Contenuto sponsorizzato

Antonio Megalizzi, fondamentali le prossime 48 ore. Il padre della fidanzata: "I medici non si sbilanciano"

Emergono le voci più contrastanti in queste ore e il tamtam mediatico è arrivato a dire che le sue condizioni sarebbero irreversibili. Noi seguiamo i canali ufficiali. Le persone vicine alla famiglia comunicano che le sue condizioni sono gravi ma stazionarie

Pubblicato il - 13 dicembre 2018 - 13:08

TRENTO. Le condizioni di Antonio Megalizzi sarebbero stazionarie. Il giovane reporter, colpito da un proiettile martedì nel corso del terribile attentato ai Mercatini di Natale di Strasburgo, ha superato la notte e lotta per sopravvivere nel reparto di rianimazione dell'ospedale francese. Aggiornamenti sulla sua salute arrivano dal padre della fidanzata del giovane Danilo Moresco, tornato a Trento nelle prime ore della mattina: "Bisogna attendere 48 ore" fa sapere a ilDolomiti.

 

"Antonio è stazionario, non ci sono stati né peggioramenti, né miglioramenti. È in coma farmacologico e questo è tutto quel che posso dire. I medici non si pronunciano, servono altre 48 ore di tempo per vedere come reagisce prima di prendere decisioni", spiega Moresco. Smentisce categoricamente ogni presunta dichiarazione dei medici e le voci circolate sul web (e comparse anche su un sito trentino) secondo le quali "Antonio non si risveglierà più": "Non è così", ribadisce il padre della fidanzata, chiedendo di rispettare il dolore dei cari del giovane giornalista e non diffondere notizie non rispondenti al vero.

 

Pochi minuti fa anche Borghezio ha dichiarato che la madre di Antonio avrebbe detto che ''la situazione è irreversibile ed è disperata'' ma noi restiamo alle comunicazioni ufficiali a quanto ci viene riferito dalle persone vicine ad Antonio e alla sua famiglia e cerchiamo di non inseguire il tam-tam mediatico. La speranza ancora c'è e va sostenuta.

  

"Sarebbe un bel regalo di Natale ridarci Antonio come prima, con la sua voglia di lavorare, la voglia di studiare, di mettersi in gioco e coinvolgere gli altri" è la speranza di Moresco, condivisa da tutta la città (diversi sono i messaggi di vicinanza arrivati ieri) e, in particolare, dalla comunità della parrocchia di Cristo Re, quella della famiglia Megalizzi.

 

"Ho sentito Annamaria (la mamma di Antonio, ndr) via messaggio - fa sapere il parroco don Mauro Leonardelli - tutti noi preghiamo con lei. Lo faremo anche oggi alle 17 in chiesa e continueremo finché lui non si risveglierà".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 ottobre - 20:05

Ci sono 44 pazienti nelle strutture ospedaliere di Trento e Rovereto, nessuno si trova nel reparto di terapia intensiva ma 7 persone sono in alta intensità. Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 79 positivi a fronte dell'analisi di 1.521 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi a 5,2%

19 ottobre - 19:53

Mentre ci sono oltre 170 lavoratori che scioperano e lottano per i loro diritti, in consiglio provinciale l'assessore competente ha fatto il punto sulla loro situazione spiegando: ''E’ chiaro che non è intenzione della Pat assecondare decisioni che impattano negativamente sulle condizioni di benessere dei lavoratori, che sono i nostri lavoratori trentini, ma non possiamo però ignorare le istanze che vengono dal tessuto produttivo''. Per il segretario della Cgil ''Fugatti abbandona i lavoratori al proprio destino''

19 ottobre - 17:44

Sono stati analizzati 1.521 tamponi, 79 i test positivi nelle ultime 24 ore. Il rapporto contagi/tamponi si attesa a 5,2%. Ci sono 6 classi in più in isolamento a causa dell'epidemia Covid-19

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato