Contenuto sponsorizzato

Anche il Muse in campo per Fridays for Future. Domani entrata gratis fino alle 14 e alcuni animali "in sciopero"

Anche il museo trentino aderisce all'iniziativa Museum for Future, un nuovo movimento globale di lavoratori e professionisti che operano nell’ambito artistico, museale e culturale, che hanno deciso di partecipare al quarto sciopero globale per il clima, promuovendo azioni positive e concrete per aiutare gli attivisti per il Pianeta

Pubblicato il - 28 novembre 2019 - 19:24

TRENTO. Domani le manifestazioni del movimento Fridays for Future (QUI ARTICOLO). L’appuntamento è alle 9 in via Guseppe Verdi. “Ci riprenderemo la città, non possiamo più permetterci di aspettare” questo l’appello lanciato dai manifestanti. 

 

Nella stessa giornata, i musei di tutto il mondo sosterranno la causa con una o più azioni proposte dagli stessi organizzatori. Scienza e cultura, insomma, scendono in campo al fianco delle centinaia di migliaia di ragazzi che si battono per un futuro migliore. #MuseumsforFuture, questo il nome dell'iniziativa, è un nuovo movimento globale di lavoratori e professionisti che operano nell’ambito artistico, museale e culturale, che hanno deciso di partecipare al quarto sciopero globale per il clima, promuovendo azioni positive e concrete per aiutare gli attivisti per il Pianeta. Il progetto, sostenuto da Nemo, rete delle organizzazioni dei musei europei, è stato presentato in occasione della conferenza dedicata allo sviluppo sostenibile andata in scena dal 7 al 10 novembre 2019 in Estonia.

 

Anche il Muse - Museo delle Scienze partecipa a #MuseumsForFuture a sostegno del movimento Fridays For Future in occasione dello sciopero globale del clima di venerdì 29 novembre 2019. Lo farà aprendo le sue porte a tutti, coinvolgendo non solo i ragazzi e le ragazze dei Fridays For Future, ma tutta la comunità, con una serie di proposte a supporto di chi chiede che gli obiettivi dell’Agenda Onu 2030 siano rispettati e che vengano prese soluzioni per un futuro più sostenibile.

 

Il Muse ha accettato l'invito di Museum for Future con azioni concrete. Al via quindi l'ingresso gratuito per tutti fino alle 14.00, approfondimenti alla Science on a Sphere, Piano 0 delle Albere aperto a gruppi di lavoro autogestiti, vendita shopper Muse al 50% per ridurre lo spreco di plastica. Tra le iniziative anche lo "sciopero" di alcuni reperti in museo

 

 

I visitatori, infatti, troveranno alcune tassidermie (i corpi degli animali impagliati) ricoperte con un telo di Tnt (che poi verrà usato nella serra e negli orti) con un cartello in cui si dichiarano “on strike”, tradotto “in sciopero”. La scelta è ricaduta sulla pernice bianca, il leone bianco, che per l’occasione verrà portato in Lobby, l’ape e lo stambecco, animali che possono essere realmente partecipi dello sciopero sia perché direttamente interessati dai cambiamenti climatici sia come simboli dell’impatto umano.

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 gennaio - 17:45

Nelle ultime 24 ore analizzati 708 tamponi. Sono stati comunicati altri 14 decessi a causa di Covid-19. Trovati 56 positivi tra tamponi molecolari e test antigenici, confermate 57 positività riscontrate nei giorni scorsi. Sono 107 le guarigioni

18 gennaio - 13:19

Cristina Corcho è una dei tanti volontari che in questi giorni aiutano i rifugiati o i migranti rimasti bloccati nel gelido inverno bosniaco. Con l'associazione spagnola No Name Kitchen distribuisce cibo e vestiti ai tanti che rimangono fuori dai campi profughi, riparandosi in tende improvvisate, casupole e fabbriche dismesse. "In molti attendono condizioni migliori. Chi si imbatte nella polizia croata viene malmenato e privato dei vestiti"

18 gennaio - 15:25

La Confartigianato piange la scomparsa di due associati: Maurizio Damian, titolare insieme alla moglie del mobilificio Sommariva in viale Cadore a Ponte nelle Alpi, è morto per Covid, mentre Mario Ceretin in un incidente in autostrada. Due lutti in pochi giorni

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato