Contenuto sponsorizzato

Orti come beni comuni: al via il laboratorio che insegna come creare un orto urbano aperto ai cittadini

L'iniziativa si inserisce nel recupero dei beni comuni del Comune di Trento, che permette ai cittadini di proporre progetti all'amministrazione pubblica per sfruttare gli spazi comuni. Il laboratorio ha l'obiettivo di avvicinare la cittadinanza all'idea di orto collettivo, un'area di coltivazione situata nello spazio urbano, anche per costruire relazioni tra i partecipanti

Di Cinzia Patruno - 22 September 2017 - 21:07

TRENTO. Al via venerdì 22 settembre e gran finale a marzo del prossimo anno, sono tante le iniziative nel programma di 'Orto come bene comune: tra territorio e comunità'. 

 

Un'opportunità per la cittadinanza, quella del recupero dei beni comuni: "C'è una nuova sensibilità – spiega Marta Sansoni, dirigente del Servizio beni comuni del Comune di Trento – per la ricerca di luoghi dove sperimentare un senso di appartenenza che è venuto a mancare. Quando i cittadini si prendono cura degli spazi della città mettono a disposizione tempo, esperienze e competenze".

 

Rientrano nei beni comuni tutti i beni materiali, immateriali e digitali riconosciuti dai cittadini come funzionali al benessere collettivo. Il regolamento sui beni comuni era stato approvato dal Comune di Trento nel 2015. 

 

"Negli ultimi due anni – chiarisce l'assessora alla partecipazione, innovazione, formazione e progetti europei del Comune di Trento Chiara Maule - abbiamo cercato di dare concretezza al nuovo regolamento dei beni comuni e ai patti di collaborazione tra amministrazione comunale e cittadinanza, che hanno come obiettivo la cura condivisa e la rigenerazione dei beni comuni urbani. Il tema dell'orto collettivo è stato evocato più volte".

 

Un'iniziativa che parte dal basso, tante infatti le richieste della cittadinanza all'amministrazione pubblica, e in particolare del comitato di Canova, che ha fortemente sollecitato un progetto dedicato agli orti collettivi culminato in questi laboratori supportati anche da Csv Trentino-Non profit network, Muse e Sibec-scuola italiana beni comuni.


Il laboratorio ha l'obiettivo di dare concretezza alla tendenza a creare orti collettivi negli spazi comuni del comune e comprende tre moduli teorici e pratici, una visita ad un orto ed un festival dedicato all'argomento. Il primo modulo, dal titolo 'Un orto è tanti orti: uno spazio tra la comunità tra territorio e cittadinanza attiva', ha chiarito quali sono gli ingredienti per fare di uno spazio pubblico un bene comune e, in particolare, come praticare una definizione condivisa e innovativa di orto collettivo.

 

Un progetto che coinvolge, in qualità di testimoni di progetti analoghi già avviati e di successo, Hillary Solly, coordinatrice dell'orto multiculturale Semi Rurali Garden di Bolzano, e Mariella Bussolati, responsabile del progetto OrtoDiffuso a Milano.

 

"Le adesioni a quest'iniziativa – spiega Angelica Polegato, esperta in orti comunitari e fondatrice del primo orto collettivo in provincia a Rovereto - ha di gran lunga superato le aspettative. Nel giro di una settimana i posti disponibili erano esauriti. Tra gli iscritti abbiamo moltissimi giovani tra i 25 i 30 anni". L'orto comunitario è dunque di tendenza e l'obiettivo dei laboratori è un'azione concreta: "Non esiste un modello unico di orto collettivo ma ce ne sono a migliaia. E' molto positivo che questi laboratori forniscano le informazioni necessarie alla cittadinanza, nella speranza che la tendenza alla costituzione e fruizione di orti urbani e collettivi si concretizzi".

 

Il laboratorio, composto da tre moduli e una visita facoltativa all'orto comunitario del parco Nelson Mandela di Arco, culminerà nel Festival degli orti urbani comunitari, che si terrà sabato 24 marzo al Muse: "Sarà una festa aperta a tutti i cittadini – continua Angelica Polegato - nella quale verranno proposti laboratori e workshop con esperti di orti sociali e comunitari per favorire lo scambio di esperienze".

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 6 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

07 March - 16:45

A 12 anni ha lasciato la sua casa in Afghanistan, passando per Iran e Turchia è arrivato in Grecia dopo un viaggio durato anni, lì è rimasto coinvolto nell’incendio che lo scorso settembre ha devastato il campo profughi di Moria: ora grazie alla Comunità Papa Giovanni XXIII l'incredibile storia di N.A. (che chiameremo Nico) ha trovato a Rovereto il suo lieto fine

07 March - 19:24

Sono 236 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 48 pazienti sono in terapia intensiva e 43 in alta intensità. Oggi 2 decessi. Sono 72 i Comuni con almeno un caso di positività

07 March - 18:26

L'amministrazione comunale continua a respingere la semplicissima proposta volta a sensibilizzare la comunità sul rispetto delle donne e contro la violenza. Vardon Inant: ''La Giunta provinciale in questi giorni ha deciso di aderire al progetto nazionale 'Panchina rossa' coinvolgendo anche, come parte attiva, i Comuni. Torniamo a chiederla per Mazzin e a tal proposito abbiamo deciso di interpellare direttamente la Provincia''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato