Contenuto sponsorizzato

La petizione dei cittadini su Malga Lagorai: “Si allontana la vera pastorizia per far spazio a una gestione commerciale”

I cittadini che hanno firmato la petizione: “Non capiamo quale interesse comunitario ci sia nella ristrutturazione proposta dalla Magnifica Comunità e dalla Sat”. Su Malga Lagorai Coppola e Degasperi si schierano con i firmatari: “No al turismo di massa”

Di T.G. - 05 maggio 2021 - 13:03

TRENTO. Il futuro di Malga Lagorai continua a interessare politica e cittadini che però restano divisi sulle finalità del progetto. Infatti, se tutte le parti in causa convengono che Malga Lagorai abbia bisogno di un restauro a non convincere è l’idea di trasformare lo spazio in una sorta di struttura ricettiva, arrivando a cambiarne la destinazione d’uso. Oltre 160 cittadini hanno firmato una petizione dicendosi si favorevoli alla ristrutturazione di malga e stalla ma solo per consentire al pastore di avere una struttura dignitosa e offrire una zona adibita a bivacco aperto per gli escursionisti.

 

Secondo Tiziana Vanzo, la prima sottoscrittrice della petizione, non è chiaro chi beneficerà del progetto di valorizzazione di Malga Lagorai: a suo avviso non saranno sicuramente né i turisti né i pastori ma solo chi assumerà la gestione dell’agriturismo. Dello stesso avviso anche Luigi Casanova dell’associazione Mountain Wilderness che ha voluto citare una riflessione di Papa Francesco che chiede a tutti di farsi carico della custodia della natura affinché essa si prenda cura di noi. Secondo Casanova si tratta, in definitiva, di garantire la pastorizia e la cura del pascolo a Malga Lagorai, contro il consumo del suolo e il degrado del territorio.

 

Non capiamo – si legge in un documento sottoscritto dai firmatari della petizione – quale interesse comunitario ci sia nella ristrutturazione proposta dalla Magnifica Comunità e dalla Sat: si allontana la vera pastorizia e la cura del pascolo, tramandati dai nostri avi e si investe in una futura gestione imprenditoriale-commerciale, contraddicendo di fatto quanto affermato dalla maggioranza Consiliare del Comune di Tesero. Una progettazione lacunosa, che tende ad un agriturismo e che potrà offrire solo prodotti del fondovalle riforniti dal gestore, che quotidianamente dovrà percorrere la strada, che potrebbe essere tutelata come bene storico, con conseguente usura della stessa”.

 

Con i cittadini si è schierata anche Lucia Coppola dei Verdi che ha fatto sapere di condividere pienamente la richiesta conservativa di Malga Lagorai evitando una trasformazione che rischia di impattare negativamente sul territorio. “La Malga è stata trascurata e va sistemata – ha aggiunto – ma questo non giustifica interventi finalizzati alla ricettività”. Per la leader dei Verdi non tutto all’interno del territorio provinciale dev’essere sacrificato ad un turismo di massa.

 

Pure Filippo Degasperi di Onda Civica ha plaudito ai cittadini che si sono mossi con la petizione per la tutela di Malga Lagorai. Per Degasperi è giusto incalzare i responsabili con interrogativi tecnici ai quali non sono mai state date risposte puntuali ma solo politiche. “Il problema – ha commentato il consigliere di Onda Civica – è il modello di sviluppo: qui si sta andando verso una progressiva e inesorabile omologazione a un’idea di turismo che fa della tutela dell’ambiente, della Malga e della pastorizia la classica foglia di fico”.

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 12 giugno 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
15 giugno - 08:52
La Squadra Mobile ha arrestato un uomo in relazione al reato di maltrattamenti in famiglia, un trentottenne straniero, ma da anni residente a [...]
Cronaca
15 giugno - 06:01
Il consigliere provinciale di Futura Paolo Zanella chiede chiarimenti in merito alle classi 'particolari' di indirizzo bilinguistico e musicale [...]
Cronaca
14 giugno - 16:21
Oggi in conferenza stampa il sindaco Ianeselli ha risposto alla lettera inviata dal gestore de "La Scaletta" in cui l'imprenditore si lamentava dei [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato