Contenuto sponsorizzato

L'ultimo bosco ripariale della Valle d'Isarco rischia di essere abbattuto. Via gli alberi per fare spazio a nuovi edifici industriali

Franz Pattis, dell'associazione "Iniziativa per una Bressanone vivibile": "Faccio appello ai responsabili del comune di Bressanone, agli uffici competenti della Provincia e alla Giunta Provinciale: non approvate il cambio di destinazione di questo preziosissimo bosco ripariale in zona industriale". Il bosco è uno scrigno di biodiversità: oltre 64 specie di uccelli, tra cui alcune in via d'estinzione

Di Arianna Viesi - 10 ottobre 2019 - 18:17

BRESSANONE. I boschi ripariali sono boschi che costeggiano il corso di un fiume, o di un torrente, con il quale costituiscono un ecosistema organico. Sono boschi estremamente preziosi: per l'ecologia, per la conservazione del suolo e per la biodiversità di cui sono custodi. 

 

Il bosco ripariale di Bressanone, l'unico rimasto lungo l'Isarco, ora rischia di scomparire. Nella zona industriale della cittadina altoatesina, infatti, si sta alacremente lavorando alla costruzione di nuovi edifici industriali. Già mezzo ettaro di bosco è stato abbattuto. Altri tre ettari verranno probabilmente abbattuti a breve. 

 

Mentre studenti ed esperti scendono in piazza per il clima, mentre assistiamo a ripetuti e allarmanti calamità, Franz Pattis (dell'associazione "Iniziativa per una Bressanone vivibile") si chiede "se in tempi estremi per i cambiamenti climatici si possa ancora giustificare l'abbattimento dell'ultimo bosco ripariale della Valle Isarco?".

 

Il bosco ripariale di Bressanone è uno scrigno di biodiversità: nel bosco sono stati osservati, dagli esperti, più di 64 tipi di uccelli, tra cui anche alcune specie in via d'estinzione. Tra queste piante c'è l'unica colonia nidiata dell'airone grigio lungo l'Isarco. 

 

"Al momento questo bosco ripariale è classificato come area tutela acqua potabile ed è provvisto anche di un pozzo profondo e l’Ufficio ecologia del paesaggio della Provincia vi ha svolto nel 2015 anche dei lavori di manutenzione.

 

Nel 2012 Bressanone ha ricevuto il premio Euregio per l'ambiente. "Per questo motivo mi aspetto anche una certa coerenza, altrimenti queste onorificenze non valgono neanche la carta sulla quale sono state scritte! E mentre a passo Carezza nell’ottobre 2018 tantissimi ettari di bosco sono stati abbattuti dai fortissimi venti, a Bressanone si vuole distruggere volontariamente un bosco ripariale".

 

"Per questo faccio appello ai responsabili del comune di Bressanone, agli uffici competenti della Provincia e alla Giunta Provinciale: non approvate il cambio di destinazione di questo preziosissimo bosco ripariale in zona industriale. Si dovrebbe, invece, dichiarare questo bosco come biotopo per proteggerlo in futuro da ogni distruzione", conclude Fattis.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.00 del 11 Agosto
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

14 agosto - 12:28

Lo scandalo dei politici già pagati dai cittadini suoi 10.000 euro lordi al mese che hanno anche fatto la richiesta dei 600 euro destinati a chi era in difficoltà a mettere qualcosa nel piatto e a pagare le bollette sta coinvolgendo tutto il Paese con la Lega su tutti che, però, sta avendo il buon senso di sospendere e stigmatizzare i ''suoi'' che hanno approfittato delle maglie larghe del bonus. In Alto Adige (dove sono 4 i consiglieri provinciali coinvolti), invece, tutto sembra destinato a risolversi con uno scusate, li restituiamo e siamo pari

14 agosto - 15:26

L'Azienda sanitaria dell’Alto Adige non ha nulla a che fare con questo e intraprenderà le necessarie azioni legali

 

14 agosto - 14:27

Dopo lo scontro le due auto si sono incastrate sotto il mezzo pesante. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco, polizia e sanitari. Due feriti trasportati in ospedale

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato