino (e non quella di Zaia) al governo è troppo alto 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato