Contenuto sponsorizzato

I Quad sgasano tra Falcade e Moena ma la protesta degli ambientalisti riesce a fargli modificare il percorso

Alle 10.30 i veicoli sono saliti direttamente a Col Margherita, lungo il versante trentino, invadendo le arene di canto del gallo forcello e della pernice bianca. "Ma la modifica del percorso ha permesso di salvare da notevole degradazione dell'ambiente naturale l'intero fragile versante della Val Fredda"

Pubblicato il - 10 giugno 2017 - 20:01

VAL FREDDA. Alla fine il raduno della discordia s'è fatto. I Quad hanno invaso sentieri e paesaggi dolomitici sul confine tra il Veneto e il Trentino in val Fredda ma hanno dovuto fare i conti con la protesta di un gruppo di ambientalisti e alpinisti. Il raduno, arrivato alla seconda edizione, ha visto al via 50 partecipanti e 5 guide. 98 chilometri dei quali 72 sono sterrati, attraversando boschi, pascoli, terreni impervi di alta quota.

 


 

In quota, comunque , si sono fatti sentire (oltre ai rombanti motori dei quattro ruote) un qualificato gruppo di ambientalisti e alpinisti. Erano rappresentate le associazioni Mountain Wilderness, Sat centrale, Sat di Moena, Sat Rovereto, la Lia da Mont e la Lia Natura Y Usansez, il presidente di Mountain Wilderness Carlo Alberto Pinelli, i consiglieri nazionali tra cui Franco Tessadri e il vicepresidente Giancarlo Gazzola.

 

All'inizio della val Fredda, circondati da un cospicuo nucleo di forze dell'ordine, gli ambientalisti hanno ribadito le motivazioni culturali e etiche che reggono l'iniziativa, "la necessità - spiegano - di non lasciare passare un precedente tanto grave. Il percorso di piena trasparenza, durato diversi mesi nel tentativo di convincere le Pubbliche Amministrazioni a ritirare le autorizzazioni, viste le evidenti violazioni di leggi nazionali ed europee, non ha portato esito positivo. Pertanto - proseguono - le associazioni ambientaliste e alpinistiche hanno deciso di lanciare un segnale pacifico ma inequivocabile per sottolineare il significato vero del rapporto tra l'essere umano e la montagna".

 


 

Gli organizzatori del raduno di Quad hanno modificato il percorso per evitare l'incontro con gli ambientalisti. Alle 10.30 infatti sono saliti direttamente a Col Margherita, lungo il versante trentino, invadendo le arene di canto del gallo forcello e della pernice bianca. "La modifica del percorso - concludono i manifestanti - ha permesso di salvare da notevole degradazione dell'ambiente naturale l'intero fragile versante della Val Fredda. Un successo che dimostra da un lato l'inadeguatezza delle Amministrazioni locali, e dall'altro, la serietà e l'energia dei rappresentati della società civile". 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 02 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

03 marzo - 18:37

Il rapporto contagi/residenti a Giovo continua a rimanere sopra il 3% così il presidente della Pat firmerà a breve l’ordinanza per far scattare nuove misure. Fugatti: “Per le scuole medie non cambia nulla per il resto si applicano le restrizioni da zona rossa”. L’ordinanza in vigore da alla mezzanotte di giovedì

03 marzo - 18:15

Il contagio torna a mettere in difficoltà il sistema sanitario in Trentino con 47 ricoveri in terapia intensiva (il massimo della seconda ondata era stato 53) e altre 3 persone in alta intensità. Chiuse altre 6 classi

03 marzo - 16:25

Battiston lo aveva annunciato e così è stato: in una settimana i contagi in Trentino sono aumentati del 30% ma nei prossimi 7 giorni la situazione potrebbe persino essere peggiore. Secondo Agenas sia gli infetti attivi che i posti letto occupati in terapia intensiva sono destinati ad aumentare in maniera significativa

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato