Contenuto sponsorizzato

Positivo al Covid per quasi un mese nonostante abbia 19 anni e sia un campione dello sport. Michieletto: ''Chiuso in camera per un periodo lunghissimo e difficile. Ora torno in campo''

Il giovane giocatore dell'Itas aveva contratto il virus durante l'Europeo Under 20 i primi di ottobre: ''E’ stata un’esperienza molto particolare, che sicuramente mi ha segnato ma che mi ha portato anche a capire quali siano le cose importanti nella vita: la salute, la famiglia, gli affetti, gli amici''

Di L.P. - 05 novembre 2020 - 18:10

TRENTO. ''Dopo aver contratto il virus sono rimasto chiuso nella mia camera per quasi quattro settimane, un periodo lunghissimo e anche difficile da sopportare per un ragazzo come me, abituato a vivere in gruppo. Non vedevo l’ora di risultare negativo e adesso sono felicissimo''. Un mese esatto, una trentina di giorni per uscire dal tunnel della positività al coronavirus, per un ragazzo, Alessandro Michieletto, che deve compiere 19 anni tra un mese, un atleta di primo piano, nazionale di volley e già in prima squadra con l'Itas Trentino Volley.

 

Il giovane sportivo ha contratto il virus ai primi di ottobre (l'annuncio era stato dato il 6 QUI ARTICOLO) durante l'Europeo Under 20 giocato con la nazionale juniores in Repubblica Ceca e già da questo pomeriggio ha ripreso l’attività in sala pesi (da solo; il resto della squadra è in isolamento fiduciario, ndr).

Non vedevo l’ora di risultare negativo e adesso che lo sono diventato sono felicissimo – ha ammesso Alessandro, tornato a Trento proprio oggi dopo aver trascorso la quarantena nella sua casa di Castiglione delle Stiviere - . Dopo aver contratto il virus sono rimasto chiuso nella mia camera per quasi quattro settimane, un periodo lunghissimo e anche difficile da sopportare per un ragazzo come me, abituato a vivere in gruppo. E’ stata un’esperienza molto particolare, che sicuramente mi ha segnato ma che mi ha portato anche a capire quali siano le cose importanti nella vita: la salute, la famiglia, gli affetti, gli amici''.

 

''Pur non potendo vedere nessuno - prosegue il giovane sportivo - ho sempre sentito la vicinanza di tutti e questo mi ha aiutato a trascorrere comunque bene il lungo periodo di isolamento. Grazie ai social network ho seguito costantemente la mia Itas Trentino, facendo il tifo ad ogni partita ed interessandomi di tutto: sono stato il follower più assiduo di Trentino Volley. Sono contento che i miei compagni abbiano ottenuto la qualificazione alla Main Phase di Champions League: era sicuramente questo l’obiettivo più importante da raggiungere durante queste ultime settimane, visto che per risalire la classifica della SuperLega ci sarà ancora tanto tempo a disposizione davanti, nella speranza che il campionato possa proseguire il suo corso. Sto bene e ho addosso una gran voglia di voltare pagina rispetto all’esperienza che ho vissuto; aver superato una situazione del genere mi darà ancora più energia e determinazione per tornare presto in campo. So che non potrò essere subito al massimo ma l’entusiasmo che mi anima ora mi aiuterà a colmare il gap fisico e tecnico accumulato nello scorso mese”.

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
30 novembre - 05:01
I rincari dell'energia hanno portato ad un negativo di circa 3 milioni di euro a cui si aggiunge l'inflazione per 3,8 milioni di euro. La [...]
Cronaca
29 novembre - 20:12
Dalle prime ricostruzioni il ragazzo si sarebbe trovato tra il binario 1 e 2 quando è arrivato il treno merci. Sul posto le forze dell'ordine [...]
Montagna
29 novembre - 18:46
L’appello della blogger e alpinista Sara Lazzari per salvare l’ospedale che cura i bambini con l’asma: “Devo tutta la mia vita alla [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato