Contenuto sponsorizzato

L'Aquila torna sconfitta da Reggio: continua la striscia negativa in Serie A. PAGELLE

Una partita a punteggio basso, giocata su ogni possesso, che vede i trentini e i reggiani affrontarsi ad armi pari per la buona parte di quaranta minuti. Durante i primi venti la situazione rimane equilibrata, ma dal terzo in poi Reggio prende in mano le redini della partita e conduce fino alla vittoria finale

Di M.Sartori - 23 gennaio 2021 - 21:08

REGGIO EMILIA. Dopo la pesante vittoria contro il Loko in Eurocup, l’Aquila mira a replicare l’opera in Serie A contro Reggio Emilia. Al varco ci sono però due importanti ex bianconeri: Dominique Sutton e Filippo Baldi Rossi, che nel capoluogo trentino hanno trovato entrambi grandi soddisfazioni. La chiave della partita è iniziare dall’approccio di mercoledì sera, difendendo duro e buttandosi su ogni pallone. Coach Brienza: “All'andata regalammo davvero troppo, quindi ci teniamo sportivamente ad avere una piccola rivincita e prenderci due punti in casa loro".

 

I primi minuti sono in sostanziale equilibrio, anche se l’Aquila non mostra la stessa prontezza di mercoledì. Servono un paio di minuti prima che i bianconeri si riorganizzino, ma alla fine arriva Luke Maye, che conferma il suo buon momento e porta i trentini a un passo dal vantaggio. Il sorpasso arriva con la tripla di Sanders, ma Reggio riesce a prendersi il +1 sul finale del quarto (17-16).

 

Si continua a battagliare a poche lunghezze di distanza ed entrambe le squadre fanno fatica a centrare il canestro. Le triple di Reggio iniziano ad entrare e l’Unahotels sfrutta il momento positivo per lasciare indietro di tre punti i trentini. Non dura però molto il vantaggio dei padroni di casa, perché i tiri iniziano ad entrare anche ai bianconeri, che si ritrovano avanti. Baldi Rossi martella l’Aquila dai tre punti, permettendo ai reggiani di scappare a +4, dove rimangono fino alla sirena di fine secondo periodo (37-33).

 

Al ritorno in campo tutte e due le squadre alzano il ritmo, mirando a guadagnarsi un vero vantaggio il prima possibile. Per i trentini sale in cattedra Williams, che cerca di riportare i suoi al sorpasso. La spuntano però i reggiani, che effettuano il primo vero allungo della partita portandosi a +9. Torna a segnare anche la Dolomiti Energia, che ritrova Maye e comincia ad accorciare le distanze. L’Unahotels ferma tutto prima di perdere il controllo e ribalta la situazione, guadagnando il massimo vantaggio sul +16. Trento prova a battere un colpo, ma deve rimandare la rimonta all’ultimo quarto (65-51).

 

La Dolomiti Energia apre il quarto conclusivo con un 4-0 che dà il via al suo tentativo di rimonta. Reggio però non ha intenzione di lasciare andare così facilmente e continua a rispondere agli assalti dell’Aquila. Sulla tripla di Maye arriva il -8 che dovrebbe infiammare i bianconeri, ma i padroni di casa continuano a segnare, buttando acqua sul fuoco degli ospiti. A poco più di due minuti dalla fine sembra riaccendersi la speranza trentina, ma tre triple sbagliate di seguito la spengono subito dopo. Reggio Emilia è ormai troppo avanti perché l’Aquila possa recuperare in tempo. La tripla sbagliata di Maye ufficializza il ko, che arriva per 83-74.

 

MARTIN 6 – Nonostante l’infortunio appena subito riesce a dare il suo contributo alla partita con delle belle azioni difensive.

 

JOVANOVIC – N.E.

 

PASCOLO 6 – Fa bene, in particolare nel secondo quarto quando riesce a contribuire con una serie di buone azioni mirate.

 

CONTI – N.E.

 

BROWNE 5 – Cosa gli stia succedendo non si sa, ma non è in forma. Non prende in mano la squadra, né per facilitare i compagni, né per creare dei tiri per sé.

 

FORRAY 6 – In assenza di Browne ci si rivolge a lui e anche questa volta risponde anche se forse non al massimo della sua forma.

 

SANDERS 5 – Più concentrato di altre sere, almeno all’inizio non cade in errori banali. Scivola un po’ sul finale, ma almeno prende l’iniziativa qualche volta.

 

MEZZANOTTE – N.E.

 

MORGAN 4 – Di gran lunga una delle sue peggiori partite. In attacco non segna, ma non prende neanche l’iniziativa, rinunciando a troppi tiri che dovrebbero essere la sua specialità. Anche in difesa non brilla particolarmente.

 

WILLIAMS 7 – Porta avanti una buona lotta contro i lunghi di Reggio Emilia e ne esce con 20 punti e 8 rimbalzi che se fossero stati supportati dagli esterni avrebbero potuto portare Trento alla vittoria.

 

LADURNER – S.V.

 

MAYE 7 – Conferma la buona forma di mercoledì e con Williams è il migliore della sera tra i trentini. Purtroppo questa volta non ha dietro di sé il supporto della squadra.

 

BRIENZA 5 – Dopo l’ottima prova di mercoledì la performance di questa sera è deludente. Lasciarsi sfuggire il terzo quarto in questo modo era una situazione evitabile e da evitare. Se si continua così i playoff li vedremo col binocolo.

 

UNAHOTELS REGGIO EMILIA - DOLOMITI ENERGIA TRENTINO  83-74

(17-16; 37-33; 65-51; 83-74)

DOLOMITI ENERGIA TRENTINO. Martin 7, Jovanovic, Pascolo 6, Conti, Browne 12, Forray 6, Sanders 7, Mezzanotte, Morgan, Williams 20, Ladurner, Maye 16. Allenatore: Nicola Brienza.

UNAHOTELS REGGIO EMILIA. Sutton 8, Koponen 3, Bostic 14, Candi 7, Baldi Rossi 16, Porfilio, Taylor 13, Giannini, Elegar 11, Bonacini, Diouf 3, Kyzlink 12. Allenatore: Antimo Martino.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 04 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

04 marzo - 19:53
Sono 226 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero. Oggi comunicati 2 decessi. Sono 67 i Comuni che presentano almeno 1 nuovo caso di positività
04 marzo - 18:14

Si attendono le nuove classificazioni. La curva del contagio è in crescita a livello nazionale e la prospettiva è quella di diversi cambi di zona. Il Trentino dovrebbe restare in zona arancione e la Pat conferma l'intenzione di proseguire con la didattica in presenza al 50%

04 marzo - 19:16

Nuovi riscontri alla diffusione della variante inglese in Provincia, dopo il caso dei dipendenti della Cassa Rurale della Val di Fiemme anche 15 dipendenti di una fabbrica di Trento sono stati contagiati dalla stessa mutazione. Ferro: “La variante inglese ha una grande capacità di contagio soprattutto nei luoghi chiusi”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato