Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, con la gente chiusa in casa gli animali (FOTO e VIDEO) si riprendono gli spazi. Lupi, volpi, caprioli e mufloni avvistati fuori dai paesi

Con gli spostamenti ridotti al minimo e tantissime persone costrette a casa nelle valli regna un silenzio irreale, rotto soltanto dal movimento degli animali che, non sentendosi più minacciati, si riprendono i loro spazi

Di Tiziano Grottolo - 24 marzo 2020 - 11:36

TRENTO. Con l’entrata in vigore dei decreti per limitare gli spostamenti delle persone le città, così come le valli, sono state ridotte a un irreale silenzio, la frenesia della vita quotidiana è svanita e tutto giace sopito. Ad animare il paesaggio però ci pensano gli animali che, seppur lentamente e con cautela, stanno riappropriandosi degli spazi.

 

Succede così che le persone che ancora hanno un valido motivo per spostarsi possono imbattersi nella fauna trentina che scende a valle. È successo ad esempio a un allevatore di Bellamonte, in Val di Fiemme che, mentre si stava recando a foraggiare il bestiame, poco distante dalla sua auto, ha visto sfrecciare un lupo (Video qui sotto). L’animale appena riconosciuto l’uomo ha piegato verso il bosco per sparire fra gli alberi. Il video in questione è stato postato sul gruppo Facebook “Fiemme e Fassa il ritorno del lupo” che da molto tempo monitora gli spostamenti dei canidi.

Lo stesso però vale per gli ungulati, caprioli e cervi in primis, che meno timorosi del solito scendono a valle rimanendovi anche quando il sole è già alto. Normalmente infatti questi animali, con le prime luci dell’alba si ritirano verso il bosco dove possono contare su una maggiore protezione, ora senza persone o automobili in giro, si prendono qualche libertà e non è raro che questi animali possano essere avvistati anche dalle finestre della propria abitazione.

Foto Paolo Scarian
Foto Paolo Scarian

Ovviamente in questi giorni non è possibile monitorare la situazione con le fototrappole degli appassionati, mentre i forestali sono impegnati nei controlli sul territorio per evitare che le persone si spostino lungo i sentieri o nelle strade di montagna, eppure il fenomeno è noto e ci sono tanti testimoni che possono confermarlo. D’altra parte le persone di queste valli sono fra quelle maggiormente afflitte dalla piaga del coronavirus e si guardano bene dall’uscire di casa senza un valido motivo.

Sempre nella zona di Bellamonte i lupi si sono avvicinati a ridosso dei centri abitati, questo perché in assenza di rumori e movimenti di persone si sentono al sicuro, i canidi possono essere avvistati nelle zone limitrofe dei paesi anche perché sono impegnati nella caccia delle loro prede, in particolare di mufloni.

 

Poco prima che scattassero le restrizioni, l’appassionato Paolo Scarian, è riuscito a riprendere un lupo nella zona della Val Vanegia, compresa nel parco naturale Paneveggio-Pale di San Martino, potrebbe trattarsi dello stesso esemplare ripreso a Bellamonte. Ad ogni modo non solo i lupi ma anche gli altri animali, come volpi, tassi, scoiattoli e uccelli, stanno tornando a ripopolare il paesaggio traendo beneficio da questa innaturale calma.

Foto Paolo Scarian
Foto Paolo Scarian
Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 ottobre - 05:01

Il racconto dell’altra faccia della prima linea contro il coronavirus, la storia di Veronica Righi che si occupa di ricostruire i contatti stretti dei positivi: “Come assistenti sanitari siamo pochi in Italia, prima nessuno ci conosceva ma con la pandemia la gente inizia a capire cosa facciamo”

19 ottobre - 20:05

Ci sono 44 pazienti nelle strutture ospedaliere di Trento e Rovereto, nessuno si trova nel reparto di terapia intensiva ma 7 persone sono in alta intensità. Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 79 positivi a fronte dell'analisi di 1.521 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi a 5,2%

19 ottobre - 19:53

Mentre ci sono oltre 170 lavoratori che scioperano e lottano per i loro diritti, in consiglio provinciale l'assessore competente ha fatto il punto sulla loro situazione spiegando: ''E’ chiaro che non è intenzione della Pat assecondare decisioni che impattano negativamente sulle condizioni di benessere dei lavoratori, che sono i nostri lavoratori trentini, ma non possiamo però ignorare le istanze che vengono dal tessuto produttivo''. Per il segretario della Cgil ''Fugatti abbandona i lavoratori al proprio destino''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato