Contenuto sponsorizzato

L'ultimo bosco ripariale della Valle d'Isarco rischia di essere abbattuto. Via gli alberi per fare spazio a nuovi edifici industriali

Franz Pattis, dell'associazione "Iniziativa per una Bressanone vivibile": "Faccio appello ai responsabili del comune di Bressanone, agli uffici competenti della Provincia e alla Giunta Provinciale: non approvate il cambio di destinazione di questo preziosissimo bosco ripariale in zona industriale". Il bosco è uno scrigno di biodiversità: oltre 64 specie di uccelli, tra cui alcune in via d'estinzione

Di Arianna Viesi - 10 ottobre 2019 - 18:17

BRESSANONE. I boschi ripariali sono boschi che costeggiano il corso di un fiume, o di un torrente, con il quale costituiscono un ecosistema organico. Sono boschi estremamente preziosi: per l'ecologia, per la conservazione del suolo e per la biodiversità di cui sono custodi. 

 

Il bosco ripariale di Bressanone, l'unico rimasto lungo l'Isarco, ora rischia di scomparire. Nella zona industriale della cittadina altoatesina, infatti, si sta alacremente lavorando alla costruzione di nuovi edifici industriali. Già mezzo ettaro di bosco è stato abbattuto. Altri tre ettari verranno probabilmente abbattuti a breve. 

 

Mentre studenti ed esperti scendono in piazza per il clima, mentre assistiamo a ripetuti e allarmanti calamità, Franz Pattis (dell'associazione "Iniziativa per una Bressanone vivibile") si chiede "se in tempi estremi per i cambiamenti climatici si possa ancora giustificare l'abbattimento dell'ultimo bosco ripariale della Valle Isarco?".

 

Il bosco ripariale di Bressanone è uno scrigno di biodiversità: nel bosco sono stati osservati, dagli esperti, più di 64 tipi di uccelli, tra cui anche alcune specie in via d'estinzione. Tra queste piante c'è l'unica colonia nidiata dell'airone grigio lungo l'Isarco. 

 

"Al momento questo bosco ripariale è classificato come area tutela acqua potabile ed è provvisto anche di un pozzo profondo e l’Ufficio ecologia del paesaggio della Provincia vi ha svolto nel 2015 anche dei lavori di manutenzione.

 

Nel 2012 Bressanone ha ricevuto il premio Euregio per l'ambiente. "Per questo motivo mi aspetto anche una certa coerenza, altrimenti queste onorificenze non valgono neanche la carta sulla quale sono state scritte! E mentre a passo Carezza nell’ottobre 2018 tantissimi ettari di bosco sono stati abbattuti dai fortissimi venti, a Bressanone si vuole distruggere volontariamente un bosco ripariale".

 

"Per questo faccio appello ai responsabili del comune di Bressanone, agli uffici competenti della Provincia e alla Giunta Provinciale: non approvate il cambio di destinazione di questo preziosissimo bosco ripariale in zona industriale. Si dovrebbe, invece, dichiarare questo bosco come biotopo per proteggerlo in futuro da ogni distruzione", conclude Fattis.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.15 del 22 Gennaio
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 gennaio - 19:45

Il ministro degli Esteri Luigi Di Maio si è dimesso dal ruolo di segretario del M5S a seguito del processo di riforma interno che ha portato all'istituzione dei facilitatori, figure di raccordo tra centrale e locale. Tra questi, in Trentino, il consigliere provinciale Alex Marini. "Grazie a Di Maio, il Paese è diverso anche per il suo lavoro". E il leghista Savoi si lascia andare all'ennesima caduta di stile

22 gennaio - 19:23

Mentre ancora oggi il presidente della Pat dimostra di non aver capito che problemi complessi richiedono soluzioni altrettanto articolate (e, demagogicamente, lega la nascita della Scuola di Medicina al ''dare risposte concrete ad un territorio di montagna come il nostro'') appare evidente che la linea della giunta è stata stralciata completamente e in Veneto si parla di una Padova che ''si fa da parte'' (e apre a Treviso una facoltà da 60 posti)

22 gennaio - 18:42

Al momento del voto le opposizioni sono uscite dall’aula facendo mancare il numero legale: “Ripartiamo daccapo”, Matteotti (M5s): “Dietro a un po’ di verde si nasconde un grande blocco di cemento”. La replica di Zanoni: “Variante coraggiosa, noi vogliamo difendere i valori morali della città che non possono essere schiacciati da nessun potentato di turno”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato