Contenuto sponsorizzato

Da Papa Francesco a Bauman: è da Assisi che arriva un'aria fresca

Sono arrivate anche qui in Umbria, durante la tre giorni di "Sete di Pace", naturalmente, le grida sguaiate di Pontida. Esse fanno parte del tunnel, non della luce. Sono parte del problema, non della soluzione
DAL BLOG
Di Lorenzo Dellai - 21 settembre 2016

Eletto presidente della Provincia di Trento per la prima volta nel 1999 resta in carica fino al 2012 quando si dimette per entrare poi alla camera dei deputati con la lista Scelta Civica nel 2013. Oggi è alla guida di Democrazia Solidale

Qui ad Assisi si respira un'aria fresca. E non solo per l'accenno di autunno che inizia a rinfrescare le colline umbre. Tre giorni di incontri sotto il titolo "Sete di Pace", organizzati dalla Comunità di Sant'Egidio e dalla Famiglia Francescana in ricordo dei trent'anni dalla prima edizione voluta da San Giovanni Paolo II.

 

Esponenti autorevoli delle diverse confessioni cristiane, ebrei, islamici, buddisti, laici non credenti: tutti riuniti non per una passerella di rito, ma per riflettere con sincerità sul difficile percorso verso la pace e l'incontro tra le religioni.
Oggi arriva Papa Francesco, a concludere le tre giornate col carisma della sua testimonianza.

 

Colori diversi dei costumi e della pelle delle persone; colori di Assisi. È una raffigurazione di una "estetica della pace", come l'ha definita Andrea Riccardi nella sua introduzione. "Ma non c'è alcuna indulgenza all'ingenuità. Abbiamo bisogno - ha detto sempre Riccardi - di dare forza e coraggio al duro processo di liberazione dal potere malevolo degli integralismi, dei fondamentalismi, dei nazionalismi di ogni genere".

 

 

"La luce in fondo al tunnel è ancora lontana - ha aggiunto Bauman, lucido portatore della cultura umanistica dei non credenti - e il percorso sarà difficile e doloroso. Il mondo attuale, nella sua configurazione globalizzata, ha messo in discussione la millenaria dialettica tra il "noi" e gli "altri": queste categorie oggi sono interpretate senza serenità, senza mediazioni, senza conoscenza, spesso con l'angoscia che produce violenza". E non a caso ha citato tre principi cari a Papa Francesco: dialogo, equità, educazione.

 

Tre giornate importanti, non solo per la prospettiva strettamente religiosa, ma anche per alimentare di nuova linfa la vita civile e la stesa politica. Una vita civile e una politica che hanno estremo bisogno del contributo delle religioni e delle culture umanistiche, se esse - come accade ad Assisi - sanno non certo disconoscere le rispettive diversità, ma comporle in un mosaico di rispetto e di collaborazione. Sono arrivate anche qui naturalmente le grida sguaiate di Pontida. Esse fanno parte del tunnel, non della luce. Sono parte del problema, non della soluzione.

 

Il futuro della democrazia, della pace, della nostra stessa sicurezza dipende invece piuttosto dalla forza e dalla costanza dello Spirito di Assisi.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 novembre - 12:56

La neve caduta in grandi quantità e appesantita anche da pioggia e temperature in risalita è instabile in molte zone. I tecnici: ''Al di sopra dei 2200 m circa gli abbondanti accumuli di neve ventata degli ultimi giorni sono instabili. Queste possono distaccarsi già in seguito al passaggio di un singolo appassionato di sport invernali e, a livello isolato, raggiungere grandi dimensioni''

18 novembre - 12:38

Nel programma domenicale "Non è l'arena", condotto su La7 da Massimo Giletti, è andata in onda una discussione isterica sull'Alto Adige tra Vittorio Feltri e Michaela Biancofiore, decisamente poco utile alla causa della comprensione della realtà provinciale da parte del grande pubblico nazionale. Alla complessità si è preferita la cagnara, perché insulti e visi avvampati - conditi da gravi inesattezze storiche - fanno più audience

18 novembre - 11:19

Canne fumarie coperte da neve, il rischio è che questa situazione crei un cattivo tiraggio del camino che impedisce la dispersione dei fumi di combustione in atmosfera, favorendo la concentrazione del pericoloso monossido di carbonio (CO) all'interno dell'abitazione

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato