Contenuto sponsorizzato

Solchi sui prati "dolomitici". Le tracce lasciate dai Quad a Falcade

Ecco le foto scattate da Mountain Wilderness, sul confine tra il Veneto e il Trentino in val Fredda 

Pubblicato il - 12 giugno 2017 - 20:22

FALCADE. Le immagini parlano da sole. Ce le ha mandate Mountain Wilderness, l'organizzazione internazionale composta da alpinisti di tutto il mondo che cerca di contrastare la progressiva degradazione delle montagne. Sabato c'erano anche loro a Falcade per protestare contro il raduno di Quad che tanto ha fatto discutere. Gli appassionati di questo veicolo hanno pensato bene, infatti, di scorrazzare a suon di marmitte e tubi di scarico tra i sentieri e i paesaggi dolomitici sul confine tra il Veneto e il Trentino in val Fredda.

 


 

Ambientalisti e alpinisti si sono opposti sia nei giorni precedenti che il giorno stesso del raduno e grazie alla loro opposizione i Quad sono saliti direttamente a Col Margherita, lungo il versante trentino, invadendo le arene di canto del gallo forcello e della pernice bianca. Gli organizzatori del raduno di Quad hanno modificato il percorso proprio per evitare l'incontro con gli ambientalisti. 

 

Nel pomeriggio, poi, gli attivisti di Mountain Wilderness hanno documentato quanto lasciato sui prati dai mezzi.

 


Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 6 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

06 marzo - 20:03
Sono 233 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero. Oggi comunicati 4 decessi. Sono 84 i Comuni che presentano almeno 1 nuovo caso di positività
06 marzo - 20:03

L'estate scorsa ci sono voluti 40 giorni in più rispetto agli altri anni per dare semaforo verde a questo servizio fondamentale e in quel lasso di tempo erano, purtroppo, morte affogate nei laghi trentini quattro persone. Questa volta si è giocato in anticipo, già disposto il dislocamento estivo dei sub direttamente all'eliporto Caproni

06 marzo - 15:14

Ha preso avvio il progetto pilota per effettuare l'autotest nasale nelle scuole primarie altoatesine. Dopo il no della Ripartizione italiana, sono state 11 le strutture che hanno preso parte, con 1145 bambini su 1673 testati, di cui 3 risultati positivi. L'assessore alla Salute Thomas Widmann: "Il metodo sembra funzionare"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato