Contenuto sponsorizzato

Vince Giannelli, Piacenza ko

Prova da tuttofare per il palleggiatore condita da 16 punti in 7 attacchi, 4 muri e 5 ace. La Diatec Trentino supera in amichevole gli emilnani dopo cinque set combattuti. La squadra di Lorenzetti attesa ora al torneo di “Città di Villafranca”

Fase di gioco di Diatec Trentino - Piacenza (foto Trabalza)
Di Nicola Baldo - 14 settembre 2016 - 20:36

TRENTO. Cinque set tiratissimi e combattuti, giocati palla su palla. Una bella sudata insomma, il modo migliore per prepararsi a quella Supercoppa Italiana che si avvicina sempre più ad ampie falcate.

Fra Diatec Trentino ed Lpr Piacenza è andata in scena al PalaTrento una amichevole nella quale i trentini di Lorenzetti l'hanno spuntata dopo una vera battaglia: nel complesso qualche alto e basso in diversi fondamentali, ma aspetti normali in questa fase di preparazione che proseguirà sabato e domenica nel torneo “Città di Villafranca” contro la stessa Piacenza, Modena e Verona.

 

Best scorer dei trentini è stato Simone Giannelli. Già, non stupisca, ma il palleggiatore bolzanino, cosa più unica che rara, è risultato il giocatore con il maggior numero di punti all'attivo, ben 16 frutto di 7 attacchi (70%), 4 muri e ben 5 ace.

 

In avvio coach Angelo Lorenzetti opta per Giannelli in palleggio con Stokr opposto, Urnaut e Lanza schiacciatori, Solè con Daniele Mazzone centrali e Colaci libero.

Alberto Giuliani, tecnico di Piacenza, risponde con Hierrezuelo in regia, Hernandez opposto, Marshall e Clevenot schiacciatori, Alletti e Yosifov centrali con Marra libero.

 

Primo set: il primo break è della Diatec Trentino con il turno in battuta di Urnaut (5-2 dopo l'attacco out di Marshall). Un paio di errori trentini e si torna in parità già sul 6-6, Hernandez riesce a portare avanti i suoi sul 7-9: un break di due lunghezze mantenuto tale da Sebastian Solè (10-12) prima dell'ace di Giannelli che vale il 11-12. Ancora Hernandez è il braccio armato di Piacenza (14-16), ma in battuta la Lpr sbaglia parecchio e così la Diatec riesce comunque ad impattare (16-16) con la pipe di Urnaut. Si arriva ad un finale combattuto (21-21 con ace di Giannelli) in cui a decidere il set sono due ace consecutivi di Jan Stokr: 26-24.

 

Secondo set: c'è Antonov per Lanza nelle fila trentine, ma è Piacenza a provare il primo allungo (3-5), subito stoppato dalla pronta reazione dei padroni di casa (5-5). La Diatec va avanti a strappi e Piacenza ne approfitta (6-10) costringendo Lorenzetti ad un time-out discrezionale. I padroni di casa cambiano passo e con l'ace di Antonov si rifanno sotto (10-11). Anche questo set è bello combattuto, con la Lpr che, sfruttando il proprio muro prova un nuovo allungo (11-15 dopo l'ace di Hernandez). Fra alti e bassi la Diatec ritorna in scia (ace di Urnaut del 15-16) e quando Hernandez attacca out, il tabellone del PalaTrento indica ancora la parità: 17-17. Nel finale di set Antonov trova l'ace del 20-20 con l'immediato sorpasso trentino firmato dal muro e dallo smash di Giannelli (22-20). Hernandez trova l'ace del 23 pari, dando il via ad altri punti finali molto combattuti: dopo una lunga serie di vantaggi è Piacenza che trova il colpo del ko per 28-30.

 

Terzo set: anche in questo parziale c'è Antonov per Lanza, con Piacenza che prova ad allungare subito (3-6 con Hernandez che risolve una palla vagante). Immediato time-out di Lorenzetti per la Diatec che rientra subito in partita (5-6) grazie alla battuta vincente di Stokr. Anche questo set si accende così immediatamente (11-11 con ace di Simone Giannelli). Si viaggia ancora nei binari dell'equilibrio (14-15) con i due sestetti separati solamente da un punticino (16-17), finché Piacenza non trova l'allungo che le vale il 16-20. Quando Alletti mura Urnaut il tabellone del PalaTrento segna 17-22: Lorenzetti che inserisce Tiziano Mazzone al posto dello sloveno, lo schiacciatore cresciuto nelle giovanili della Diatec risponde bene, ma ormai il set è segnato e Piacenza lo chiude (19-25) alla prima occasione.

 

Quarto set: confermato Antonov in posto-4 e c'è anche Gabriele Nelli opposto per Stokr, mentre Alberto Giuliani manda in campo Samuele Papi schiacciatore. Il muro di Solè su Hernandez vale il primo allungo trentino (5-2) ma la Lpr riesce ad impattare subito (5-5). Giuliani chiama time-out quando la Diatec prova ad allungare ancora (10-8). Lorenzetti lo imita appena è la Diatec ad accusare un passaggio a vuoto, quello che permette agli ospiti di rifarsi sotto (13-12). Sospensione che ha il suo effetto positivo, visto che Nelli in battuta poi spinge i trentini ancora avanti (16-12): quando poi Giannelli mura due volte di fila Papi (19-14) allora i trentini prendono un buonissimo margine. Che viene, però, quasi interamente dilapidato presto: Piacenza impatta (20-20) con Yosifov in battuta. Dentro Tiziano Mazzone per Urnaut (21-22) ma nel finale la cosa più bella, che fa venir giù il PalaTrento, la fa Colaci: inseguendo una palla a fondo campo alza la rete che delimita l'area di gioco e con una mezza rovesciata stile calcio rimanda la palla nella metà campo emiliana. Si arriva ancora una volta ai vantaggi e questa volta il colpo del ko è della Diatec per 30-28.

 

Quinto set: si battaglia fin da subito (5-6), con Piacenza che trova un allungo importante quando Hierrezuelo mura Antonov (7-10). Nelli, autore di una ottima prova in battuta, trova i due ace consecutivi (su Papi) che valgono l'11 pari, dando così il via ad un altro finale di set molto tirato. L'ace di Antonov vale il 13 pari e quello del 14-13, arrivando poi ancora una volta ai vantaggi dove è Giannelli a chiudere sul 17-15 per Trento.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 04 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

05 March - 17:39

Sono stati analizzati 3.854 tamponi tra molecolari e antigenici. Sale il numero dei pazienti in ospedale, compreso nel reparto di terapia intensiva. Oggi 193 guarigioni. Trovati 40 casi tra gli over 70 e 90 contagi tra bambini e ragazzi in età scolare

05 March - 17:02

Ancora non sono ufficiali le classificazioni per colori anche se Repubblica inserisce le due provincie autonome in zona rossa (Bolzano lo sarà comunque per decisione di Kompatscher, fino al 15 marzo). Intanto emergono i dati sull'Rt. Per il Trentino rischio ''moderato ad alta probabilità di progressione'' per l'Alto Adige seconda settimana con Rt da ''zona gialla'' e a un passo dalla zona bianca della Sardegna

05 March - 16:53

“La decisione della Germania è a dir poco preoccupante. Chiediamo di fermare questa escalation che, non solo danneggia gli autotrasportatori, ma finirà per abbattersi contro l’economia italiana", così commentano la proroga tedesca i presidenti dei gruppi autotrasporto delle tre associazioni trentine Associazione Artigiani, Fai-Conftrasporto e Confindustria

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato