Contenuto sponsorizzato

Università al top e anche la ricerca ma non si dorma sugli allori. Il Prg del Comune non dimentichi le Istituzioni della Conoscenza

Questi risultati sono il frutto di un impegno politico e scientifico pluridecennale ma basta poco per venire risucchiati nella “normalità”. Per la città di Trento, non saprei individuare una urgenza più impellente di questa: assicurare una robusta, lungimirante e organica espansione degli spazi urbani dedicati alle potenzialità di crescita delle Istituzioni della Conoscenza
DAL BLOG
Di Lorenzo Dellai - 08 luglio 2019

Eletto presidente della Provincia di Trento per la prima volta nel 1999 resta in carica fino al 2012 quando si dimette per entrare poi alla camera dei deputati con la lista Scelta Civica nel 2013

L’ultima indagine del CENSIS conferma la posizione di eccellenza della nostra Università, che risulta al top nella classifica degli Atenei italiani di media dimensione (QUI ARTICOLO). Analoghi riconoscimenti sono arrivati da altri istituti di indagine, sia italiani che internazionali.

 

Ugualmente, la Fondazione Bruno Kessler sta confermando la propria posizione di assoluto prestigio nei campi di sua specifica competenza. Sono inoltre assodate le straordinarie potenzialità di esperienze come Cibio. Questi risultati sono il frutto di un impegno politico e scientifico pluridecennale e non si può dormire sugli allori. Basta poco per venire risucchiati nella “normalità”, come dimostra il caso di qualche altra nostra istituzione di ricerca.

 

Il sistema della conoscenza (Scuola, Università, Ricerca, Istituzioni Museali...ineccepibile in questo senso il coraggioso documento diffuso in questi giorni dal Consiglio di Amministrazione del MUSE) è per sua natura dinamico ed evolutivo: se si ferma è perduto. Ciò vale anche sul piano delle pianificazioni urbanistiche.

 

Per la città di Trento, non saprei individuare una urgenza più impellente di questa: assicurare una robusta, lungimirante e organica espansione degli spazi urbani dedicati alle potenzialità di crescita delle Istituzioni della Conoscenza e del loro incontro con la dimensione produttiva.

 

Del resto, se Trento perde questa partita, corre il rischio di sciupare una parte importante delle sue prospettive di competitività e - anche - di indebolire il suo ruolo di “piccola capitale” a servizio del territorio trentino nel suo complesso. Auguriamoci che la Variante al PRG - che il Consiglio Comunale si appresta a discutere - non manchi di indicare, in questo senso, soluzioni capaci di dimostrare questa importante consapevolezza.

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
29 gennaio - 22:26
I dati forniti dal Centro Nazionale Trapianti, la Provincia autonoma di Trento è a buoni livelli per il numero di donazioni per milione di [...]
Cronaca
30 gennaio - 11:53
La gattina di due anni è stata trovata nell'Alto Garda in condizioni molto difficili. Per salvarla è stato necessario farle flebo, reidratarla e [...]
Società
30 gennaio - 09:00
Il racconto a Il Dolomiti di Angela Kotyk: "E' il mio unico figlio, l'ho cresciuto da sola con mia mamma perché è orfano di padre: sono [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato