Contenuto sponsorizzato

La serie D si ferma in rispetto delle vittime di Genova

Calcio. Rinviato il turno preliminare di coppa Italia, non si gioca Trento-San Giorgio e Levico-Virtus Bolzano

Pubblicato il - 18 agosto 2018 - 11:19

TRENTO. L'esordio della formazioni regionali in coppa Italia previsto per domenica 19 giugno slitta. Questa la decisione del Dipartimento interregionale della Lega nazionale dilettanti. Una scelta che segue i tragici avvenimenti di Genova. 

 

Rinviate a data da destinarsi Trento-San Giorgio e Levico-Virtus Bolzano, così come tutte le gare del turno preliminare di coppa Italia.

 

"La Lega nazionale dilettanti, attraverso il suo Dipartimento Interregionale - spiega la nota - ha disposto il rinvio del turno preliminare della Coppa Italia di serie D, in programma per il fine settimana, per rispetto della giornata di lutto nazionale indetta per la tragedia che ha colpito la città di Genova e per solidarietà ai familiari delle vittime".

 

"In modo particolare - conclude il comunicato - la Lnd, si stringe attorno al ricordo di Marius Djerri, 22 anni, di origine albanese, attaccante e più giovane calciatore del Campi Corviglianese, società del campionato di seconda categoria ligure, tragicamente scomparso nel crollo del Ponte Morandi".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 maggio - 19:39

Ci sono 5.412 casi e 465 decessi in Trentino per l'emergenza coronavirus. I tamponi analizzati sono stati 703 (tutti letti da Apss) per un rapporto contagi/tampone a 1,70%. Ci sono 4 nuovi positivi a Trento, 1 a Novella

26 maggio - 19:37

Per il Tirolo il problema per la riapertura dei confini è la Lombardia? La replica di Fugatti: “Non capiamo perché i tedeschi possano arrivare attraverso il corridoio austriaco ma non possano arrivare gli austriaci, questo è difficile da spiegare al mondo economico trentino”

26 maggio - 18:16

Il presidente ha spiegato perché ritiene congruo il premio per chi si è battuto in prima linea nonostante 13 milioni arrivino dallo Stato e 20 siano stati tagliati anche al personale sanitario. ''Se si sono fatte 300 ore in prima linea un infermiere può ottenere 1.500 euro netti in busta paga. Se questo è umiliante, come hanno detto i sindacati, io non lo so. Non credo''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato