Contenuto sponsorizzato

Intensa fioritura di alghe nel lago della Serraia provocata da un ciano batterio. Ora è sotto monitoraggio per il risanamento dell'acqua

Durante i mesi di agosto e settembre sulla superficie del lago è comparsa un'anomala colorazione dell’acqua con striature giallo-verdi. Ora si vuole creare un programma di interventi urgenti e concreti di riqualificazione dell’area e di risanamento della qualità delle acque

Pubblicato il - 09 ottobre 2020 - 17:11

BASELGA DI PINE'. Striature e macchie giallo-verdi sulla superficie dell'acqua. Per questa ragione si è tenuto il primo incontro del tavolo tecnico istituito tra l’Agenzia provinciale per la protezione dell’ambiente e il Comune, allo scopo di valutare e proporre interventi per la riqualificazione del lago della Serraia dopo gli episodi di fioritura algale di quest’estate.

 

Durante i mesi di agosto e settembre, infatti, il lago è stato interessato da un’intensa fioritura algale, visibile ad occhio nudo per l’anomala colorazione dell’acqua della superficie. Questo episodio di fioritura è stato provocato da un ciano batterio, appartenente al genere Dolichospermum, che ha determinato simili episodi anche negli anni passati.

 

Dalla fine degli anni '90, il lago è solito manifestare una condizione di marcata eutrofia con frequenti episodi di fioritura algale e da allora è sottoposto a una stretta attività di monitoraggio e di ricerca volta ad approfondire la situazione dell’ecosistema lacustre, nel tentativo di individuare tutte le possibili soluzioni atte ad ottenerne un miglioramento.

 

A fine settembre c’è stato un sopralluogo nel lago da parte dell’Assessore provinciale Tonina, al quale è seguita la costituzione di un tavolo tecnico fra la Provincia autonoma di Trento e il Comune di Baselga di Piné, allo scopo di valutare e proporre interventi per la riqualificazione del corpo idrico.

 

Il primo incontro tra il Direttore e i tecnici dell’Agenzia provinciale per la protezione dell’ambiente e il neo-sindaco Alessandro Santuari è avvenuto oggi 9 ottobre. Con il tavolo tecnico a cui parteciperanno, oltre all’Amministrazione comunale, tutte le Strutture provinciali di volta in volta interessate, su specifico mandato dell’Assessore Tonina e del Sindaco ci si prefigge di definire in tempi brevi un programma di interventi urgenti e concreti di riqualificazione complessiva dell’area territoriale che interessa il lago e di risanamento della qualità dell’acqua.

 

Nell’ambito dell’incontro è stato affrontato anche il tema degli scambi idrici tra il lago della Serraia e il soprastante lago delle Piazze, stabilendo che i quantitativi e le modalità dei prelievi idrici effettuati dal lago della Serraia per compensare le perdite del lago delle Piazze saranno valutati nell’ambito del procedimento di valutazione ambientale nazionale del rinnovo della concessione per il prelievo delle acque che alimentano la centrale idroelettrica di Pozzolago, che è attualmente in corso e vede l’Agenzia provinciale per la protezione dell’ambiente direttamente presente a fini istruttori.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 ottobre - 13:55

Il vicepresidente della provincia di Bolzano ha fatto l'annuncio sui social. E pensare che in Trentino il primo cittadino del capoluogo è stato attaccato proprio dalla Giunta provinciale per la scelta presa ieri. Per Failoni ''danno enorme per l'economia della città di Trento e per l'immagine dell'intero Trentino''

20 ottobre - 11:45

I due consiglieri provinciali hanno sfoderato uno l'immagine del Grinch l'altro quella trita e ritrita del ''sindacalista di sinistra'' ma il capolavoro è dell'assessore al turismo che parla di ''danno enorme per l'economia della città di Trento e per l'immagine dell'intero Trentino''. Proprio lui autore della legge sulle chiusure domenicali nel momento dove serviva spingere al massimo l'economia e che ha direttamente bollato Trento e molte altre località come ''non turistiche''

20 ottobre - 11:25

Le due deputate pentastellate Doriana Sarli e Carmen Di Lauro sono riuscite "dopo quasi dieci ore di attesa" a entrare nel centro del Casteller. Giunte per "constatare la situazione dei 3 orsi", si erano viste negare l'accesso dalla Provincia e dai gestori, rivolgendosi allora ai carabinieri di Trento. "Abbiamo verbalizzato una denuncia. Gli orsi stanno bene ma gli spazi sono inadeguati. Devono essere liberati"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato