Contenuto sponsorizzato

Riscatto Aquila Basket, troppa Trento e Venezia non passa in gara 3

Una serata estremamente positiva a base di ritmo e qualità per i bianconeri che mettono alle strette gli orogranata e si aggiudicano gara 3 dei quarti di finale per 72-59. La serie resta a Trento per gara 4 in agenda per sabato 25 maggio e si riparte sul 2-1 per i lagunari

Di Luca Andreazza - 23 maggio 2019 - 22:26

TRENTO. C'è ancora speranza per l'Aquila Basket. Il parquet di casa e l'atmosfera della Blm Group Arena spingono la Dolomiti Energia a schiacciare la Reyer Venezia. Una serata estremamente positiva a base di ritmo e qualità per i bianconeri che mettono alle strette gli orogranata e si aggiudicano gara 3 dei quarti di finale per 72-59. La serie resta a Trento per gara 4 in agenda per sabato 25 maggio e si riparte sul 2-1 per i lagunari. 

 

Dopo il doppio successo targato Reyer al Taliercio, i bianconeri sono spalle al muro, costretti a difendere le tappe di casa per ritornare in Laguna per la decisiva gara 5. Un passo per volta e intanto arriva la vittoria in gara 3 per restare in corsa e mantenere viva la possibilità di giocare e agguantare le semifinali. 

 

Una reazione di forza e intensità della Dolomiti Energia dopo le prove sbiadite e difficili a Venezia. Questa sera la difesa dell'Aquila Basket fa la differenza, aggressiva e determinata sotto i tabelloni, mentre in attacco gli sforzi vengono quasi sempre premiati. Dopo un quarto e un paio di minuti equilibrati, i bianconeri prendono saldamente in mano le operazioni della gara e non rallentano mai: +15 al riposo lungo e un massimo vantaggio anche da +22 nel terzo parziale

 

Nonostante i tentativi di Venezia di rientrare, la Dolomiti Energia non accenna a calare i giri del motore e non si fa mai sorprendere dagli orogranata, che scivolano anche a 24 punti di distanza. Sembra un'ipoteca sulla partita, la Reyer però cerca di rientrare e piazzano un break da 13-0 per riaprire i giochi. Ma i trentini ripartono e premono. Finisce per 72-59

 

L'avvio del match è equilibrato, l'approccio di Trento è buonissimo ma Venezia resta lì, riesce a tenere il ritmo e mantiene la scia della Dolomiti Energia, che chiude il primo quarto avanti sul 13-11. La seconda frazione è invece un monologo bianconero, l'Aquila Basket trova fiducia e canestri. La truppa di coach Maurizio Buscaglia preme sull'acceleratore e trascinata da Marble e Gomes piazza un parziale da 25-11 per un +15: il tabellone segna 38-23 in favore dei trentini.

 

Nel terzo periodo (21-17) arriva la reazione della Reyer, ma Trento non si fa spaventare e ritocca il massimo vantaggio sul +18 (46-28). Dopo un buon inizio, sempre a contatto con i bianconeri, Venezia non regge i giri del motore dei trentini, che si fanno regolarmente sentire sotto le plance. La Dolomiti Energia è in controllo della partita e arriva il +22 (57-35).  I trentini puntellano sul 59-40 per complicare i piani di Venezia.

 

Nell'ultimo quarto l'Aquila Basket continua a tenere la Reyer nell'angolo. Il massimo vantaggio viene ritoccato anche sul +24 (64-40), quindi i lampi di classe di Daye e Haynes provano a tenere Venezia in partita con parziale da 13-0 per gli orogranata, tanto che lo svantaggio scende a -12 (64-52). I bianconeri resistono, si ricompattano e ripartono per il 72-59.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 18 settembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 settembre - 11:36

Iniziata nel marzo 2016, l'operazione Carthago ha portato a sgominare una rete ramificata in Marocco, Olanda, Spagna, Svizzera e Italia. Due i nuclei criminali composti da nordafricani e italiani legati ai clan di Torre Annunziata e alla mafia foggiana, che controllavano anche il mercato trentino. 73 gli indagati totali, 19 gli arrestati e sequestrati stupefacenti per un valore di 70 milioni di euro

19 settembre - 06:01

Dopo i fatti di luglio e agosto, con il ritrovamento di 47 e 180 capi morti, la Procura di Trento si prepara ad aprire un processo per indagare su diversi possibili illeciti. La determinazione della causa di morte, riportata dal referto dell'Istituto zooprofilattico, rischia di aprire un "vaso di Pandora" sul sistema dei titoli per ettaro erogati dall'Unione Europea

18 settembre - 18:45

In questi anni gli avvistamenti di questa specie si sono fatti sempre più rari e dal 2006 il Carpione del Garda è entrato a far parte della lista delle specie fortemente a rischio estinzione. Fra le cause di questa dipartita ci sono sia fattori umani che ambientali

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato