Contenuto sponsorizzato

Maltempo di ottobre, i Comuni avranno 18 mesi in più per stoccare i detriti

Un'ordinanza della Provincia introduce una proroga alla deroga alla disciplina ambientale decisa in autunno. La nuova scadenza è fissata a novembre 2020

Pubblicato il - 08 marzo 2019 - 17:14

TRENTO. Il maltempo che si è abbattuto lo scorso ottobre sul Trentino (articoli qui e qui) sembra tanto lontano nel tempo, ma vicinissime e ancora presenti sono le sue conseguenze. Per questo motivo è stata pensata una proroga di 18 mesi per consentire ai Comuni di stoccare i detriti provocati dalle intense precipitazioni.

 

I Comuni potranno infatti, in deroga alla disciplina ambientale, mantenere attivi i siti di stoccaggio individuati anche dopo il 2 maggio. Oppure individuarne altri di nuovi in cui depositare il materiale derivante dal maltempo. Parliamo di terra, rocce, limi, fanghi, alberi che sono ancora presenti sul territorio o che sono stati rimossi appunto dopo il maltempo della fine di ottobre.

 

In questo modo potrà continuare l'opera di liberazione e messa in sicurezza delle strade e dei sentieri. Ci sono anche delle zone che non è stato ancora possibile raggiungere: la proroga servirà a consentire la pulizia anche di queste.

 

La proroga è stata stabilita tramite un'ordinanza attuata in questi giorni dalla Provincia in modifica di quella (in scadenza il 2 maggio, appunto) che era stata emessa il 2 novembre, proprio a ridosso degli eventi calamitosi che si erano registrati in autunno.

La deroga, fanno sapere da Piazza Dante, "si è resa necessaria vista l'ingente quantità di alberi schiantati e di terre e rocce franate che, unitamente alla stagione invernale, ha fatto sì che vaste zone di media e alta montagna non siano state ancora raggiunte dagli operatori. Inoltre la quantità di materiale che i Comuni hanno depositato nei siti e che si prevede di stoccare nei prossimi mesi rende impossibile provvedere a una loro gestione entro il 2 maggio".

 

L'ordinanza disciplina inoltre la gestione dei materiali depositati nei siti individuati dai Comuni. Sempre dalla Provincia ricordano: "Da un lato si è visto che la quantità di rifiuti è molto bassa, da un altro si è verificato che sono ingenti i metri cubi di materiale vegetale e di terre e rocce".

 

Il materiale vegetale sarà gestito come materia prima; terre e rocce saranno usate in futuro, se non contaminati, per l'attuazione del piano degli interventi sulle opere pubbliche danneggiate dal maltempo.

Potrebbe interessarti
Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 marzo 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 marzo - 18:41

Il presidente della Provincia rincara la dose dopo quanto accaduto ieri sera e annuncia segnalazioni per chi è entrato dalle porte laterali. Porte che erano aperte per un incontro pubblico con cittadinanza invitata. La ricostruzione delle associazioni che hanno protestato: ''Il gesto finale di Bisesti è stato un gesto gravissimo e pericoloso, fascista nei significati come nella pratica''

23 marzo - 13:21

Dopo i manifesti per i ''100 anni di Giovinezza'' apparsi ieri oggi è stato attaccato questo striscione sul Lung'Adige. Rigurgiti di fascismo in un clima sempre più avvelenato con anche i trentini (un tempo coesi e forti della propria autonomia) ormai divisi tra un ''noi'' e un ''loro'' sempre più distanti

23 marzo - 17:10

Il motore di ricerca Lyst ha stilato una classifica delle firme più cercate tra i vari siti di alta moda e quelli di e-commerce. Alla fine gli uomini spendono in media più delle donne ma entrambi cercano prima di tutto le sneaker

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato