Contenuto sponsorizzato

La chiesa di S. Maria Maggiore riaprirà anche il pomeriggio grazie ai volontari. Era stata chiusa per furti e danneggiamenti

La chiesa del Concilio era stata chiusa per decisione del parroco alla fine di ottobre. Ora la riapertura pomeridiana grazie ad un gruppo di carabinieri in congedo assieme ad alcuni volontari

Pubblicato il - 17 December 2017 - 08:52

TRENTO. La basilica di Santa Maria Maggiore a Trento da oggi riaprirà anche nel pomeriggio, dal lunedì al venerdì, dalle ore 14.30 alle ore 17.30.

 

Il 24 ottobre scorso la chiesa del Concilio di Trento aveva deciso di chiudere le porte per cercare di prevenire furti e danneggiamenti visto in numerosi episodi che stavano accadendo. “I problemi ci sono – aveva detto don Andrea Decarli – e abbiamo assistito ad un incremento di furti e danneggiamenti”. Una scelta quindi motivata da un’oggettiva esasperazione e con l’obiettivo di sollecitare una reazione della comunità nel prendersi a cuore la storica aula conciliare.

 

A poco meno di due mesi di distanza è arrivata la nuova decisione, dopo che il parroco ha incontrato i volontari che si sono resi disponibili per garantire una presenza ai fini della tutela e della sicurezza del luogo di culto.

 

L’intervento dell’Amministrazione  cittadina ha consentito il contatto con un gruppo di carabinieri in congedo di Trento che, insieme ad altri volontari, hanno offerto la loro disponibilità, a turno, per una presenza pomeridiana. Ciò consentirà la riapertura nei giorni feriali, mentre nei festivi la chiesa resterà accessibile per le celebrazioni liturgiche.
“Saranno ben accolte - sottolinea don Decarli - altre disponibilità di volontari che vorranno aggregarsi al gruppo per questo servizio”.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 febbraio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 February - 18:27

Nell'ultimo periodo sono 52 i contagi registrati nel territorio di Giovo. Il sindaco Vittorio Stonfer ha spiegato di essersi confrontato sulla situazione con il direttore del Dipartimento prevenzione dell'Apss, Antonio Ferro. "Per noi il riferimento è l'Azienda sanitaria - spiega - ed è indubbio, sempre attraverso un confronto, che se fosse necessario adottare ulteriori provvedimenti come era stato fatto in passato a Cembra io sono favorevolissimo”

24 February - 18:12

Parte il progetto per la creazione di un innovativo skate park omologato dalla Fisr che potrà essere utilizzato anche per eventi nazionali. Il sindaco: “Praticare attività sportiva davanti al lago di Garda è una delle esperienze da provare almeno una volta nella vita”

25 February - 18:13

Sono stati analizzati 3.940 tamponi tra molecolari e antigenici. Un paziente in più in terapia intensiva. Oggi 161 guarigioni. Nelle ultime 24 ore 91 casi tra bambini e ragazzi: 46 le classi in isolamento

 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato