Contenuto sponsorizzato

Un viaggio nella 'memoria' argentina su dittatura militare e desaparecidos, scoprendo tra questi una discendente trentina: Maria Angelica Ferrari

Era una studentessa di biochimica, prelevata da casa sua nel 1977 e trovata massacrata. Ma ora l'attenzione delle madri di Plaza de Mayo è su Santiago Maldonado, un giovane che nello scorso agosto di quest’anno è stato “prelevato” dalla polizia durante una manifestazione organizzata dalla Comunità Mapuche in Patagonia
Dal blog di Giuseppe Ferrandi - 09 ottobre 2017 - 16:22

La realtà argentina mi ha colpito moltissimo per l’intreccio tra passato e presente. Per quanto possa essere superficiale la conoscenza che ho ricavato da un viaggio di dieci giorni, posso assicurarvi che vi sono motivi di estremo interesse.

 

L’occasione è stato un viaggio istituzionale promosso dalla Provincia di Trento che mi ha dato l’occasione, parlando della nostra Grande Guerra, di frequentare molti discendenti trentini e di entrare in contatto con istituzioni argentine che si occupano di storia e di memoria.

 

Vorrei tornare prossimamente sulla realtà dei trentini in Argentina e concentrarmi in questa occasione sulla memoria (attuale) della dittatura militare e dei desaparecidos.

 

Durante il mio soggiorno, difronte alla Casa Rosada di Buenos Aires ho assistito alla settimanale manifestazione delle madri  di Plaza de Mayo e dei sostenitori dei diritti civili. Il tema all’ordine del giorno è la campagna di protesta e di denuncia per la sparizione di Santiago Maldonado, un giovane di 28 anni che il 1 agosto di quest’anno è stato “prelevato” dalla polizia  nel corso di una manifestazione organizzata dalla Comunità Mapuche in Patagonia.

 

E’ evidente il collegamento con i 30.000 desaparecidos che i militari argentini hanno fatto “sparire” tra il 1976 e il 1983. Il caso è molto dibattuto anche perché si intreccia alla difesa dei diritti di questa comunità indigena e perché è diventato elemento non secondario della campagna elettorale (elezioni di medio termine, che si svolgeranno il 22 ottobre).   

Tra memoria e attualità politica. Una parte dell’opinione pubblica sostiene che il caso di Santiago sia lontano anni luce dal terrorismo di Stato attuato ai tempi delle giunte militari guidate da Videla e da Viola. Vi è una parte che sottolinea la continuità tra quel passato drammaticamente recente e l’oggi, insistendo sulla responsabilità dell’attuale governo.

 

Difficile capire cosa succede in Argentina oggi al di là dello scontro tra Maurizio Macri, attuale presidente, e Cristina Kirchner. Francamente riesco  a capire poco quello che avviene in questo momento nel nostro Paese. Immaginate nell’Argentina del peronismo e delle frequenti “parentesi” gestite dai militari.

 

Mi è bastato, accompagnato dal giornalista Mariano Roca, vedere una grande manifestazione di protesta della sinistra con le sue decine di sigle, movimenti, partitini. O tentare di capire, senza riuscirvi del tutto, la composizione degli schieramenti in campo secondo le classiche categorie della politica.

 

Torno sulla memoria della dittatura e dei desaparecidos perché l’Argentina sembra affrontare la questione con particolare rigore e coraggio. Sicuramente esistono delle ambiguità e vi è uno scontro sull’uso pubblico della memoria e del tema dei diritti umani.

Ciò non impedisce che vi sia a Buenos Aires uno straordinario “luogo” espositivo ed educativo realizzato presso l’ESMA, la scuola di meccanica della marina militare, che era un centro di detenzione e di tortura clandestino e che ospita l’Archivio nazionale della memoria: una finestra aperta sui processi ancora in corso e sulla ricerca di verità e di giustizia.

Un luogo analogo l’ho trovato a Cordoba. In quella che è stata la sede della polizia a pochi metri dalla splendida cattedrale vi si torva il sito della memoria. All’ingresso, sulla strada, un poliziotto in divisa spiegava a un gruppo di studenti la funzione avuta dal centro di detenzione. All’interno ricercatori e studiosi lavorano al recupero di testimonianze e alla loro conservazione e divulgazione.

 

Tra i desaparecidos vi sono anche discendenti trentini. E quello che mi ha spiegato la ricercatrice Ana Miravales, che gestisce un interessante blog  “Trentinos en Bahia Blanca” e che lavora in un innovativo museo.

 

E’ il caso di Maria Angelica Ferrari, studentessa di biochimica e militante della Gioventù Universitaria Peronista, prelevata da casa sua nel febbraio 1977 e trovata massacrata a La Plata il 21 aprile dello stesso anno dopo alcuni mesi di permanenza nel centro clandestino “La Escuelita”.      

 

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 settembre 2018
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 settembre - 19:44

Il consigliere provinciale lascia il centrosinistra. E' arrivato l'ok di Fugatti: "Non si tratta di un ex assessore o di chi ha avuto ruoli importanti all'interno del centrosinistra nella scorsa legislatura”

20 settembre - 20:31

Dei fantomatici ''Alcuni giornalisti dell'Ordine'' avrebbe depositato un esposto per un reato che non c'entra assolutamente nulla con quanto fatto da lui (''una leggerezza'', c'ha spiegato) ma qualche sito ha pensato di pubblicare le voci così come l'ha ricevute 

20 settembre - 18:39

C’è anche un progetto del Centro di biologia integrata dell’Università di Trento tra i sei programmi internazionali finanziati da una collaborazione tra Cancer Research Uk, Airc e Fc Aecc. L’obiettivo è quello di sviluppare un esame del sangue che aiuti a selezionare il trattamento da utilizzare nei pazienti con cancro alla prostata avanzato

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato