Contenuto sponsorizzato

La Sat ricorda Armando Aste: "Ci ha lasciati un grande uomo con una forte gerarchia di valori impressi nella mente e scolpiti nel cuore"

Domani il funerale del grande alpinista nella Chiesa di Borgo Sacco a Rovereto. La Sat: "Eloquio elegante e interviste prive di autocompiacimento. Di Armando Aste continueranno a parlare i suoi scritti, una narrativa semplice ma scorrevole e coinvolgente, alla quale egli affidava suggestioni, emozioni ed incanti"

Armando Aste
Pubblicato il - 04 settembre 2017 - 18:38

ROVERETO. Si è spento lo scorso 1 settembre all'età di 91 anni Armando Astealpinista dolomitico, tra i rocciatori più grandi di sempre. viene ricordato anche dalla Sat: "Ci ha lasciati un grande uomo - spiega la società - con una forte gerarchia di valori impressi nella mente e scolpiti nel cuore". 

 

Anche la Sat parteciperà dunque domani, nella Chiesa di Borgo Sacco a Rovereto, rappresentata dalla vice presidente Maria Carla Failo e altri componenti della Giunta e del Consiglio della Sat Centrale all’ultimo saluto ad un grande alpinista che ha regalato a questa terra tutta la sua fama con encomiabile altruismo.

 

Nel primo dopoguerra il suo nome si è legato indissolubilmente alle Dolomiti del Brenta, montagne che amava e sulle quali ha aperto in solitaria vie di estrema difficoltà.

 

"Un uomo di montagna - aggiunge la Sat - che fu innanzi tutto un campione di coerenza, oltre che di scalate, di solidarietà e senso di responsabilità, oltre che di straordinarie imprese alpinistiche. Portiamo con noi il ricordo di un amico e di un socio, Accademico del Cai e socio della H. G. Bergland di Vienna,  che con quel suo salire ideale 'alla ricerca dell’infinito' e con una vita spesa facendosi carico della sofferenza altrui, ha tracciato un solco tra ciò che è nella natura umana e ciò che è veramente importante nella vita e deve venire prima, prima delle pulsioni, prima di quell'intimo e privilegiato contatto delle mani sulla roccia, prima della notorietà, se pur grandemente meritata".

 

La società trentina ricorda Aste seduto e sorridente nella Biblioteca della Montagna Sat quei primi di ottobre del 2010, quando gli venne assegnato il Premio Speciale, nella categoria Alpinismo, un eloquio garbato e quelle interviste, totalmente prive di autocompiacimento.

 

"Di Armando Aste - conclude la Sat - continueranno a parlare i suoi scritti, una narrativa semplice ma scorrevole e coinvolgente, alla quale egli affidava suggestioni, emozioni ed incanti che la montagna regalava a chi nell’imponenza della verticalità sapeva cogliere la magnificenza del creato. Ci stringiamo dunque attorno ai famigliari, ai parenti, agli amici di Armando Aste ed a tutti i soci, con l’intento di rappresentare tutta la comunità satina, che ricorderà l’alpinista, lo scrittore, ma soprattutto un uomo di montagna capace con il suo amore per la vita di abbracciare il  mondo intero".

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 23 dicembre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
16 gennaio - 11:43
Rimane preoccupante la situazione in Alto Adige soprattutto per il continuo aumento di pressione sugli ospedali. Ad oggi sono 91 le persone [...]
Cronaca
16 gennaio - 11:19
È successo questa mattina (16 gennaio) quando erano passati da pochi minuti le 11: a Trento c’è stato un blackout che ha fatto scattare gli [...]
Cronaca
16 gennaio - 09:44
L'ex pilota di MotoGP  nelle scorse ore in una intervista aveva spiegato di aver contratto il virus per necessità: "Non considero il vaccino [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato