Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, La Leggendaria Charly Gaul e La Moserissima salutano a luglio 2021: ''Alto standard organizzativo e sicurezza vengono prima di tutto''

Non ci sono le condizioni di sicurezza per confermare l’affollato evento Uci di luglio. Covid-19 non lascia spazio operativo, tutto rinviato al prossimo anno. Una tre giorni di sport e intrattenimento che era anche occasione turistica

Le partenze de La Leggendaria Charly Gaul e de La Moserissima del 2019 (foto Newspower)
Pubblicato il - 20 maggio 2020 - 00:21

TRENTO. La Leggendaria Charly Gaul e La Moserissima slittano ufficialmente al 2021 a causa dell'emergenza coronavirus. "Non è stata una decisione semplice - commenta Elda Verones, direttrice dell'Azienda per il turismo Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi - avevamo già avviato l’organizzazione, per il comparto turistico l’evento rappresenta un tassello importante per l’indotto diretto e indiretto, per la promozione e la valorizzazione del territorio".

 

Ma La Leggendaria Charly Gaul si è sempre distinta, oltre che per i grandi numeri, per alti standard organizzativi e di sicurezza, mettendo il ciclista sempre in primo piano. Stesso discorso per la gara a cronometro internazionale del venerdì e per l’attesa Moserissima, la manifestazione vintage che celebra Francesco Moser e la sua famiglia di grandi sportivi.

 

"Siamo convinti che il cicloturismo sia destinato a aumentare in futuro e crediamo che la nostra terra con il suo patrimonio paesaggistico offra le condizioni ideali per questo filone vacanziero. Gare ciclistiche - spiega Franco Aldo Bertagnolli, presidente dell'Apt Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi - come La Leggendaria Charly Gaul e La Moserissima sono un ottimo strumento per attrarre turisti e appassionati, sicuramente spostare questa edizione è stata la scelta migliore".

 

Impensabile per Apt Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi e Trento Eventi Sport proporre l’appuntamento in autunno, in un calendario affollato per le granfondo e nell'incertezza di poter organizzare eventi nel rispetto delle norme che richieste per il contenimento del contagio.  Così dopo aver studiato e valutato ogni possibilità, la macchina organizzativa ha deciso di proporre l'edizione numero 15 de La Leggendaria Charly Gaul e la sesta edizione de La Moserissima dal 9 all'11 luglio 2021

 

"Con il nostro comitato abbiamo esplorato ogni opportunità possibile - dice Renato Villotti, presidente di Trento Eventi Sport - ma garantire il solito altissimo standard all’evento sarebbe stato difficilissimo, ma soprattutto ad oggi non ci sono chiare indicazioni sulle linee guida da tenere per gli eventi. Meglio posticipare al 2021 ed offrire una manifestazione ad altissimo livello".

 

Manifestazioni che sono diventate negli anni un "must" per il mondo del ciclismo amatoriale internazionale. Tre eventi molto apprezzati e seguiti da sportivi di tutto il mondo, come conferma anche l’Uci che ha inserito a calendario la corsa trentina nel prestigioso Uci Gran Fondo World Series. Ma il contenimento del virus Covid-19 ha costretto Uci e Fci a sospendere tutte le competizioni, con le gare “pro” che potrebbero ricominciare solo in agosto.

 

"Nell’ambiente degli eventi vintage del ciclismo avevamo creato con Apt un nuovo filone. E' un peccato dover abdicare un anno, ma nel 2021 ci troveremo pronti per un nuovo grande raduno", conclude Francesco Moser.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 novembre - 11:46

Nel bollettino quotidiano dell'azienda sanitaria altoatesina, i numeri del contagio continuano a segnare cifre importanti. Sono 437 i nuovi positivi su quasi 3500 tamponi, mentre le morti salgono ancora con 7 decessi. Da inizio epidemia le vittime sono state 530 (235 nella sola seconda ondata)

29 novembre - 09:56

Andrea Weiss (Apt val di Fassa): "Un comparto fondamentale nel breve termine dobbiamo prepararci. La promozione? Delicatissima, ci sono tanti morti e si rischia di urtare la sensibilità del turista. Si potrebbe guardare poi a Francia e Germania per il futuro della strutturazione delle ferie italiane"

29 novembre - 08:53

In dieci hanno deciso di organizzare una protesta, pacifica ma decisamente rumorosa, e ora si sono ritrovati nei guai con una denuncia all’autorità giudiziaria per manifestazione abusiva e disturbo alle persone

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato