Contenuto sponsorizzato

Colpaccio di Trento alla Blm Group Arena: vittoria contro il Lokomotiv. PAGELLE

La prima metà è un totale dominio dei bianconeri che dimostrano di essere una forza con cui bisogna fare i conti in questa competizione. Nel terzo quarto si rischia di mandare tutto all'aria, ma per fortuna l'Aquila riesce a mantenersi aggrappata alla partita fino alla fine, quando un super Maye da 25 punti trascina tutti oltre il traguardo

Di M.Sartori - 20 January 2021 - 22:12

TRENTO. Alla Dolomiti Energia serve una vittoria e serve il più presto possibile. È dal 13 dicembre che gli uomini di coach Brienza non riescono a strappare un successo tra Serie A ed Eurocup. Questa sera in campo si affronta il Lokomotiv Kuban, una delle squadre di punta del torneo, con un roster composto da molti ex Nba ed Eurolega. Come se non bastasse anche i russi hanno bisogno di riscatto dopo l’inaspettata sconfitta del Round 1 e quindi arriveranno col coltello tra i denti. Servirà la miglior versione dei bianconeri per avere una chance di vittoria.

 

La difesa trentina si chiude subito come una trappola sui giocatori russi, che faticano a trovare il canestro. Il grande lavoro a rimbalzo dei lunghi bianconeri permette vari extra possessi, vera chiave del vantaggio dell’Aquila.  Sulla tripla di Mezzanotte la differenza arriva anche in doppia cifra e la concentrazione dei bianconeri non fa altro che aumentare, soprattutto nella metà campo difensiva. Il Loko non trova risposte al gioco trentino e il quarto si conclude sul +15 di Trento (27-12).

 

Continua il momento positivo della Dolomiti Energia, mentre i giocatori del Loko mostrano segni di frustrazione. Il canestro di Ilnitskiy mette ordine tra i russi, che ritornano a segnare, ma i trentini hanno la mano calda e rispondono ad ogni colpo. Si tocca anche quota +28 per la Dolomiti Energia prima che il Loko riesca in qualche modo a fare qualche danno. L’unico a mettere in difficoltà i trentini è Crawford, che però da solo non può battere questa Dolomiti Energia. Tuttavia riesce a far diminuire il vantaggio bianconero che rimane comunque cospicuo nella pausa lunga (61-39).

 

Il ritorno dagli spogliatoi vede una Dolomiti Energia un po’ traballante rispetto alla prima metà. I russi invece sembrano aver messo la testa in partita per la prima volta dalla contesa iniziale e riescono a prendere per la coda i trentini, portandosi a -10. La Dolomiti Energia ritrova forza in attacco, ma manca la difesa dei bianconeri, penalizzati dai troppi falli. I trentini sentono il fiato sul collo del Loko, che ormai ha rimesso tutto in discussione e conclude il terzo quarto ad un solo possesso di distanza (74-71).

 

A inizio quarto periodo è tutto da rifare e l’inerzia purtroppo è dalla parte dei russi. La tripla di Morgan è ossigeno per i trentini, che rimettono un paio di lunghezze tra sé e il Loko. Ad ogni passo in avanti ne segue uno indietro, ma in qualche modo Trento riesce a rimanere aggrappata al vantaggio. La tensione aumenta ad ogni azione e diventa una gara a chi riesce a fare meno sciocchezze. L’Aquila trova un inaspettato super Maye, che corre in soccorso e si carica la squadra sulle spalle, per tutti gli ultimi due minuti e oltre il traguardo per la tanto agognata vittoria (96-84).

 

MARTIN – N.E.

 

JOVANOVIC – N.E.

 

PASCOLO 6 – Performance sufficiente ma non eccellente per il lungo trentino. A rimbalzo fa il suo lavoro anche se perde un po’ in fisicità.

 

CONTI – S.V.

 

BROWNE 6,5 – Nel primo quarto fa girare bene la palla, dettando il ritmo dell’attacco trentino. I problemi di falli però lo buttano giù, facendogli perdere la concentrazione e, a parte qualche sprazzo, non rientra più in partita.

 

FORRAY 7- Capitan Forray è la roccia a cui ci si può sempre aggrappare nei momenti di difficoltà. Oltre un’ottima difesa per tutta la partita riesce anche a prendere le redini in quei minuti in cui si rischiava seriamente di finire sotto.

 

SANDERS 5,5 – Non si accende mai durante la partita e in alcune occasioni fa anche scelte discutibili che rischiano di mettere a repentaglio la partita. Comunque mostra anche una buona difesa.

 

MEZZANOTTE 5,5 – L’uso che coach Brienza fa di lui, utilizzandolo per poco tempo quando c’è bisogno di una tripla sembra funzionare. Potrebbe però guadagnarsi qualche minuto in più se in difesa trovasse la posizione giusta per esempio.

 

MORGAN 7,5 – Grande difesa, riesce a mettere in difficoltà Crawford, uno dei più grandi problemi durante tutta la partita. Inoltre mette insieme una buona prestazione al tiro con 3/7 da due e 3/4 dalla lunga distanza.

 

WILLIAMS 8 – Nei primi due quarti è uno dei due protagonisti assieme a Maye: il loro lavoro a rimbalzo è uno dei motivi per cui Trento domina nei venti minuti iniziali. Purtroppo viene poi penalizzato dai falli, ma riesce a gestirsi bene, diventando un elemento chiave dell’ultimo quarto.

 

LADURNER 7 – Solidissimo sforzo da parte del giovane di Merano. Ladurner dimostra la sua voglia di lavorare e il progresso ottenuto fino ad ora. Riesce a fare scelte oculate e a giocare sotto canestro contro giocatori molto più esperti di lui.

 

MAYE 9 – Super Maye, oggi è un altro giocatore. Sciolto e concentrato, il lungo di passaporto americano incanta a partire dalle triple del primo quarto per tutta la via fino allo sprint finale degli ultimi minuti che vale la vittoria bianconera.

 

BRIENZA 7,5 – Finalmente si torna a vincere. Nella prima metà il controllo trentino e totale e la gestione di Brienza è impeccabile. Purtroppo il terzo quarto rovina il capolavoro e il coach sembra perdere le redini della situazione. Si risolleva sul finale, riuscendo a far mantenere la calma ai suoi.

 

DOLOMITI ENERGIA TRENTINO – LOKOMOTIV KUBAN KRASNODAR  96-84

(27-12; 61-39; 74-71; 96-84)

 

DOLOMITI ENERGIA TRENTINO. Martin, Jovanovic, Pascolo 2, Conti, Browne 12, Forray 9, Sanders 10, Mezzanotte 3, Morgan 14, Williams 17, Ladurner 4, Maye 25. Allenatore: Nicola Brienza.

LOKOMOTIV KUBAN KRASNODAR. Cummings 13, Hervey 10, Motovilov 4, Kalnietis 11, Ilnitskiy 7, Kalinov, Kuzminkas 12, Lynch 5, Dolinin, Martiuk 2, Crawford 20, Emchenko. Allenatore: Evgeny Pashutin.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 settembre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
22 settembre - 21:01
Sono state lunghe e articolate le indagini della polizia locale val di Fassa per ricostruire la dinamica dell'incidente. La coppia era in [...]
Politica
22 settembre - 21:29
L'editore Laterza a Ottoemezzo, programma di La7 condotto da Lilli Gruber, è tornato sulla kermesse dello scoiattolo: "Un Festival basato sulla [...]
Cronaca
22 settembre - 20:04
Trovati 38 positivi, 1 decesso nelle ultime 24 ore. Registrate 48 guarigioni. Sono 18 i pazienti in ospedale, di cui 3 ricoverati in [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato