Contenuto sponsorizzato

Il senzatetto dorme in biblioteca. Il direttore: "Giuseppe stava male, lo abbiamo fatto portare all'ospedale"

Sui social un utente della Comunale di via Roma ha postato la foto chiedendo maggior decoro a una struttura pubblica. Antoniacomi: "Fuori ci sono cinque gradi sotto zero. Non me la sento di sbatterlo in strada. Siamo in costante contatto con i servizi sociali"

Di Luca Pianesi - 12 gennaio 2017 - 16:34

TRENTO. "Giuseppe è un frequentatore abituale della biblioteca e francamente preferisco stia qua dentro, al caldo, piuttosto che saperlo su una panchina a meno cinque gradi sotto zero. Oggi, comunque, era in una situazione particolarmente critica e abbiamo contattato l'ospedale". E' stato, quindi, portato al Santa Chiara, Giuseppe, uno dei più conosciuti senzatetto di Trento, che spesso e volentieri si "rifugia" nella biblioteca di via Roma. A spiegarlo lo stesso direttore della Comunale, Giorgio Antoniacomi che abbiamo interpellato dopo che sui social ha cominciato a circolare un'immagine dell'uomo seduto sopra il suo materasso/coperta.

 

Sul post, a corredo della foto, l'utente della biblioteca ha scritto: "Da un lato capisco l'esigenza del senzatetto di trovare un posto caldo, dall'altro però, è altrettanto opportuno che gli sia suggerito di spostarsi in uno dei luoghi adibiti ad accogliere i clochard, perché va anche tutelato il decoro sociale e urbano di un posto pubblico". Un concetto condiviso anche dal direttore della biblioteca Anoniacomi che però aggiunge: "La situazione di Giuseppe è particolarmente critica. E' seguito dai servizi sociali ma ha dei problemi a restare negli spazi chiusi e quindi non riesce, per esempio, a dormire al Punto d'Incontro. Quindi gira per la città ma, ovviamente, queste temperature possono diventare per lui molto pericolose. Normalmente passa il suo tempo tra la nostra biblioteca e la stazione. Ed è una persona assolutamente pacifica, non dà fastidio a nessuno, in tanti anni solo una signora s'era lamentata del fatto che stava seduto per terra. Gli abbiamo dato una sedia e tutto s'è risolto. Oggi, effettivamente, la situazione era più critica del solito. Ci è parso in difficoltà anche a livello di salute e quindi lo abbiamo fatto portare all'ospedale".

 

Ma normalmente qual è la procedura se si verificano certe situazioni? "Noi ovviamente non abbiamo poteri coercitivi o penali - prosegue il direttore della biblioteca di via Roma - ma abbiamo degli strumenti amministrativi. Possiamo far allontanare la persona dalla guardia ed emanare un provvedimento di allontanamento per un tot di tempo, anche di 6 mesi. L'anno scorso abbiamo fatto così in una decina di casi. Ma devono essere particolarmente gravi. Dal caso del tossico che importuna uno degli utenti della biblioteca a quello capitato l'anno scorso di un uomo che si era messo a fare la pipì su un glicine. Nel caso di Giuseppe non siamo sicuramente in queste dinamiche. La cosa peggiore che potremmo fare è fregarcene. L'altra ipotesi sarebbe quella di chiamare la guardia e buttarlo fuori, ma non me la sento. Con le temperature di questi giorni penso sarebbe davvero da irresponsabili abbandonarlo al suo destino. La terza strada, che è quella che stiamo percorrendo, è di essere in costante contatto con i servizi sociali. Oggi lo abbiamo fatto portare in ospedale. Se tra qualche giorno tornerà in salute e sarà a posto lo riaccoglieremo come abbiamo sempre fatto. Se sarà ancora in condizioni difficili richiederemo nuovamente l'intervento dei servizi. Quello che non ci sentiamo di fare, in assoluto, è di abbandonarlo a se stesso".      

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 ottobre - 20:30

Se le incertezze sono tante, tantissime, e il momento è delicato per l'emergenza Covid-19, le parole del presidente Maurizio Fugatti non aiutano a chiarire nulla o quasi. Non si capisce il senso di una conferenza stampa convocata in questo modo e di questo tenore per spiegare quanto succede in Trentino alla luce dell'ultimo Dpcm del premier Giuseppe Conte

25 ottobre - 20:07

Sono state poi registrate 12 positività tra bambini e ragazzi in età scolare e sono in corso le verifiche per procedere alla quarantena di altre classi, che attualmente riguarda 122 unità

25 ottobre - 19:16

La Provincia di Bolzano ha emesso una nuova ordinanza con valenza da lunedì 26 ottobre a martedì 24 novembre: bar e ristoranti potranno continuare a lavorare con gli orari attuali ma nuove restrizioni, mentre nelle scuole la didattica a distanza sarà portata solo nelle superiori al 50%. La misura più dura riguarda però il coprifuoco dalle 23 alle 5. In questo arco di tempo non ci si potrà muovere dal proprio domicilio se non muniti di autocertificazione

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato