Contenuto sponsorizzato

Strade e percorsi in cambio dell'acqua, Belluno Alpina chiama il Bim Gsp per una collaborazione contro lo spopolamento della montagna

La cura del territorio passa anche attraverso l’erogazione dei servizi e per questo Belluno Alpina ha pensato di coinvolgere nelle sue iniziative anti-spopolamento il Bim Gsp

Di Antonio Gheno - 20 febbraio 2024 - 13:27

BELLUNO. E’ la presenza di importanti prese d’acqua nel comprensorio prealpino la chiave per attivare diverse iniziative contro lo spopolamento. Da qui l'idea di Belluno Alpina di coinvolgere Bim Gsp per garantire manutenzioni alle infrastrutture necessarie anche per i servizi

La cura del territorio passa anche dal garantire l’erogazione dei servizi e perciò Belluno Alpina ha pensato, in vista del prossimo consiglio dell’associazione, di coinvolgere nelle sue iniziative anti-spopolamento il Bim Gsp: “Sono quattro le prese d’acqua presenti nel nostro comprensorio prealpino, nello specifico Tassei, che serve Valmorel; Ciroc, per Via delle valli e Tassei; due a Medil cioè Violant e Campagot, quest’ultima molto importante perché serve il Castionese e il Nevegal”, spiegano dall’associazione. “Il comprensorio garantisce risorse anche alle realtà limitrofe, crediamo che sia il caso di essere 'ricambiati' almeno con strade adeguate e sicure, se non altro per garantire il transito dei mezzi che dovessero essere impegnati nelle operazioni di riparazione e di manutenzione".

Il sodalizio ha quindi pensato di coinvolgere, nella sua prossima assemblea, l’azienda del servizio idrico integrato provinciale per mettere in atto il binomio pubblico-privato che da sempre contraddistingue Belluno Alpina nell’attuazione del progetto anti-spopolamento “Ronce 2020”.

L’idea si basa sul ragionare per area vasta prealpina, renderla più attrattiva valorizzando il bosco, le peculiarità naturalistiche e turistiche e l’agricoltura attraverso la realizzazione di progetti concreti: dal completamento del percorso natura/famiglia da Ronce al Nevegal fino a Valmorel, con altri 3 chilometri di strada naturalistica silvo pastorale a quota 1.000 e con nuovi punti di ristoro, alla costituzione del consorzio forestale per gestire il bosco e creare economia dalla filiera del legno, dalla ristrutturazione dell’ex scuola di Ronce quale luogo di incontro e confronto per la gestione consorziale e come punto di ristorazione alla sistemazione e adeguamento delle strade, ormai ridotte ai minimi termini sia verso il Nevegal che per Piandelmonte, Tassei e Cet.

"Sappiamo di poter contare sul sostegno e sull’attenzione di alcuni membri della giunta del capoluogo: è necessario che il Comune di Belluno faccia valere il suo ruolo capofila, affiancando Bim Gsp, i comuni limitrofi e i privati in questo percorso", concludono dall’associazione.

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
20 aprile - 11:06
Ad essere predati alcuni capi di ovini e un'asina. Il sindaco di Rotzo Luciano Spagnolo: "Necessario trovare soluzioni condivise sia a livello [...]
Economia
20 aprile - 09:41
Dal 2010 e al 2023 il settore ha perso 764 negozi di cui 134 nel solo 2023. I consiglieri Michela Calzà e Alessio Manica chiedono [...]
Società
20 aprile - 06:01
La presidente di Upipa Michela Chiogna: "Quella che emerge è una risposta non ancora sufficiente. Contributo integrativo provinciale di due [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato