Contenuto sponsorizzato

La rinomata Pasticceria Filippi adotta 180 mila api: "Preserviamo questi piccoli insetti fondamentali per la nostra vita"

La Pasticceria Filippi di Zanè, in provincia di Vicenza, ha deciso di adottare delle arnie abitate da ben 180 mila api attraverso il progetto "Saving Bees", nato per sostenere la vita di questi piccoli insetti, fondamentali per la nostra esistenza, tramite la creazione di un’oasi apistica su un terreno di 13.000 metri quadrati

Di Lucia Brunello - 19 maggio 2021 - 11:04

VICENZA. La rinomata Pasticceria Filippi, a Zanè in provincia di Vicenza, ha deciso di adottare delle arnie abitate da ben 180 mila api, come gesto sociale per aiutare questo piccolo ma preziosissimo insetto a rischio estinzione.

 

L'azienda vicentina ha deciso di fare ciò attraverso il progetto Saving Bees, un progetto nato per sostenere la vita di questi piccoli insetti, fondamentali per la nostra esistenza, tramite la creazione di un’oasi apistica su un terreno di 13.000 metri quadrati.

 

Con l'importante contributo messo in campo dalla pasticceria Filippi, l’oasi apistica crescerà di 180.000 api, gli ettari di terreno coperti dai voli saranno 9.000, con una media di 675.000 fiori visitati al giorno e una compensazione indiretta di CO2 pari a 900 chili. 

 

Si tratta di un progetto messo in campo vista la necessità di "soccorrere" questa specie fondamentale per la sopravvivenza della specie umana essendo la principale risorsa di biodiversità del nostro pianeta. I dati però parlano chiaro: negli ultimi 50 anni si è visto un forte aumento della mortalità delle colonie. Oggi 9,2% delle popolazioni in Europa è a rischio di estinzione

 

La salvaguardia del nostro pianeta è un tema caro ad Andrea e Lorenzo Filippi, titolari assieme alla famiglia della pasticceria Filippi, che da anni sono alla ricerca costante di metodologie sostenibili dal punto di vista ambientale ed economico. 

 

"La scelta delle materie prime è per noi fondamentale", spiega Andrea Filippi, creatore di tutte le ricette della pasticceria. "Abbiamo sempre usato il miele per i nostri dolci, prodotto da piccoli fornitori locali nel rispetto della natura. Appena siamo venuti a conoscenza del progetto Saving Bees, abbiamo deciso di farne parte per preservare il valore di questi affascinanti animali, fondamentali per il nostro ecosistema”.

 

"Senza le Api non saremmo in grado di avere la maggior parte della verdura e della frutta di cui abbiamo bisogno - scrive la Pasticceria in un post su Facebook - e non saremo in grado di nutrire la maggior parte del nostro bestiame. In Europa, su 100 specie di piante da cui l’uomo ottiene il 90% del cibo esistente nel Mondo, ben 71 specie vegetali sparirebbero senza l’impollinazione delle api. Nel mondo oltre 4.000 differenti piante che coltiviamo come cibo, esistono solo grazie alle Api. Sono essenziali per l’impollinazione sia delle culture agricole, sia di molteplici piante della nostra Madre Terra".

 

Dal 2016, inoltre, la pasticceria è diventata una B Corp, integrando in azienda strategie e programmi allo scopo di avere un impatto positivo sulla società e sulla biosfera.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 2 dicembre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
05 dicembre - 05:01
Tra le richieste di alcuni genitori vi è la reintroduzione delle 'bolle' già usate in pandemia o un ridimensionamento del numero dei gruppi [...]
Cronaca
04 dicembre - 19:40
Mentre restano stabili i ricoveri e non si segnalano decessi cresce il contagio in provincia. A Trento ci sono 42 nuovi positivi, a Rovereto e [...]
Cronaca
04 dicembre - 20:37
Si sono ritrovati come ogni sabato in piazza Dante, dove nel pomeriggio hanno disturbato il traffico sulle strisce pedonali che conducono alla [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato