Contenuto sponsorizzato

Gli Agusta sono out (uno a Foggia, l'altro ha raggiunto il limite di ore) e il Dauphine ha una pala incrinata. Giornate di straordinari per il nucleo elicotteri

Praticamente per alcune ore sono rimasti operativi solo gli Ecureuil attivi principalmente nel servizio antincendio. Interrogazione, a riguardo, di Civettini. "La situazione è comunque sotto controllo" confermano al Servizio antincendi

Il prelievo d' acqua di uno degli elicotteri Écureuil della Provincia impegnato nello spegnimento di un incendio sopra Biacesa (Foto Alberto Migliorini)
Pubblicato il - 08 gennaio 2017 - 17:00

TRENTO. Un Agusta Aw 139 era fuori servizio a causa del raggiungimento del limite di ore di volo previsto dai livelli di sicurezza, l'altro si trova a Foggia per la manutenzione, un Dauphine fermo per una pala incrinata. Gli ultimi giorni di super lavoro (tra incendi e interventi di soccorso sulle piste) hanno messo a dura prova il nucleo elicotteri della Provincia che di fatto si è trovato ad operare in stato di quasi emergenza. Operativi, in sostanza, c'erano i soli due Ecureuil, attivi soprattutto sugli incendi boschivi. "La situazione è comunque sotto controllo" confermano al Servizio antincendi che ha organizzato la copertura delle emergenze attraverso il 118 in particolare nella fascia notturna tra le 18 di ieri e l'1 della scorsa notte.
 

In questo lasso di tempo, infatti, è stato possibile sostituire una pala del velivolo Dauphine la cui incrinatura accidentale ne pregiudicava la sicurezza. Parallelamente i tecnici hanno effettuato la manutenzione obbligatoria per un secondo mezzo - uno dei due Agusta AW 139 - che, a causa dell'intenso lavori di questi giorni, aveva raggiunto prima del previsto il limite di ore di volo oltre le quali i protocollo di sicurezza prevedono un check up. Un'operazione che si concluderà entro questo pomeriggio. L'altro Agusta si trova a Foggia per una manutenzione programmata ed approfondita per la quale è necessaria l'assistenza di specialisti certificati. Questo per rispondere a un'interrogazione del consigliere provinciale Claudio Civettini depositata questa mattina in Provincia. Questo il testo dell'interrogazione:

 

Elisoccorso, grande professionalità tecnica dei piloti che proprio un anno fa, con grande perizia collaudavano piazzole di atterraggio nelle valli ma che nella settimana dell'epifania sembrerebbe aver avuto uno stop forzato per motivi tecnici dei velivoli in servizio alla Provincia di Trento.

 

Fonti ben informate, ci indicano le sofferenze e le preoccupazioni che-di là da ogni polemica-mette al centro il servizio oggi indispensabile, per le scelte ragionieristiche della Giunta provinciale in materia di primo soccorso e maternità.

 

Un atto ispettivo che chiede semplicemente conferma o smentita dei fatti ma soprattutto, la messa in rete dei protocolli sostituivi di soccorso nei casi come questi -ma anche nel caso ad esempio il vento che superi una soglia di nodi che renda impraticabile il volo-affinché i cittadini abbiano piena contezza dei percorsi da seguire per avere o ricorrere al soccorso.

 


Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 gennaio - 15:08

Per il deputato forzista viene a crearsi anche una concorrenza sleale con gli altri territori: “Lo trovo assurdo soprattutto per i territori bellunesi confinanti con l’Alto Adige che da sempre vivono questa concorrenza sleale e che adesso avvertono con maggiore forza differenze quanto mai anacronistiche e impossibili da digerire" 

22 gennaio - 12:27

A Stoccolma è nato Cederhus, il progetto che prevede la realizzazione della più grande struttura in legno al mondo. Un progetto che trova sostegno nell’azienda altoatesina Rothoblaas, specializzata nella produzione di viti, piastre, angolari e nastri sigillanti destinati proprio per questo genere di strutture. "Il nostro obiettivo è sostituire gli edifici in cemento con quelli in legno"

24 gennaio - 12:13

Al gestore del bar la sanzione di 400 euro perché ha violato le disposizioni che impongono di non poter ricevere alcun cliente dopo le ore 18 all’interno del locale.  I controlli messi in campo da una task force interforze, voluta dal Questore di Trento, composta da agenti della Polizia di Stato, della Polizia Locale di Trento e della Guardia di Finanza che ha passato al setaccio i locali pubblici della città

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato