Contenuto sponsorizzato

Conservare il formaggio in frigorifero: le cinque regole d'oro

Il formaggio è un alimento delicato. Saperlo conservare al meglio significa non soltanto ridurre gli sprechi, ma anche poterlo gustare in tutto il suo aroma, senza incappare in sgradevoli sorprese
Dal blog di Francesco Gubert - 14 gennaio 2019 - 20:28

Poiché non tutti hanno una cantina dove conservare i formaggi più stagionati o una cella frigorifera dedicata per stoccare quelli più freschi, dobbiamo accontentarci il più delle volte del frigorifero della nostra cucina. Quali sono i trucchi per conservare al meglio il formaggio nel frigorifero di casa? Ecco le cinque regole d'oro.

 

1. Temperatura. I formaggi più freschi vanno conservati nella parte più fredda del frigorifero, tipicamente sulla mensola più bassa o sopra i cassetti della frutta e della verdura. I formaggi stagionati, invece, vanno preferibilmente collocati nelle parti meno fredde, quindi o sulle mensole più alte o nei balconcini dello sportello.

 

2. Confezionamento. Il pezzo di formaggio in fetta deve poter respirare, senza per questo rischiare di seccarsi. E' buona regola evitare la pellicola in PVC, poiché potrebbe cedere alcuni composti dannosi al formaggio. Usate al meglio la carta stagnola o la carta oleata, facendola aderire bene alla parte tagliata, così da preservare l'umidità del formaggio e impedire l'ossidazione della pasta. Porzioni di formaggi stagionati (es. Trentingrana) possono essere avvolti in un panno di cotone o di lino leggermente inumidito.

3. Contenitori. Esistono in commercio dei contenitori appositi per la conservazione del formaggio, che regolano lo scambio d'aria tra l'interno e l'esterno per preservare la freschezza del prodotto. Ha senso utilizzarli se le porzioni di formaggio sono separate l'una dall'altra ed incartate singolarmente. Si possono prevedere anche diversi contenitori, da destinare a prodotti di diverso tipo (es. contenitori dedicati per formaggi freschi, formaggi stagionati o formaggi dall'odore particolarmente intenso come Gorgonzola o Puzzone di Moena).

 

4. Sottovuoto. Il sottovuoto è un'ottima tecnica di conservazione per i formaggi a media e lunga stagionatura, in quanto allunga sensibilmente la vita di questo tipo di formaggi. Tuttavia, il sottovuoto non stabilizza il prodotto, che continua ad evolvere se pur a ritmo rallentato. A seconda del formaggio, prendete a riferimento un periodo di conservazione di circa 2-3 mesi sottovuoto.

 

5. Contaminazioni. Il formaggio è molto suscettibile alla contaminazione microbiologica proveniente da altri alimenti presenti nel frigorifero, in particolare uova, carne e verdura o legumi non lavati. Evitate quindi il contatto diretto del formaggio con altri alimenti. Se si sviluppano delle muffe sulla pasta, entro la data di scadenza del prodotto, potete tagliare la parte con la muffa ed eliminarla. Fate comunque sempre una verifica visiva ed olfattiva del prodotto per valutarne lo stato di conservazione.

 

  

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 agosto 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 agosto - 14:25

L'avventura con la loro società è iniziata circa tre anni fa. I due giovani della Vallagarina, Mattia Cristoforetti e Giovanni Tava, hanno macinato moltissimi successi ed  hanno deciso di utilizzare il loro lavoro anche per aiutare i bambini. Per questo è iniziata la collaborazione con la fondazione Tog per la cura e la riabilitazione dei bambini con gravi patologie neurologiche

19 agosto - 16:01

Gettatosi da una falesia alta 10 metri a Torre dell'Orso, nel leccese, un giovane trentino si è lesionato la zona cervicale. Trasportato immediatamente all'ospedale Vito Fazzi di Lecce, si attende di capire che danni possa aver riportato. Cauti i medici 

19 agosto - 06:01

Pubblichiamo in esclusiva dei dati molto significativi sul reale andamento della struttura della Val di Fiemme che smentiscono molto di quanto sentito sino ad oggi. Nel punto nascite si è eseguito nel 25% dei casi il taglio cesareo quando non ci sono emergenze e per  l'Organizzazione Mondiale della Sanità un tasso superiore al 15% è indicativo di ''un uso inappropriato della procedura'' motivato da ''carenze organizzative, medicina difensiva, (...) scarso supporto alla donna da parte del personale sanitario nel percorso di accompagnamento alla nascita''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato