Contenuto sponsorizzato

Lotta alla cimice asiatica, porte semiaperte per l'utilizzo dei parassitoidi dell'estremo oriente

Mancano da parte dell’Ispra le linee guida secondo le quali devono essere condotte le indagini probatorie, c'è tempo 6 mesi. Un ente di ricerca competente deve dimostrare l’assoluta mancanza di conseguenze negative a carico dell’equilibrio biologico esistente nell’ecosistema ospitante. In Trentino questo ruolo spetta alla Fondazione Mach che ha ricevuto dalla Provincia di Trento un contributo di 130.000 euro
Dal blog di Sergio Ferrari - 12 settembre 2019 - 00:01

Trissolcus iaponicus e Trissolcus mixukuri sono i nomi latini di due parassitoidi originari dell’estremo oriente che sarebbero in grado di contenere lo sviluppo della cimice asiatica ormai presente stabilmente anche in Trentino in misura 10 volte superiore a quella dello scorso anno.

 

La richiesta di autorizzazione alla loro introduzione al Ministero dell’Ambiente è possibile dopo la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale del 5 settembre 2019 del Decreto firmato dal Presidente della Repubblica il 5 luglio scorso.

 

A condizione che un ente di ricerca competente dimostri l’assoluta mancanza di conseguenze negative a carico dell’equilibrio biologico esistente nell’ecosistema ospitante.

 

In Trentino questo ruolo spetta alla Fondazione Mach che ha ricevuto dalla Provincia di Trento un contributo di 130.000 euro per la realizzazione di celle di quarantena nelle quali eseguire le ricerche necessarie.

 

Mancano da parte dell’Ispra le linee guida secondo le quali devono essere condotte le indagini probatorie. Claudio Ioriatti, dirigente del Centro per il trasferimento tecnologico della Fem, informa che l’Ispra ha tempo 6 mesi per stabilire le linee guida delle prove da eseguire nelle celle di quarantena.

 

Annunciate ma finora non dichiaratamente funzionanti da parte dei responsabili della Fondazione Mach. Sarebbe utile per accorciare i tempi che l’Ispra ritenesse validi i risultati ottenuti nei Paesi di origine dei parassitoidi o in Paesi non obbligati istituzionalmente a rispettare le direttive restrittive imposte dall’Unione europea, quali la Svizzera.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 18 settembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 settembre - 18:34

Preoccupatissima la categoria per le conseguenze devastanti che si annunciano per il sistema agricolo provinciale. Tra le richieste che si valuti la possibilità di riconoscere sgravi contributivi e indennizzi alle aziende frutticole che hanno subito danni rilevanti tali da compromettere redditività e sopravvivenza, nonché si attino specifici contributi, come quelli già previsti per l’acquisto di reti anti insetto

18 settembre - 17:21

Mal sopportato da tempo l'ex sindaco di Firenze ha messo in sicurezza il partito (portandolo di nuovo al governo), ha atteso si formasse il governo (per non ridurre tutto a una questione ministeri e segretariati) e ha fatto quello che praticamente tutti, prima di lui, hanno fatto nel Pd: lasciarlo. La senatrice trentina: ''E una casa autenticamente europeista, popolare e liberale''

18 settembre - 17:17

L'incidente è avvenuto intorno alle 15.30 lungo la strada statale 240 all'altezza di un incrocio poco prima dell'abitato di Bezzecca. Il ferito elitrasportato all'ospedale Santa Chiara di Trento

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato