Contenuto sponsorizzato

Le fake news sono tutte o quasi orientate a far crescere la domanda di un nuovo fascismo. E' una questione democratica vera e urgente

La questione delle 'false notizie', giustamente sollevata da ilDolomiti, non può trovare risposta solo nelle regole deontologiche della categoria dei giornalisti. Ci sono regole, anche penali, che vanno adeguate alle nuove sfide tecnologiche e c'è una grande azione di bonifica civile e culturale che deve essere fatta nella nostra società
DAL BLOG
Di Lorenzo Dellai - 23 luglio 2017

Eletto presidente della Provincia di Trento per la prima volta nel 1999 resta in carica fino al 2012 quando si dimette per entrare poi alla camera dei deputati con la lista Scelta Civica nel 2013. Oggi è alla guida di Democrazia Solidale

La coraggiosa e circostanziata denuncia con la quale ilDolomiti si dissocia dal l'ennesima bufala di tale Voce del Trentino deve far riflettere chiunque abbia a cuore la nostra democrazia (Qui articolo).

 

Le false 'notizie' che vengono messe in rete da questo sito effettivamente sono ormai troppe. E tutte o quasi orientate a far crescere la domanda di un nuovo fascismo.

 

La questione giustamente sollevata da ilDolomiti non può trovare risposta solo nelle regole deontologiche della categoria dei giornalisti.

 

Si tratta piuttosto della dimostrazione che quanto da tempo vanno sostenendo tante personalità istituzionali, iniziando dalla presidente della Camera Laura Boldrini, e molti osservatori, corrisponde ad una questione democratica vera e urgente.

 

Non è possibile che quanto viene veicolato sulla rete in maniera indiscriminata non trovi nessun limite e non sia sottoposto al rispetto di nessuna regola di garanzia. Pare che ormai, di fronte ad una fake news diffusa in rete, non ci sia arma di difesa.

 

Quanto alle reazioni che immediatamente la pubblicazione di queste porcherie scatena - non so in che numerosità, peraltro - possiamo dire che confermano una tendenza che si ravvisa anche in molti social: cresce il livello di violenza verbale, di odio e di volgarità. Il tutto alimentato da una sconcertante, semplificatoria superficialità di fronte soprattutto ai problemi complessi.

 

Un brutto segno che le nuove tecnologie in parte stimolano e in parte, purtroppo, solamente registrano.

 

Ci sono regole, anche penali, che vanno adeguate alle nuove sfide tecnologiche e c'è una grande azione di bonifica civile e culturale che deve essere fatta per ridurre il tasso di violenza, di razzismo e - in fin dei conti - anche di ignoranza, crescente nella nostra società.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 gennaio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 gennaio - 18:58

Gli studenti della classe terze dell'Arcivescovile  hanno scritto una lettera alla senatrice a vita per chiederle dei consigli su come affrontare i messaggi, d'odio sempre più frequenti nel mondo d'oggi. Dopo due settimane è arrivata la risposta di Liliana Segre 

27 gennaio - 19:30

Mentre anche a livello parlamentare la discussione è aperta e il primo grande banco di prova potrebbero essere le elezioni regionali in Puglia, i tre movimenti cominciano a ragionare su un blocco in sostegno a Franco Ianeselli. Intanto Dario Maestranzi è pronto a lasciare il Patt per seguire questo progetto

27 gennaio - 18:55

Dopo la grande manifestazione che ha portato 10mila persone in Lessinia in molti riferiscono di un presidente della regione, Luca Zaia, “infuriato” perché tenuto all'oscuro della proposta di legge. Il consigliere Dem Zanoni: “I veneti amano l’ambiente che è un patrimonio di tutti e non sono più disposti a vederlo sacrificato”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato