Contenuto sponsorizzato

Sesta vittoria in Eurocup e qualificazione matematica alle Top16, per l’Aquila è festa. PAGELLE

Dopo una prima metà giocata in perfetto equilibrio la Dolomiti Energia si riprende e stacca i greci del Promitheas, lasciandoli dietro fino alla fine. Rimangono quindi imbattuti i bianconeri, che conquistano anche la qualificazione automatica alle Top16

Di Mattia Sartori - 11 novembre 2020 - 20:33

TRENTO. Inizia la settimana più impegnativa della storia della Dolomiti Energia: oggi i trentini giocheranno a Patrasso, venerdì a Las Palmas e domenica a Brescia. Tre partite intervallate da migliaia di chilometri e con un roster ancora a corto di Pascolo e Mezzanotte richiederanno un grande sforzo da parte degli aquilotti. Coach Brienza: “Non dovrà cambiare l'approccio e la mentalità che abbiamo mostrato nelle ultime settimane, anche a ranghi ridotti”.

 

I primi minuti vedono Trento faticare in attacco e usare troppi falli in difesa, esaurendo il bonus dopo neanche tre minuti. Rimane una certezza Williams, che garantisce solidità sotto canestro e regala ai bianconeri i primi punti. Il Promitheas raggiunge il +4, ma la Dolomiti Energia ritrova ritmo e fiducia, infliggendo un parziale di 9-0 e passando a +5 sulla tripla di Maye. Recuperano però i greci, che riescono a riguadagnare il testa a testa a fine primo quarto (17-17).

 

Il secondo quarto si apre molto bene per i trentini che ritrovano il vantaggio, anche se i padroni di casa si mantengono sempre a contatto. I giovani bianconeri si distinguono per costanza in questo inizio di periodo. Non alza particolarmente il ritmo l’Aquila, probabilmente risparmiando le forze per i prossimi incontri, ma non riescono nemmeno ad ampliare il divario. Il Promitheas invece insegue e supera Trento con il gioco da 4 punti di Agravanis. Ribalta la situazione la Dolomiti Energia, che si affida alla solita gran difesa di Martin e viene ricompensata da una palla rubata con canestro del +1. Browne trova il +3, ma Miller rovina la festa con la tripla del pareggio sulla sirena (41-41).

 

Morgan allunga in apertura del terzo periodo con due triple pesantissime e una palla rubata ancora più importante, che porta al canestro di Martin, condito dal fallo antisportivo di Agravanis. L’Aquila alza i giri del motore e in poco più di tre minuti lascia indietro i biancoarancioni con un parziale di 11-0. Agravanis interrompe il momento difficile dei greci e permette ai suoi di ritrovare un po’ il passo. Non è però abbastanza per riprendere i bianconeri, che si mantengono a distanza con un ottimo Sanders e chiudono il terzo quarto a +10 (59-69).

 

Reagiscono i greci, che a inizio dell’ultimo quarto ripagano i trentini con la loro stessa moneta e trovano un parziale di 8-1. Fanno fatica i bianconeri e coach Brienza si vede costretto a chiamare timeout. Morgan spezza il momento negativo con una tripla, ma il Promitheas risponde e si porta a -1. La Dolomiti Energia si è risvegliata e prende i padroni di casa in contropiede, riconquistando il +6 grazie a due giocate fondamentali di Morgan. Le soluzioni offensive di Trento mantengono i biancoarancioni alle spalle, che non possono farci niente e cedono la partita. Sesta vittoria quindi per l’Aquila che con questo  80-89 conquista la qualificazione automatica alle Top16.

 

 

MARTIN 7 – Buona partita per Martin, che raggiunge risultati importanti sia in attacco che in difesa, soprattutto nei primi due quarti.

 

CONTI 6,5 – Rimane perfetto al tiro in Eurocup, segno delle buone scelte che fa in attacco. Si fa scappare qualcosa in difesa e nella seconda metà passa un po’ inosservato.

 

BROWNE 7,5 – Ottima performance di Browne, che distribuisce bene il pallone e nei momenti decisivi si prende la responsabilità di tiri fondamentali.

 

FORRAY 6,5 – Non si distingue come le scorse serate, anche se il capitano non manca di portare la sua solita garra sul parquet.

 

SANDERS 8 – Grande prestazione, soprattutto nella seconda metà, chiude a 22 punti, molti dei quali importantissimi per lo scatto finale di Trento.

 

MORGAN 7 – La sua situazione falli gli impedisce di performare nella prima metà, ma nel terzo e quarto periodo è protagonista di entrambi gli allunghi che regalano la vittoria a Trento.

 

WILLIAMS 6 – Gioca solo cinque minuti, durante i quali regala la solita sicurezza e stabilità sotto i tabelloni.

 

LADURNER 7 – Si fa trovare pronto e sostituisce bene Williams sotto canestro, nella prima metà riesce anche a mettere il suo nome tra i top scorer. Notevole anche la difesa, dove non si fa sfuggire errori grossolani.

 

LECHTHALER – N.E.

 

MAYE 5 – Non è in serata il lungo bianconero, che al tiro ha percentuali bassissime e inoltre viene limitato molto dai falli.

 

BRIENZA 7 – Buon inizio di quella che si prospetta una settimana molto complessa per i trentini. Si soffre un po’ per la questione falli, ma l’importante è aver portato a casa la vittoria e la qualificazione in Top16.

 

PROMITHEAS PATRAS - DOLOMITI ENERGIA TRENTINO  80-89

(17-17; 41-41; 59-69; 80-89)

 

DOLOMITI ENERGIA TRENTINO. Martin 13, Conti 5, Browne 15, Forray 2, Sanders 22, Morgan 14, Williams 4, Ladurner 8, Lechthaler, Maye 6. Allenatore: Nicola Brienza.

PROMITHEAS PATRAS. Agbelese 7, Lountzis 6, Agravanis 22, Faye 8, Mantzaris 6, Giannopoulos, Miller 22, Mantzoukas 9, Bazinas, Tanoulis. Allenatore: Makis Giatras.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

15 gennaio - 19:18

Nella conferenza stampa straordinaria organizzata dalla giunta provinciale di Bolzano, Arno Kompatscher si è detto sconcertato dalla scelta del Cts di trasformare l'Alto Adige in zona rossa. "Abbiamo inviato una lettera a Roma. Sulla base dei dati confermiamo con l'ordinanza di stasera la zona gialla"

15 gennaio - 19:30

Sono tantissime le prese di posizione (di partiti e istituzioni) in favore della testata ma colpiscono, in particolare, le dichiarazioni di Fugatti (che si dice ''sorpreso''), dei sindacati (che ancora parlano di ''investimento'' riferendosi all'operazione predatoria compiuta sull'editoria locale da parte di Athesia) e dell'Ordine dei Giornalisti (che esprime la sua ''solidarietà''). Ora si pensi ai giornalisti ma non si dimentichino i collaboratori esterni e i fotografi che da una vita lavorano per poche decine di euro al giorno mettendoci tutto quel che hanno

15 gennaio - 18:35

Il direttore sanitario dell'Apss, Antonio Ferro spiega: "Preoccupa il livello di occupazione dei posti letto negli ospedali". Il presidente della Provincia chiede ancora "senso di responsabilità" ai trentini 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato