Contenuto sponsorizzato

Le larve di cicala vivono sotto terra fino a 2 anni

Gli adulti sono destinati a morire prima dell’inverno, ma solo dopo avere deposto le uova su piante arbustive o arboree, ma anche sugli steli di piante erbacee
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 22 dicembre 2017

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

Dove sono andate a finire le cicale che in estate facevano sentire anche da lontano il loro canto? Va detto innanzitutto che il canto della cicala (frinire) è prodotto solo dai maschi per attirare le femmine.

 

Il canto è prodotto da uno speciale organo costituito da due robuste membrane dette timballi situate una per lato del corpo, poco all’indietro dell’inserzione delle ali.

 

Gli adulti sono destinati a morire prima dell’inverno, ma solo dopo avere deposto le uova su piante arbustive o arboree, ma anche sugli steli di piante erbacee.

 

Le giovani larve sgusciate dalle uova si lasciano cadere nel terreno dove vivranno fino al momento di diventare adulte.

 

La vita terricola dura da 4 mesi a 2 anni. Le cicale sono altruiste. Succhiano linfa dalla pianta ospite. Il liquido talora è abbondante e cola lungo i rami attirando altri insetti. Primi fra tutti le formiche.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 25 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 settembre - 20:21

La diffusione del virus Comune per Comune: a Rovereto 11 casi, 8 a Trento. La Provincia di Trento maglia nera fra i territori italiani per quanto riguarda l’incidenza. Ecco la mappa dei contagi sul territorio

27 settembre - 18:22

Davide Bassi, ex rettore dell'Università di Trento, di fronte alla crescita dei contagi in Regione nelle ultime settimane, si è interrogato sulle modalità di somministrazione dei tamponi. Farne tanti è infatti sempre una garanzia di una più efficace strategia di contenimento del virus? La risposta è scettica e fa riflettere sul modo con cui la Giunta Fugatti ha comunicato in questi mesi di emergenza. "Non serve farne tanti ma alle persone giuste"

27 settembre - 19:55

Continuano a crescere in Alto Adige i casi di strutture scolastiche e per l'infanzia costrette a chiudere per l'insorgenza di contagiati tra gli alunni. Dopo i due nuovi positivi riscontrati in due istituti superiori di Bressanone e la chiusura per 2 settimane del Gandhi di Merano, anche l'asilo Moos di Sesto dovrà chiudere i battenti per la sanificazione. 13 i bambini in isolamento, assieme al personale della materna

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato