Contenuto sponsorizzato

La Sat bacchetta la Fondazione Dolomiti Unesco: "Sul raduno dei quad non ha detto niente"

Bassetti: "Sono manifestazioni irresponsabilmente autorizzate da tutte le amministrazioni e servizi coinvolti, nonostante l’evidente impatto ambientale (ma soprattutto culturale), rappresentano un vero e proprio insulto ai nostri valori"

Pubblicato il - 14 luglio 2017 - 10:57

TRENTO. La Sat, per bocca del suo presidente Claudio Bassetti, bacchetta la Fondazione Dolomiti, quella che dovrebbe tutelare le montagne 'rosa' per conto dell'Unesco che le ha inserite tra le bellezze da salvaguardare. Lo fa sulla questione 'quad', a proposito delle moto fuoristrada che a inizio giugno hanno 'sgasato' in in alta quota suscitando le proteste di molti.

 

“Sul raduno dei quad in val del Bois, in val FreddaCol Margherita e Passo Valles ci saremmo aspettati un contributo da parte di Fondazione Dolomiti, un contributo prima di tutto culturale, che ribadisse dall’alto della autorevolezza di una istituzione come Dolomiti Unesco quali siano gli usi compatibili".

 

"Se è ben vero che la manifestazione non ha toccato aree Unesco - spiega Bassetti - è altrettanto vero che i quad ne hanno lambito i confini e che il futuro di Dolomiti Unesco sta in una dimensione culturale che possa rappresentare un modello e un simbolo anche nei territori limitrofi, in una coerenza complessiva della gestione dell’area dolomitica”.

 

Con queste parole il presidente della Sat Claudio Bassetti argomenta la missiva, deliberata dal Consiglio Centrale ed inviata i giorni scorsi alla presidente della Fondazione Unesco, alla direttrice, al cda della Fondazione, i quali hanno comunicato che prenderanno in carico la questione alla prima riunione.

 

La Sat è socia sostenitrice di Fondazione Dolomiti Unesco – rammenta Bassetti nella sua lettera - lo è dalla sua nascita ed è socia attiva, promuovendo concretamente la conoscenza del patrimonio Dolomiti. Non solo conferenze, documenti, corsi di formazione, ma con una specifica convenzione, siglata anche dalla Pat, ha costituito il fondo librario Dolomiti Unesco all’interno della Biblioteca della Montagna e con una seconda convenzione ha istituito il laboratorio Alpino e delle Dolomiti Bene Unesco".

 

Un impegno convinto dunque e partecipato, ma che secondo il presidente della Sat non va inteso a compartimenti stagni, ma in una visuale complessiva di tutta l’area dolomitica, con la responsabilità di tutti nella sua conservazione.

 

"Manifestazioni come il raduno dei quad del mese scorso, irresponsabilmente autorizzata da tutte le amministrazioni e servizi coinvolti, nonostante l’evidente impatto ambientale (ma soprattutto culturale), rappresentano un vero e proprio insulto alle istanze ed ai valori che SAT e Fondazione Unesco promuovono".

 

Le voci dissenzienti sono state molte, tutte dal mondo ambientalista e alpinistico, "nessuna da parte delle comunità, che hanno assistito inerti e silenziose ad un oltraggio che rischia di ripetersi e allargarsi ad altri territori".

Ed è per questo motivo che "l’opinione pubblica va sensibilizzata ed educata a farsi carico dell’utilizzo compatibile della montagna".

 

“Ogni soggetto istituzionale, come ogni cittadino delle Dolomiti - secondo  Claudio Bassetti – porta una parte di responsabilità nella conservazione, comunicazione e frequentazione di questo grande, unico patrimonio collettivo”.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 febbraio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 febbraio - 16:07

Si sono concluse con il ritrovamento di una serie di oggetti, inviati ai Ris di Parma, le ricerche dei sommozzatori del Nucleo speciale dei carabinieri. Nel fiume Adige, però, nessuna traccia di Peter Neumair. Novità importanti emergono intanto dalle indagini

27 febbraio - 16:06

Il governatore veneto ha spiegato che "Il contagio cresce, ed è fondamentale e urgente che ci sia una valida espressione della comunità scientifica circa l'apertura delle scuole"

27 febbraio - 13:30

Ecco cosa dice la bozza del nuovo dpcm che sarà valido fino al 6 aprile. La zona rossa diventa più rossa con la chiusura anche di parrucchieri e barbieri quella bianca sempre più una realtà (dopo il caso della Sardegna) e prevede la riapertura praticamente di tutto (bar, ristoranti, cinema e teatri senza coprifuoco alle 22) eccetto fiere, congressi, discoteche e stadi. Resta il divieto di spostamento tra regioni ma novità per i musei

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato