Contenuto sponsorizzato

Tutti lo vogliono ma Pinamonti non si muove dall'Inter: Conte ha messo il veto e il ''99'' ora è bloccato

Benevento, Udinese, Bologna e Crotone erano pronte ad accogliere il "Pina" a braccia aperte, ma non era finita qui. Dalla Francia era arrivato l'interesse del Lille pure i tedeschi dell'Eintracht Francoforte. La sua partenza a gennaio sembrava scontata, ma ora la situazione si è completamente ribaltata

Di Daniele Loss - 19 gennaio 2021 - 15:22

MILANO. In tanti lo vogliono, ma nessuno (probabilmente) lo piglierà. Andrea Pinamonti è l'oggetto del desiderio di numerose formazioni di serie A, che pensano a lui per rinforzare il pacchetto avanzato nel corso del mercato invernale e anche di alcune oltre confine, ma le possibilità che il 21enne attaccante di Tassullo lasci Milano sembrano pari allo zero.

 

Parola di Antonio Conte che, vista l'impossibilità dell'Inter di operare sul mercato - aspetto, questo, ribadito domenica scorsa subito dopo la vittoria nel "Derby d'Italia" contro la Juventus - ha posto il veto ad un'eventuale cessione (anche in prestito) del numero 99.

 

Pinamonti, dunque, non si muoverà da Appiano Gentile. Benevento (che ora si è mosso sulla tracce di Eder, obiettivo sino a qualche settimana fa proprio dell'Inter per completare il parco attaccanti), Udinese, Bologna e Crotone erano pronte ad accogliere il "Pina" a braccia aperte, ma non era finita qui. Dalla Francia era arrivato l'interesse del Lille pure i tedeschi dell'Eintracht Francoforte (che poi hanno puntato sul madrilista Luka Jovic) avevano bussato alla porta nerazzurra. Per tutti la risposta era stata: sino a quando non arriva un altro attaccante (Eder, che dal 2018 gioca in Cina con lo Jiangsu, altro club del Gruppo Suning, era l'obiettivo numero e prima ancora Gervinho) non se ne parla.

 

Poi, dopo il "blocco" del mercato da parte dei vertici, la risposta è diventata: non si muove assolutamente. Pinamonti non gioca da due mesi e mezzo, nonostante una condizione fisica sempre ottimale: non è stato impiegato nemmeno quando Lautaro e Lukaku non erano al top della forma, non è stato schierato in Coppa Italia contro la Fiorentina e l'ultima presenza risale ormai al 31 ottobre, quando venne gettato nella mischia a metà ripresa della sfida contro il Parma. Quella precedente era stata una settimana super per lui: domenica 24 ottobre era sceso in campo a "Marassi" contro il Genoa per la sua "prima" stagionale, mentre il mercoledì successivo aveva fatto il proprio esordio in Champions League contro lo Shakhtar. Tre presenze in sette giorni (anche se per soli 45' complessivi), poi più nulla.

 

La sua partenza a gennaio sembrava scontata, ma ora la situazione si è completamente ribaltata. E, al momento, non sembrano esserci vie di fughe per Pinamonti, che a 21 anni corre sì per vincere lo scudetto con l'Inter, ma senza scendere praticamente mai in campo. Dieci giorni e verrà messa la parola fine. In un senso o nell'altro.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 04 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

04 marzo - 19:53
Sono 226 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero. Oggi comunicati 2 decessi. Sono 67 i Comuni che presentano almeno 1 nuovo caso di positività
04 marzo - 18:14

Si attendono le nuove classificazioni. La curva del contagio è in crescita a livello nazionale e la prospettiva è quella di diversi cambi di zona. Il Trentino dovrebbe restare in zona arancione e la Pat conferma l'intenzione di proseguire con la didattica in presenza al 50%

04 marzo - 19:16

Nuovi riscontri alla diffusione della variante inglese in Provincia, dopo il caso dei dipendenti della Cassa Rurale della Val di Fiemme anche 15 dipendenti di una fabbrica di Trento sono stati contagiati dalla stessa mutazione. Ferro: “La variante inglese ha una grande capacità di contagio soprattutto nei luoghi chiusi”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato