Contenuto sponsorizzato

Attentato incendiario ai mezzi militari, Ugo Rossi: ''Si tratta di stupida incoscienza e totale irresponsabilità"

Il governatore condanna l'attentato avvenuto la scorsa notte e augura buon lavoro alle forze dell'ordine. Avviate le indagini da parte della procura di Trento 

Pubblicato il - 27 maggio 2018 - 20:01

ROVERE' DELLA LUNA. "Atti come quello di stanotte sono al di fuori del vivere civile e vanno condannati con fermezza, si tratta proprio di stupida incoscienza e totale irresponsabilità". Queste le parole dette nel pomeriggio dal governatore Ugo Rossi in merito all'attentato incendiario che ha coinvolto dei mezzi militari a uso civile a Roveré della Luna.

 

Una ferma condanna, spiega il presidente della Provincia, di questo gesto inaccettabile augurando “buon lavoro alle forze dell'ordine che stanno indagando sull'episodio”.

 

L'attentato, secondo le informazioni fornite dalle forze dell'ordine, è avvenuto la scorsa notte attorno alle 2.30. Ignoti avrebbero incendiato una betoniera e danneggiato sette mezzi militari che si trovavano nell'area della caserma del Genio a Roverè della Luna.

 

Al momento non ci sarebbero rivendicazioni e le indagini sarebbero in mano ai Carabinieri. I militari, sotto la direzione della Procura di Trento, stanno indagando per atto incendiario con finalità terroristiche. Un incendio quindi di origine dolosa, con l'intenzione, da parte degli autori, di colpire l'Esercito italiano.

 

Questa area militare, ex poligono, era stata individuata circa un anno fa dal ministero dell’Interno per allestire il centro permanente dei rimpatri per i migranti

 

Successivamente però il progetto non era stato portato a termine: il ministero della Difesa, proprietario della struttura, negò la concessione.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 settembre - 05:01
L'Azienda provinciale per i servizi sanitari ha deliberato l'acquisto di 91 mila test rapidi a 409.500 euro, ma in Trentino la volontà sempre quella di puntare principalmente sui tamponi: "I test rapidi sono utili per controllare un elevato numero di persone e conseguentemente evitare chiusure di attività quali scuole e imprese. Sono armi importanti per scongiurare un eventuale ritorno al lockdown"
20 settembre - 10:08

In alcuni punti della città, nel fine settimana, si formano notevoli assembramenti. Purtroppo le persone sembrano aver archiviato con troppa facilità l’emergenza sanitaria e in pochi rispettano le precauzioni

20 settembre - 09:47

E' successo a Volano e la situazione è sotto controllo. Il contagio nel bambino sarebbe avvenuto in ambito famigliare e non sono stati rilevati altri casi a scuola 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato