Contenuto sponsorizzato

A Trento arriva la vittoria in volata contro Cantù per 74-73. PAGELLE

La Dolomiti Energia domina il primo quarto, mentre Cantù si aggiudica il secondo e il terzo. Ma è l'ultima frazione di gioco a decidere il tutto: dopo 10 minuti in cui Cantù sembra avere la meglio, l'ultima fiammata degli aquilotti fa pendere la bilancia a loro favore e gli consegna la vittoria di un punto

Di Mattia Sartori - 13 December 2020 - 21:15

TRENTO. Con la pesante sconfitta contro il Cedevita ormai alle spalle, i trentini questa sera rivolgono gli occhi alla serie A, dove affronteranno Cantù in cerca della sesta vittoria stagionale. Unica squadra ad aver giocato tutti i dieci turni, la Dolomiti Energia si trova improvvisamente al terzo posto grazie al ritiro della Virtus Roma dal campionato. In dubbio Morgan e Maye, la cui condizione verrà valutata prima della partita.

 

Cantù inizia subito forte, imponendosi particolarmente a rimbalzo, ma la Dolomiti Energia reagisce immediatamente, innescando uno scontro testa a testa per la conquista del vantaggio. Ne escono vincitori i bianconeri, che con la tripla di Browne riescono a mettere un possesso pieno di distanza tra sé e gli ospiti. Trovato il ritmo gli aquilotti allungano per il +7, che gli permette di chiudere il primo quarto in vantaggio nonostante la piccola rimonta dei canturini (23-18).

 

Il secondo periodo si apre su note positive per i padroni di casa, che infliggono un parziale di 11-0 a Cantù. Il timeout di Pancotto dà buoni risultati, permettendo agli ospiti di ricominciare a segnare. Sui bianconeri pesa invece il bonus, contratto prima di metà del quarto, ma Sanders compensa le difficoltà con delle giocate immarcabili. Rimane comunque aggrappata alla sfida l’Acqua S.Bernardo, che accorcia le distanze portandosi a -2 a fine secondo quarto (42-40).

 

Arriva il sorpasso di Cantù in uscita dagli spogliatoi, mentre la Dolomiti Energia non riesce a tenere l’impeto dei biancoazzurri. La reazione dei trentini arriva nel quarto minuto, ma non è abbastanza forte e continuano a restare indietro, soprattutto grazie alla supremazia dei canturini a rimbalzo. Il vantaggio dell’Acqua S.Bernardo rimane comunque contenuto e i bianconeri riescono a mantenerlo tale con vari viaggi in lunetta. Sul finale arriva addirittura il controsorpasso dell’Aquila, che torna in vantaggio (58-57).

 

L’ultima frazione di gioco si apre con la nuova fiammata di Trento, che cerca di scappare. La fuga non riesce e Cantù riesce a riportarsi in parità con sei minuti ancora sul cronometro. Gli ospiti allungano di nuovo a +4 con la tripla di Woodard, ma arriva la reazione del capitano, che rimette i suoi a -1 con un gioco da tre punti. Gli ospiti però continuano a segnare, mettendo in difficoltà i trentini. Con meno di un minuto sul cronometro Cantù è a +1, ma la schiacciata di Williams vale il sorpasso a 6 secondi dalla sirena finale e la vittoria (74-73).

 

MARTIN 5 – Non lo si vede molto attivo questa sera. In particolare a rimbalzo sarebbe servito un aiuto in più, soprattutto nella prima metà.

 

JOVANOVIC – N.E.

 

PASCOLO 6 – Nel momento del bisogno si fa trovare pronto, con delle buone giocate sotto canestro, sia in attacco che in difesa.

 

CONTI – N.E.

 

BROWNE 6,5 – Dopo un buon primo quarto sparisce per quasi tutta la partita. Resuscita nelle ultime azioni, dove gioca un paio di azioni fondamentali e si riscatta.

 

FORRAY 7 – Il capitano scende in campo e lotta su ogni possesso, sia in attacco che in difesa. Oggi è lui il principale coordinatore della squadra durante i due quarti di assenza di Browne. 

 

SANDERS 6,5 – A inizio secondo quarto sembra non poter sbagliare, ma quando constata che in realtà sbagliare è una possibilità continua a tirare imperterrito per troppo tempo.

 

MEZZANOTTE 5 – A parte la tripla di fine primo quarto sembra non essere mai sceso in campo.

 

MORGAN 6,5 – In attacco non produce molto, ma in difesa riesce a trovare delle perle rare senza le quali la partita sarebbe stata sicuramente persa.

 

WILLIAMS 7 – Ad una pessima prima metà in cui viene dominato da Kennedy contrappone 20 minuti dopo la pausa lunga che gli valgono il titolo di Mvp. Sarebbe stato

meglio svegliarsi prima però.

 

LADURNER 5 – Non gioca bene stasera, quando scende in campo trova solo un paio di falli e il suo tempo sul parquet viene tagliato date le difficoltà dei bianconeri.

 

MAYE – N.E.

 

BRIENZA 5,5 – Oggi una prestazione altalenante della squadra regala una vittoria che avrebbe potuto benissimo essere di Cantù. Sarebbe stato necessario evitare alcuni degli scivoloni del secondo e terzo periodo per meritarsela davvero.

 

DOLOMITI ENERGIA TRENTINO - ACQUA SAN BERNARDO CANTÙ  74-73

(23-18; 42-40; 58-57; 74-73)

 

DOLOMITI ENERGIA TRENTINO. Martin 6, Jovanovic, Pascolo 4, Conti, Browne 14, Forray 5, Sanders 17, Mezzanotte 3, Morgan, Williams 25, Ladurner, Maye. Allenatore: Nicola Brienza.

ACQUA SAN BERNARDO CANTÙ. Thomas 9, Kennedy 10, Woodard 13, Procida 3, Leunen 5, La Torre 4, Lanzi, Johnson 17, Bayehe, Baparapè, Pecchia 12, Caglio. Allenatore: Cesare Pancotto.  

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 27 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 January - 05:01

In una conferenza stampa a senso unico, come al solito, dove è impossibile interloquire e quindi riuscire a capire davvero qualcosa i due vertici dell'Apss hanno provato a spiegare la situazione alla luce dei dati completi mostrati da il Dolomiti in questo grafico dell'Apss. Tra le motivazioni dei troppi decessi il fatto che la popolazione trentina è particolarmente anziana. In valore assoluto, però, l'Alto Adige lo è ancora di più (il 15,6% della popolazione rispetto al 14,1% del Trentino di over 65) quindi quei 350 decessi in più non si spiegano

27 January - 22:12

In particolare nel mese di novembre il Trentino è stato travolto dal contagio, ma solo una parte parziale dei dati è stato comunicato ufficialmente. L'ex rettore Bassi: " Per due mesi ci hanno raccontato che 'gli ospedali si erano riempiti perché i trentini ultra settantenni erano un po' troppo scapestrati e invece di starsene a casa, andavano in giro e si contagiavano'. Una bugia, purtroppo una delle tante"

28 January - 08:24

Le ricerche fatte nell'Adige al momento non hanno portato ad alcuna novità. Intanto sono spuntati dei testimoni sul tentativo del figlio di recarsi in un autolavaggio per lavare l'auto ma è stato fermato dai carabinieri 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato